Crea sito

Tag: mamma

Differenze tra prima seconda e terza gravidanza

Differenze tra prima seconda e terza gravidanza

Differenze tra prima seconda e terza gravidanza.

Alla prima gravidanza fa il test una settimana di anticipo, lo ripeti i giorni seguenti e fai misuri le beta nel sangue almeno tre volte per essere sicura che stiano crescendo bene.

Alla seconda gravidanza aspetti il ritardo e se va bene fai le beta solo una volta.

Alla terza fai il test dopo due settimane di ritardo e basta.

Alla prima gravidanza hai appuntamento dal ginecologo privato e a pagamento dopo 10 minuti dall’ultimo test.

Alla seconda valuti se ginecologo privato o consultorio

1, 2, 3 faccio i figli che pare a me

1, 2, 3 faccio i figli che pare a me

1, 2, 3 faccio i figli che pare a me.

Il che potrebbe anche significare che di figli non ne voglio nemmeno uno.

Non c’è legge che dica che perché dotata utero sia costretta a procreare.

E nemmeno una che sancisca il numero di figli che devo mettere al mondo.

La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi

La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi

“La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi”

Mai citazione fu più adatta a questo particolare momento della mia vita.

E una cosa che ancora forse non ho metabolizzato del tutto. Un evento che nella stragrande maggioranza dei casi è felice, perché deve esserlo. Ma che a me ha colto alla sprovvista, e di cui ancora forse non sono del tutto consapevole.

E barcollo ancora tra momenti di felicità e momenti di depressione.

Sono su una barca in balia del mare che a volte è calmo e a volte è agitato più che mai.

Avevo da poco riassettato la mia vita da mamma single, e avevo trovato un equilibrio ancora abbastanza instabile, precario a dire il vero. Mi sentivo come un equilibrista che cammina a piedi nudi sul filo, a tratti fiero e deciso a tratti dondolante.

Poi ho conosciuto una persona, è stato un fulmine a ciel sereno. Un incontro tra persone che dalla vita sentimentale di frustate ne avevano prese a sufficienza e in abbondanza.

Una persona di quelle che ti sa capire. Anche lui col suo carico di figli in equilibrio precario.

La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi

Abbiamo iniziato a conoscerci, e concederci dei momenti tutti per noi, sempre incastrati come nel gioco di tetris tra un impegno coi figli e uno di lavoro

E dopo alcuni mesi la sorpresa.

Ho pianto. Ma non di gioia. Ho pianto di paura di disperazione e di rabbia verso me stessa. A 37 anni certi errori non possono e non devono succedere.

Ho pianto nel panico completo.

Ho iniziato a pensare a tutti gli aspetti negativi concentrandomi solo su quelli senza concedermi il beneficio del dubbio.

Ho vissuto giorni neri.

In cui la fatica maggiore era non far trapelare nulla ai miei figli. A quelli che avevo già tra le mie braccia.

Chi vede da fuori le famiglie allargate può pensare che sia semplice. Ed invece no ci sono miliardi di variabili che mutano di giorno in giorno.

Magari un giorno va tutto bene e quello successivo invece tutto male.

Ci si barcamena. In un qualche modo.

Non è facile costruire una nuova casa quando non hai smaltito del tutto le macerie della casa precedente. Ed in questo contesto un nuovo bambino è la variabile impazzita che fa esplodere un’equazione già complicata di suo.

Poi c’è la vita. Quella che ti stupisce e che prevale sempre su tutto.

E ci sono le domande. Perché proprio adesso?

Non vi nascondo che avevo già l’appuntamento in mano per interrompere la gravidanza. Avevo le carte pronte e dovevo solo presentarmi quella mattina.

Sarebbe stato semplice, una volta uscita avrei potuto riprendere la mia vita esattamente li, dal giorno in cui l’avevo lasciata col test in mano.

