Autore: mammansia

Togliete o no quei bavagli ai bambini?

Togliete o no quei bavagli ai bambini?

2 maggio 2022 mentre si gira indisturbati senza mascherina quasi ovunque i nostri bambini sono costretti a tenere la mascherina ancora 8 ore al giorno.

Ultimi due mesi di scuola e poi inizia il salto ad ostacoli

Ultimi due mesi di scuola e poi inizia il salto ad ostacoli

Ultimi due mesi di scuola e poi inizia il salto ad ostacoli. Estate stagione bellissima per chi non ha figli e non lavora.

Tanto va sempre a finire che i figli sono delle mamme

Tanto va sempre a finire che i figli sono delle mamme

Tanto va sempre a finire che i figli sono delle mamme.

E ve lo sottoscrivo con cognizione di causa. E care mamme se a casa vostra non è cosi baciatevi i gomiti e baciateveli tanto perché siete l’eccezione.

La regola è che tanto alla fine a pagare il conto della gestione dei figli sono sempre e solo le mamme.

Lo pagano già dalla gravidanza. Avevo una carriera lavorativa ben avviata, ma poi ho ben pensato di fare dei figli e credetemi non sono una che è rimasta a casa degli anni, sono sempre rientrata presto a lavoro ma sapete questo cosa è contato? ZERO.

I colleghi UOMINI che avevano iniziato a lavorare con me ora hanno fatto carriera, io no, io sono rimasta li perché ho avuto la pessima idea di fare dei figli.

Sono sempre io che ho dovuto chiedere il part time per poterli riprendere a scuola, mai sia che in Italia esista un solo servizio che sia accanto alle famiglie. E ovviamente part time uguale carriera stroncata, anche se stroncata lo è stata già all’annuncio della prima gravidanza.

Tanto va sempre a finire che i figli sono delle mamme

Poi mi sono separata e ovviamente i figli sono collocati presso di me e il padre ha diritto di vista.

Ripeto diritto di visita, li vede a giorni stabiliti e quando può in base alle sue esigenze lavorative perché le mie, le esigenze lavorative, ovvero quelle di una donna tanto vengono sempre in secondo anzi ultimo piano.

Che poi chissa come mai nelle separazioni di default i figli sono collocati alla madre e i padri se la cavano con la visita settimanale.

Che per carità non potrei mai vivere vedendo poco i miei figli ma sono da sola e tutto è più complicato di quello che era prima.

Se poi oso lamentarmi che sono stanca e non ce la faccio a fare tutto sono sempre quella che ha voluto la bicicletta e adesso deve pedalare. Come se i padri non avessero contribuito in egual misura all’acquisto della bicicletta. In effetti non hanno contribuito in egual misura, loro hanno contribuito meno perché smagliature cicatrici ed emorroidi sono state nostre.

Ma ogni battaglia femminista è persa dalla base ancora oggi perché è inutile che ce la raccontiamo, la verità è sempre che il lavoro della donna è meno importante di quello dell’uomo e i figli sono delle madri.

Perché secondo loro stanno bene con la mamma. E quando sono neonati perché li allatti, e dopo perché li hai viziati.

Ah si dimenticavo perché visto che stanno sempre con te colpa solo tua se sono viziati.

E guai mai chiedere a qualcuno di tenerteli per fare qualcosa per te, oh madre snaturata mentre il padre ogni sera va a farsi aperitivo.

I figli sono bicilette delle madri.

E questo è evidente sotto gli occhi di tutti e ve lo dimostro.

Quante madri e quanti padri vedete ogni giorno all’uscita da scuola?

Quindi cari padri che gagliardi vi festeggiate questa festa fatevi un esame di coscienza :”Ma io me lo merito?”

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Per la festa della donna ti auguro che ogni singolo giorno sia la tua festa

Per la festa della donna ti auguro che ogni singolo giorno sia la tua festa

E a te cara figlia oggi voglio ricordare che noi donne siamo molto più forti degli uomini. Non lo siamo fisicamente ma lo siamo nel cuore, e nella resilienza.

