Proposizione oggettiva

la proposizione subordinata oggettiva è una proposizione che fa da complemento oggetto al predicato della reggente.

Esemio: Silvia desidera ( proposizione principale) /(Che cosa?) che tu sia presente (proposizione sub. oggettiva)

Come fare l’analisi del periodo

La prima cosa che dovete fare è trovare i predicati verbali;

se c’è un solo predicato non ci sono proposizioni subordinate.

Sottolineate i verbi e dividete la frase, come ho fatto io nell’esempio;

Silvia desidera: è una proposizione che si regge da sola, quindi è la reggente o proposizione principale;

Possiamo chiederci: Silvia desidera che cosa? desidera /che tu sia presente

quindi /che tu sia presente/ risponde alla domanda che cosa desidera, per questo fa da funzione di complemento oggetto alla reggente.

La proposizione oggettiva dipende sempre da verbi personali, cioè da verbi che nella reggente hanno sempre un soggetto, espresso o sottointeso.

La proposizione può essere retta da verbi:

Enunciativi-dichiarativi: dire, affermare, proclamare, dichiarare, informare, rivelare, raccontare, riferire, promettere, scrivere, telefonare, rispondere, tacere, negare…

Esempio:

Maria mi ha scritto che tornerà presto;

ci sono due verbi: ha scritto e tornerà, quindi abbiamo una reggente o principale e una subordinata.

Dividi la frase:

Maria mi ha scritto (prop. princ.)/ che tornerà presto. ( prop. sub. oggettiva)

Mari ha scritto che cosa? / che tornerà presto ( fa da risposta alla domanda che cosa? quindi da complemento oggetto al verbo ha scritto e per questo è una sub. oggettiva).

che indicano percezione, ricordo, conoscenza: vedere, sentire, ricordare, dimenticare, accorgersi, rifiutarsi..

Esempio:

Mi rifiuto/ di starti a sentire

Barbara si è ricordata/ che doveva andare dal dentista

Ho sentito/ che partirai presto

Ricorda/ che devi finire quel lavoro

Ho sentito/ che stavano litigando

-Da locuzioni verbali che indicano opinione: credere, ritenere, essere consapevole, essere convinto, dimenticare, dimenticarsi, percepire, supporre,…

Esempio:

Suppongo/ che il film sia molto lungo

Paola si è resa conto/ di aver sbagliato

Sono sicura/ che avrai successo

-da verbi e locuzioni verbali che esprimono volontà, speranza, desiderio, timore, divieto. volere, desiderare, sperare, comandare, concedere, temere, vietare, essere desideroso, essere timoroso, impedire, …

Esempio:

Spero/ di conoscerti presto

Temo / che non ci qualificheremo

Impediscigli/ di dire sciocchezze

Forma esplicita e implicita

Nella forma esplicita

la proposizione oggettiva è introdotta dalla congiunzione che, e ha il verbo:

all’indicativo se la reggente presenta un fatto reale e certo

(Paolo dice/ che gli hai mentito)

al congiuntivo, se la reggente presenta il fatto come una ipotesi o una opinione

(Paolo crede/ che gli hai mentito)

al condizionale, se la reggente presenta il fatto come possibile

(Paolo pensa/ che potresti avergli mentito)

Nella forma implicita

la proposizione oggettiva è introdotta dalla preposizione di e ha il verbo all’infinito

Spero / di fare in tempo per l’inizio della partita

Ricordati / di passare dal meccanico

Si può costruire la proposizione implicita solo se la proposizione oggettiva ha lo stesso soggetto della reggente.

Anche quando i soggetti non coincidono la prop. sub. ogg. può essere implicita se il verbo è di volontà: ordinare, comandare, richiedere, proibire, vietare, impedire, pregare, concedere..

L’allenatore ordinò / di disporsi in due file

vi prego/ di tacere

Come distinguere una sub. ogg. da una sub. sogg.

Il verbo della proposizione principale ci permette di distinguere una prop. ogg. da una sogg.

Nelle soggettive il verbo è impersonale, senza soggetto;

Nelle oggettive il verbo è personale e ha sempre il soggetto, espresso o sottointeso;

Per non sbagliare

Non oggettiva ma finale

I verbi e i nomi che esprimono ordine, divieto, o proibizione come ordinare, proibire, comandare, impedire, vietare, reggono non una sub ogg. ma una finale.

Potete trovare “Donna è” sui SOCIAL

Facebook: Gruppo “Tante storie da raccontare”

Prodotti per bambini: quali e perchè.

Le pappe per iniziare lo svezzamento.

Giusta alimentazione per crescere bene.

Le pappe dello svezzamento

Community “Paese che vai”

Community “Le sveglie”

Bella di Natura ISTAGRAM

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.