Poi non ce l’ho fatta. Ho guardato quell’ecografia e non ho avuto il coraggio di farlo.

E ho potuto farlo perché lui è stato li con me.

Non ci siamo giurati amore eterno, consapevoli che i rapporti di coppia mutano nel tempo e che bisogna essere in grado di crescere insieme.

Però ci siamo promessi di parlare sempre e di ascoltarci a vicenda.

Di sostenerci e sopportarci a vicenda. E di essere sempre dalla stessa parte.

La vita ci bussava alla porta e cosa dovevamo fare se non accoglierla?

Non è una gravidanza facile. Finché ho potuto nasconderlo l’ho nascosto, provando vergogna.

So che riceverò un mare di critiche e che con questa notizia darò da parlare malignamente e a lungo.

Il senso di inadeguatezza a giorni mi schiaccia.

La vergogna. La paura delle brutte parole della gente.

Ci sono giorni in cui mi vorrei nascondere, oppure sparire. Ma non posso farlo, devo restare e andare avanti a testa alta in un qualche modo.

Ditemi pure che dovevo pensarci prima e stare più attenta. Lo so. Mi colpevolizzo già da sola ogni singolo giorno.

Ditemi che i miei figli resteranno traumatizzati. Sappiate che penso a loro ogni giorno e sto facendo tutto quello che posso perché questa gravidanza non sia un peso per loro, e anzi sia motivo di crescita.

Poi c’è lui. Che si è attaccato alla vita nel periodo più nero degli ultimi anni. Lui che ha gridato alla vita mentre il mondo esterno era morte ed isolamento.

Lui col suo cuore forte.

Che mi farà penare. Sarà durissima, lo so.

Ma ho scelto la vita. E se nulla accade per caso un giorno capirò il senso di questo caos.

 

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Dietro gli schermi ci sono mamme che piangono

Dietro gli schermi ci sono mamme che piangono

Cara ministra Azzolina,

Da semplice madre che sono volevo solo dirle una cosa.

Mentre lei vanta il successo della sua DAD ovvero didattica a distanza, dietro lo schermo del pc ci sono mamme che piangono.

Perché la sua DAD sui bambini più piccoli è per lo più un vero fallimento.

Un fallimento didattico.

Un fallimento sociale.

Un fallimento psicologico.

Sono le mamme e i bambini le vere vittime del coronavirus

Sono le mamme e i bambini le vere vittime del coronavirus

Sono le mamme e i bambini le vere vittime del coronavirus.

Iniziamo parlando dei bambini, quelli che sono prima di tutto stati additati come untori. Quelli che in realtà superano il coronavirus senza grossi problemi.

Come al solito i bambini sono stati ritenuti portatori sani di virus e allontanati senza spiegazioni dalla loro quotidianità, dalle loro scuole e dai loro amici.

Chiusi in casa senza il diritto di fare una passeggiata al parco.

Chiusi in casa  mentre loro giochi al parco sono stati transennati. E vedere quelle altalene transennate credo sia l’esempio più lampante del fallimento della nostra società

Sarà una Pasqua diversa dal solito ma sempre piena di dolcezza

Sarà una Pasqua diversa dal solito ma sempre piena di dolcezza

Sarà una Pasqua diversa dal solito ma sempre piena di dolcezza.

Manca solo l’ufficialità, ma lo sappiamo già che sarà una Pasqua in quarantena.

Ognuno nelle proprie case senza la possibilità e la bellezza di riunire tutta la famiglia.

Per me la Pasqua ha sempre significato allegria, colore, primavera, sole e tante gite all’aria aperta. Quest’anno invece mi troverò a casa da sola coi miei bambini.

Ci sono le chat, le videochiamate e i telefoni. Ma nulla potrà mai sostituirsi agli abbracci, alle risate e al valore del tempo condiviso con tutti i familiari.

Siamo in una dimensione sospesa nel tempo, e anche se la primavera sta arrivando non ne possiamo godere.

