La leggerezza del terzo figlio

La leggerezza del terzo figlio

La leggerezza del terzo figlio.

Se c’è una parola giusta per descrivere il terzo figlio, quella parola è proprio leggerezza.

Al primo figlio è tutto nuovo, magico, stupendo, ma anche tanto difficile. Come tutte le cose alla prima esperienza.

Non si nasce imparati, le cose si apprendono col tempo.

Un po’ come andare in bicicletta, è bello ma le prime volte è difficile, si ha paura di cadere e il senso di controllo supera il beneficio della pedalata.

Si è felici perché si è imparata una cosa nuova. Ma si va piano e la paura di cadere è ancora forte. E l’equilibrio ancora instabile.

Al secondo figlio la strada è già spianata, come in bicicletta si sa già come tenere l’equilibrio. Ma c’è ancora tensione e controllo nei minimi particolari.

Certo la pedalata ha un altro gusto, ma non è ancora spensierata e leggera.

Il terzo figlio è come una pedalata in aperta campagna, con l’aria fresca della primavera che ti scompiglia i capelli e i polmoni che si riempiono di ossigeno.

Certo è faticosa perché le strade sono dissestate, ma la paura di cadere è al minimo, e ad ogni pedalata si assapora il viaggio.

La leggerezza del terzo figlio

Ci vuole coraggio e forse è anche come buttarsi col paracadute. La paura è tanta ma poi il volo è magnifico.

E leggero il terzo figlio.

Viene su senza troppi fronzoli e soprattutto senza troppe ansie.

Sappiamo già che potrà cadere tante volte e sbattere la testa.

Che ci saranno notti insonni e notti di sonno pesante.

Che potrà avere qualche linea di febbre.

Che ci sono giorni che mangerà di più e giorni che non mangerà proprio.

E sappiamo riconoscere un pianto da capriccio da un pianto di dolore.

Che meraviglia il terzo figlio che non è mai da solo e ha sempre due fratelli pronti a soccorrerlo e a mostrargli ogni piccola cosa.

Il terzo figlio è quello che puoi affidare ai fratelli mentre fai la doccia.

Che se piange non ti preoccupi più del dovuto.

Il terzo figlio te lo godi proprio.

Certo ci vuole coraggio. Ma nella vita il coraggio paga sempre.

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina  Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Potrebbe interessarti anche Il terzo figlio viene su da solo… o quasi