Amarsi dopo i figli non è affatto scontato

Amarsi dopo i figli non è affatto scontato

Amarsi dopo i figli non è affatto scontato. Anche le coppie più stabili e forti possono vacillare dopo la nascita di un figlio e al contrario quelle più improbabili possono invece rafforzarsi. Un figlio è come un uragano che arriva e scombina le carte in tavola.
E un cambiamento radicale

Anche se non mi credi sarai sempre la mia unica stella

Anche se non mi credi sarai sempre la mia unica stella

Anche se non mi credi sarai sempre la mia unica stella.

Anche i tuoi fratelli sono speciali, i figli sono tutti speciali.

Ma tu sei tu.

Tu sei la prima volta che qualcuno mi ha chiamato mamma.

La prima volta che ho sentito un pezzo di cuore che batteva fuori dal mio corpo.

Sei la prima volta che mi hai fatto conoscere un’altra me. E preoccupazioni che nemmeno sapevo esistessero.

Sei quella che ha spianato la strada ai tuoi fratelli.

E quella che ogni giorno mi stupisce, perché mentre cresci il mio essere mamma cresce di livello di difficoltà, è un po’ come un video game in cui tu sei la prima versione.

Sei la mia piccola donna. E forse tra le persone che meglio mi conoscono nelle mie fragilità.

Sei quella che mi dice le cose in faccia senza filtri. Ma anche quella che quando mi abbraccia e mi dice ti voglio bene so che lo fa davvero col cuore sincero.

Essendo la prima sei anche quella con cui faccio più sbagli. E per questo ti chiedo scusa amore mio perché essere mamma è la cosa più difficile che mia sia mai capitata.

Nove anni fa a quest’ora stava iniziando il nostro viaggio insieme. E sembra ieri che per la prima volta i nostri sguardi si sono incontrati per la prima volta.

Sei quella il cui cuore è più simile al mio. Quando parli di cani e ti commuovi pensando alla Ciuffy che non è più con noi.

Hai preso la mia testardaggine e quando ti impunti nei tuoi no sei proprio uguale a me da bambina. Quando non vuoi essere come gli altri mi ricordi me e la rabbia che mi facevano venire le mie amiche quando volevano le cose tutte uguali.

Sei come me, e io lo so che dietro quella armatura c’è una bambina di cristallo che ha bisogno di amore e calore.

Stai crescendo in fretta e ogni volta che ti chiudi in camera e mi lasci fuori vorrei solo resettare e riaverti ancora piccola.

Ma è giusto così. Che ti chiuda in camera e mi lasci fuori, tanto lo sai che io sono sempre li dietro quella porta.

Prometto di essere sempre alle tue spalle, quando avrai bisogno io sarò li. Due passi indietro ma mai lontana, pronta ad aiutarti se lo vorrai.

Sei il mio fiore più bello e prezioso.

E non potrò mai smettere di ringraziarti di avermi reso mamma.

Buon ultimo compleanno a una sola cifra amore mio immenso.

Mamma

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina  Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

potrebbe interessarti anche Essere mamma di una figlia femmina

Quanto è diventato insostenibile essere genitori e lavoratori nel 2022

Quanto è diventato insostenibile essere genitori e lavoratori nel 2022

La parola che meglio descrive il mio sentimento in questo inizio 2022 è ANGOSCIA. Angoscia per il mio futuro e quello die miei figli

39 anni di polemiche e pessimismo

39 anni di polemiche e pessimismo

Questo è il post dedicato al mio 39 compleanno. Scritto in ritardo di due giorni perché il tempo non basta mai.

Lista nascita cosa farsi regalare

Lista nascita cosa farsi regalare

Quando aspettavo Carlotta essendo alla prima esperienza per creare la sua lista nascita mi sono dovuta appoggiare al negozio. Forse se avessi letto qualcosa prima sarei andata a fare la lista nascita più preparata e informata.

Ecco allora qualche spunto per la vostra lista nascita!