Questo mi pesa tanto. A un’anima libera, ribelle e “girandolona” come me la reclusione pesa come un macigno sulla testa.

E allora ho pensato a tutto quello che posso fare per far passare una bella Pasqua ai miei bambini.

Ci alzeremo con calma e partiremo con la caccia alle uova che sto organizzando, poi faremo un bel pranzetto noi tre e alla fine ci daremo all’apertura delle uova di Pasqua che ho scelto con molta attenzione.

Le uova che ho scelto per i miei bambini sono quelle di Dolci Preziosi.

La scelta anche quest’anno è davvero ampia!

Enea ha voluto Lamborghini, Ducati e Baby shark mentre Carlotta Super Slime, Miracle tunes, e Poopsie l’unicorno magico.

Ci sono anche le LOL, i Gormiti, le tartarughe Ninja, il richiestissimo uovo di “La Sabri”.

Novità assoluta è l’uovo di cioccolato fondente nella confezione Plastic-Free a sostegno della campagna “TartaLove” di Legambiente.

Un uovo di cioccolato che contribuirà, con il suo acquisto, a sostenere la salvaguardia delle tartarughe marine del Mediterraneo, vittime dell’inquinamento di rifiuti e plastiche in mare.

Questo è l’uovo scelto da me.

Il cioccolato al latte è sempre di ottima qualità, mentre vorrei sottolineare che quest’anno le sorprese all’interno delle uova (ehm si ne abbiamo già aperto qualcuna per affogare nel cioccolato la tristezza della reclusione) sono davvero belle e grandi.

Giochi consistenti che danno davvero soddisfazione ai bambini!

Un esempio? Nell’uovo baby shark si trovano degli squaletti grandi circa 10 cm che cantano appunto la canzoncina baby shark.

I miei figli sono sempre felici aprendo queste uova. Sono i nostri momenti di normalità, in questo periodo così grigio.

Facciamoci  compagnia raccontatemi la vostra Pasqua!

 

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Anche se siamo in pandemia non sono un’insegnante ma una mamma

Anche se siamo in pandemia non sono un’insegnante ma una mamma

Anche se siamo in pandemia non sono un’insegnante ma sono una mamma.

Lo penso ogni giorno da quando è successo questo delirio.
Mi sono trovata da un giorno all’altro a dover lavorare da casa, coi bambini e a dover fare l’insegnate della grande.
Si perché se da un certo punto di vista è logico il ragionamento che gli studenti non debbano essere lasciati allo sbaraglio, d’altro canto non è pensabile che un genitore lavori e contemporaneamente faccia da insegnante.
Le ore della giornata sono le stesse.

A te che sei tutte le mie prime volte. Alla mia primogenita

A te che sei tutte le mie prime volte. Alla mia primogenita

A te che sei tutte le mie prime volte.

In bene e in male. Nelle cose belle e in quelle brutte.

Sei stata la mia prima gravidanza, quella del non so cosa capiterà, delle paure insensate e delle emozioni tutte nuove.

I primi calcetti, le ecografie e la smania di vederti e stringerti tra le braccia.

I primi pannolini acquistati e i consigli per gli acquisti tipici delle neomamme che non sanno bene cosa servirà per davvero.

Le prime 100 tutine taglia zero che nel giro di poche settimane non sarebbero più andate ma non lo sapevo che saresti cresciuta in fretta.

Così in fretta che oggi passeggiamo mano nella mano, guardiamo le vetrine e ci sediamo al tavolino del bar per fare delle chiacchiere. Le chiacchiere da donnine.

Sui nonni quelli proprio inesistenti. E ce ne sono ve lo garantisco

Sui nonni quelli proprio inesistenti. E ce ne sono ve lo garantisco

Sui nonni quelli proprio inesistenti. E ce ne sono ve lo garantisco

Diciamoci la verità spesso nemmeno si sceglie di diventare genitori, anche nel 2020 si può diventare genitori per caso, per sbaglio.

