Perché i social sono un’arma a doppio taglio

Perché i social sono un’arma a doppio taglio.

Siamo ormai tutti iscritti ad almeno un social.

La bellezza degli stessi è il poter essere in contatto con persone di cui diversamente  non avremmo più notizie.

Compagni di classe, amici lontani, ex colleghi, conoscenti.

I social ci permettono di creare un filo invisibile tra noi e queste persone.

Si condividono i traguardi, i successi, gli eventi. I matrimoni, le nascite dei figli e anche i lutti.

Ci sentiamo tutti meno soli da quando ci sono i social. Anche se in realtà siamo molto più soli di una volta quando i rapporti erano umani.

Ci sentiamo ascoltati. Quando in realtà siamo semplicemente spiati.

Non possiamo proteggere i nostri figli da tutto

Non possiamo proteggere i nostri figli da tutto.

E per quanto sia doloroso e difficile da accettare dobbiamo accettarlo.

Facciamo tutti del nostro meglio, ma molto spesso questo non è sufficiente.

Non possiamo proteggerli dalla cattiveria del mondo. Dai bulli e dalle persone che li feriranno.

Dalle difficoltà che incontreranno sulla loro strada. Dagli ostacoli che dovranno superare con le loro gambe.

Noi facciamo tutto quello che si può fare. Facciamo il possibile e disperatamente cerchiamo di fare l’impossibile. E qualche volta ci riusciamo. Ma molto spesso no.

La soluzione è il part time. No la soluzione non esiste.

La soluzione è il part time. No la soluzione non esiste.

Lavoro in ufficio part time. “Che fortuna” esclamerete in molte.

Ma con questo articolo voglio dirvi che la soluzione, quando si hanno dei bambini, non è nemmeno il part time.

Innanzitutto col part time lavori, ma agli occhi degli altri e specialmente dei colleghi non fai nulla.

Lo capisco che agli occhi di una persona che lavora full time vedere il collega che fa part time faccia pensare che lo stesso lavori quasi zero. Ma vi assicuro che si lavora, eccome se si lavora, anzi molto spesso ti trovi a fare le cose che altri devono fare in otto ore nella metà del tempo.

Innamoratevi di chi vi completa senza sovrastarvi

Innamoratevi di chi vi completa senza sovrastarvi.

Di chi ogni volta che vi vede sorride, e vi guarda come se fosse la prima volta.

Innamoratevi di chi ama i vostri difetti. E sa limarli.

Innamoratevi di chi vi rispetta. A fatti e a parole.

Di chi vi sa dire “grazie” e “scusa”.

Innamoratevi di chi vi valorizza. Di chi sa coltivare la vostra autostima.

Sei una mamma perfetta?…STI CAZZI

Tu che hai partorito in pochi minuti e nemmeno un punto.

Tu che avviare l’allattamento è stato facile come una partita a biliardino

Tu che il tuo bambino ha sempre dormito esattamente tre ore tra una poppata e l’altra lasciandoti il tempo di sistemare la casa e le sopracciglia.

Tu che tu figlio quando gli dici no è no. E non esistono i capricci nemmeno per scherzo.

Che odia le merendine e mangia solo dolci fatti in casa con lo zucchero integrale e il lievito madre.

Che non ha mai visto Peppa Pig e si diletta solo con giochi rigorosamente in materiali naturali.

Perché una mamma non dovrebbe mai rinunciare a se stessa

Perché una mamma non dovrebbe mai rinunciare a se stessa.

Perché io l’ho fatto ed ammetto candidamente di avere sbagliato.

Per un  periodo di tempo troppo lungo ho rinunciato alla mia carriera e ho accantonato tutti i miei sogni in nome di un amore che era così sconfinato da meritare, secondo me, di essere messo al primo posto senza se e senza ma.

Essere mamma è molto di più di un appellativo

Essere mamma è molto di più di un appellativo.

Le mamme lo sanno. Essere mamma è un ruolo che ti cambia la vita.

I punti di vista.

Il senso delle cose.

E cosi finalmente capisci anche la tua di mamma. Le telefonate per sapere se sei arrivata, quelle che ti davano tanto fastidio. Sono cose capisci fino in fondo solo un in secondo momento, quando la mamma sei tu.

Pulizia e igiene della casa con animali e bambini

Pulizia e igiene della casa con animali e bambini

Sugli animali domestici come cani e gatti regna il pregiudizio che portino sporco in casa e che quindi una casa con animali non sia adatta ai bambini.

Io ho due cagnoline, ce le ho da sempre e Carlotta è nata in una casa abitata oltre che da mamma e papà da due sorelle a quattro zampe.

Quando lei ha iniziato a gattonare e a giocare seduta in terra le cagnoline sono rimaste in casa, vicino a lei. Non sono certo la persona che reclude i cani in giardino perché è nato il bambino!

Siamo mamme ma siamo soprattutto donne

Siamo mamme ma siamo soprattutto donne.

Siamo mamme e ciò significa che prima di essere mamme siamo state solo donne. In seguito siamo diventae ANCHE mamme.

Essere mamme non significa quindi rinunciare al nostro essere semplicemente noi stesse. Quelle di un tempo. Forse un po’ più leggere e spensierate ma comunque sempre noi stesse.

Siamo mamme e donne speciali.

Lettera alla mia futura nuora e al mio futuro genero

Lettera alla mia futura nuora e al mio futuro genero.

Si dico a voi miei futuri nuora e genero, sono la vostra futura suocera.

Partiamo da un dato di fatto: vi state rapportando con qualcosa di molto prezioso per me, i miei figli.

Loro fanno parte di me. Ogni loro cellula viene da me. Sono stata la prima a sentire i loro cuori battere e la prima a percepirne i movimenti.

Ci ho parlato a lungo quando erano dentro di me. E li ho amati alla follia ancora prima che esistessero.