Qualche apunto per idee regalo.

Lista di nascita: cosa farsi regalare?

Cosa farsi regalare al nascere di un figlio? Quali possono essere i pensieri più utili da suggerire ai nostri amici o parenti per noi genitori e per il nostro bambino? I più svariati. Ne abbiamo selezionato alcuni tra i migliori, per aiutarvi a fare la scelta giusta tra i molti. Continua a leggere e li scoprirai.

1 – Sonaglini e trastulli colorati

per un pensiero semplice ed economico si tratta di giocattoli essenziali per intrattenere e distrarre i vostri bambini. In materiale rigorosamente atossico e anti soffocamento. Mordicchiati continuamente, non dureranno a lungo e quindi avrete bisogno di una buona scorta di questi. Perciò saranno degli oggetti sempre opportuni da mettere in lista per farseli regalare. Un

2 – Passeggini

Componibili e modulabili, così da poter aggiungere o togliere le ruote all’occorrenza per trasportare i vostri bambini a mano, per esempio salendo le scale. È un accessorio indispensabile per scarrozzare avanti e dietro vostro figlio.

Il passeggino merita però un capitolo a parte e va valutato sul posto.

3 – Seggette a sdraio per bambini

Sono delle piccole sdraiette costruite intorno a una struttura basculante così da dondolare il bambino col suo stesso movimento, quando si agita o scalcia irrequieto, così da tenerlo calmo e impegnato in modo che non faccia capricci. Il dondolio concilia altresì il sonno al bambino. Ce ne sono che dondolano da sole. Ogni bimbo ha la sua tipologia preferita!

4 – Sediolino per automobile

È una precauzione fondamentale, oltre che un preciso obbligo di legge, possedere uno di questi sediolini per far viaggiare in tutta sicurezza i bambini e preservarne l’integrità in caso di incidente. La loro struttura avvolge e protegge i piccoli passeggeri da urti pericolosi e botte. Un accessorio mai superfluo in una lista di regalo per neonato.

5 – Biancheria assortita e abbigliamento

Per il giorno e per la notte:

tutine, calzini, vestitini, ecc… E in generale ogni indumento. Crescendo il bambino velocemente, il vestiario deve essere costantemente rinnovato, specie nei primi mesi. I genitori avranno quindi necessità di un guardaroba infantile riccamente fornito e inserire capi di biancheria per bambini in lista permetterà loro di ricevere un concreto aiuto economico ed essere esentati da spese non indifferenti.

6 – Necessario per il bagnetto e l’igiene quotidiana

La pulizia quotidiana dei neonati richiede il consumo di rilevanti quantità di detergenti, oli, creme idratanti, e uno o più di questi prodotti, non sarà mai di troppo in una lista di regali per la nascita di un bambino.

Salviettine igienizzate morbide, spazzoline delicate, limette apposite per neonati (le cui unghie crescono veloci e affilate). Sono tutti altri graditissimi doni per neomamme e neopapà alle prese coi loro figli.

7 – Altri accessori

Non essenziali come i precedenti, ma pur sempre graditi, sono, per esempio:

– Macchina sterilizzatrice

Per succhiotti, tettarelle, biberon e in generale ogni oggetto destinato a entrare in contatto con la bocca del bambino.

– Tiralatte

In caso di difficoltà nella suzione del latte materno direttamente dal seno da parte del bambino. È un macchinario meccanico che crea il vuoto dentro una coppetta da applicare alla mammella, estraendone il latte. Può essere azionato manualmente tramite una pompetta da schiacciare e rilasciare oppure, elettricamente (elimina la fatica di schiacciare e rilasciare ogni volta la pompetta).

– Pupazzetti di pelouche

Per fare compagnia, nella culletta o sulla sdraietta, al bambino.

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina  Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

La leggerezza del terzo figlio

La leggerezza del terzo figlio

Il terzo figlio è come una pedalata in aperta campagna, con l’aria fresca della primavera che ti scompiglia i capelli e i polmoni che si riempiono di ossigeno.