Certo è che diventare nonni non è mai una scelta che nasce dalla propria volontà.

Essere nonni è uno status che si acquisisce per scelte di altri. Anche se gli altri sono poi i propri figli.

E in questo senso ci può anche stare che non si accetti di esserlo o semplicemente non ce ne importi. Lo si accetti come dato di fatto senza fare nulla per dimostrare di essere felici di essere nonni.

Sui nonni quelli proprio inesistenti. E ce ne sono ve lo garantisco

La conseguenza di questo si riassume con una parola MENEFREGHISMO.

Totale

Assoluto

I nonni menefreghisti sono quelli che si presentano alla nascita, fanno qualche foto giusto per dimostrare agli amici l’esistenza del nuovo nipote e poi evaporano.

Fanno ogni tanto le loro apparizioni, sempre e solo per aggiornare le foto e poi così come sono comparsi evaporano.

Sono quelli che non fanno i regali a Natale “perché tanto non ci vediamo”.

Che si dimenticano dei compleanni e se per caso se ne ricordano mandano giusto un messaggio su WhatsApp.

Che li senti solo se sei tu a chiamare. Perché a loro di sapere come stanno figli e nipoti di base frega nulla.

Sono quelli che se tu mamma dici che sei stanca e hai bisogno di aiuto ti rispondono:

“Hai voluto la bicicletta? allora pedala. io i miei figli li ho cresciuti”

“Pagherai una baby sitter”

“Io per crescere voi ho rinunciato al lavoro, tirate la cinghia e vivete con uno stipendio solo (cosa che magari negli anni 80 era anche fattibile, oggi come oggi vivere con uno stipendio è praticamente impossibile e chi lo fa rinuncia a tutto)

Poi i loro figli li hanno si cresciuti ma non da soli, semplicemente perché i nonni della generazione precedente erano nonni per davvero quasi tutti.

Che poi non è un discorso di essere nonni, ma di essere genitori dei propri figli. in fondo la madre o il padre del nipote saranno sempre tuo figlio o tua figlia.

Ma a loro non importa di aiutarli. Anzi a loro frega proprio nulla di aiutarli.

Per egoismo? Svogliatezza? Per ripicca per non amore verso il marito o la moglie scelta?

La risposta non la ho. la sto cercando ma non la trovo.

Ma lasciatemi dire che se queste persone pretenderanno un giorno l’amore l’affetto e le attenzioni dei nipoti  e dei figli le riceveranno nella stessa misura in cui le hanno donate. Vale a dire zero.

Perché i genitori di oggi sono sempre più abbandonati a loro stessi.

In vite sempre di corsa, in cui il concetto di riposo è totalmente superato.

E se una volta una neomamma si trovava circondata dall’affetto della famiglia oggi, come oggi a parte il marito non c’è quasi nessuno.

Perché la vota si è allungata e allora i nonni preferisco pensare a se stesi ed andare a divertirsi.

Perché si sentono troppo giovani per fare i nonni

E per mille motivo che personalmente non riesco a comprendere ed immaginare.

Semplicemente non lo capisco perché sono mamma e perché sono certa che sia oggi che domani per i miei figli ci sarò sempre e comunque.

A tal proposito legge anche Ci sono nonni e nonni. Mica tutti sono tutti belli e bravi

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Se ti separi qualsiasi problema di tuo figlio sarà colpa tua

Se ti separi qualsiasi problema di tuo figlio sarà colpa tua

Se ti separi qualsiasi problema di tuo figlio sarà colpa tua.

E un meccanismo automatico.

Due genitori si separano e automaticamente ogni piccolo problema del figlio dal nervosismo alla verruca sul piede sarà colpa della separazione.

Perché la società è bigotta e nonostante i genitori separati siano tanti, inconsciamente non si accetta.