Tag: figli

Diventare mamme ai tempi del covid

Diventare mamme ai tempi del covid

Ho fatto il test di gravidanza il 14 febbraio 2020. Nell’aria si sentiva lontanamente puzza di virus cinese ma niente faceva presagire quello che stava per accadere.

Quella mattina mai avrei immaginato che stavo per vivere una gravidanza totalmente diversa dalle altre due.

Oggi posso dirvi che le mamme e i neonati 2020 hanno la scorza davvero dura.

Un lungo viaggio di quaranta settimane

Un lungo viaggio di quaranta settimane

E così anche stavolta la fine viaggio si avvicina.

E stato un viaggio intenso, potente, altalenante. Abbiamo affrontato decisioni difficili e momenti più o meno felici.

La notte dormo male e mi chiedo cosa proverò quando vedrò il tuo viso. Lo stesso viso che stavo decidendo di non vedere.

Quando sentirò il tuo pianto. Quel pianto che mi spaventava solo l’idea.

Ci vuole coraggio per portare avanti una gravidanza. Ma ce ne vuole molto di più per interromperla. Oppure è il contrario.

Io so solo che ho avuto tanta paura quando quel test si è colorato. Che avrei tanto voluto non fosse vero. Ma poi dopo aver sentito il tuo cuoricino per la prima volta non ho potuto fare altro che accettarti.

Sei il bambino che non immaginavo e poi è arrivato

Sei il bambino che non immaginavo e poi è arrivato

Sei il bambino che non immaginavo e poi è arrivato.

Sei nato un assurdo pomeriggio di quasi autunno. In maniera inaspettata e traumatica per entrambi. Forse anche tu sei rimasto sconvolto ma col carattere meraviglioso che hai l’hai superata prima e meglio di me.

Sei il bambino che non immaginavo e poi è arrivato. Perché non credevo che avrei avuto figli, e non credevo avrei avuto figli maschi.

Vedevo il mondo maschile cosi lontano da me.

Non potevo nemmeno immaginare cosa stavo rischiando di perdere.

Tu sei il sole nelle mattine fredde e nebbiose d’inverno.

Sei il bambino che non immaginavo e poi è arrivato

Sei il sorriso quando la tristezza mi attanaglia il cuore.

Sei la dolcezza nei tuoi abbracci spontanei e inaspettati.

Sei la risata con quella parlantina che ti contraddistingue e la battutina sempre pronta.

Sei sveglio, intelligente e sagace.

E poi per me se bello da morire perché tanto ogni scarrafone è bello a mamma sua.

Tante volte sei più saggio di me, quando vai da tuo padre e se io ti dico che mi manchi tu mi rispondi:”Mamma ma noi dobbiamo stare un po con te e un po con papà”

Io non sono una mamma perfetta, anzi faccio ogni giorno tanti di quegli sbagli che ci si potrebbe scrivere un libro intero, per non dire un enciclopedia.

ma tutto quello che potrò fare per renderti felice ti prometto che lo farò, cosi come ti prometto che starò sempre al tuo fianco esattamente come stai facendo tu in questo periodo cosi complicato quando mi abbracci la pancia e baci Tommasino.

Si sei decisamente migliore di me.

promettimi che il mondo non ti toglierà mai il sorriso. Che non scenderai mai a compromessi con la vita e che nessuno riuscirà ad oscurare la tua mente cosi lucida, libera e lontana dai compromessi..

Promettimi che ti prenderai cura del ambino che sei e che sta dentro di te e che lo ascolterai anche quando sarai adulto.

Io farò tutto quello che posso per essere al tuo fianco sempre.

Buon compleanno al mio raggio di sole.

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Perché le scuole devono ripartire senza se e senza ma

Perché le scuole devono ripartire senza se e senza ma

Perché le scuole devono ripartire senza se e senza ma.

C’è una cosa che in questi giorni mi fa imbestialire: l’incertezza sulla riapertura della scuola.

Come se la scuola fosse un servizio di serie B.

Ha riaperto tutto. TUTTO. Siamo stati in vacanza e la vita ha ripreso come doveva essere. Solo la scuola è rimasta nel limbo. E questo mi fa infuriare.

Perché la scuola non è un parcheggio per genitori che lavorano ma allo stesso tempo è fondamentale per permettere ai genitori di lavorare e crescere i figli dignitosamente e senza privazioni.

Le difficoltà della futura mamma

Le difficoltà della futura mamma

Le difficoltà della futura mamma.

Vista da fuori la gravidanza sembra una passeggiata.

In realtà le cose stanno molto diversamente.

Il pancione non è facile da portare, il corpo è appesantito e tutti i movimenti ne risentono irrimediabilmente.

Tutti i movimenti sono rallentati e difficoltosi anche per la mamma più sprint.

Se pensate di non separarvi perché i figli sono piccoli sappiate che dopo sarà molto peggio

Se pensate di non separarvi perché i figli sono piccoli sappiate che dopo sarà molto peggio

Se pensate di non separarvi perché i figli sono piccoli sappiate che dopo sarà molto peggio.

Quante ne sento di coppie che non funzionano ma stringono i denti e restano insieme solo perché i figli sono piccoli. Magari fanno i separati in casa credendo di fare la cosa giusta verso i propri figli

Quante ne sento di donne frustate e infelici che decidono di rimandare la separazione col marito o compagno a quando i figli saranno grandi.

Se il vostro rapporto di coppia non funziona e pensate di non separarvi solo perché i figli sono piccoli vi dico col cuore in mano che stato sbagliando tutto per tanti motivi.

1- I bambini non sono stupidi. I bambini lo vedono quando l’armonia in casa non è reale. E parliamoci chiaro se una relazione è arrivata al capolinea è praticamente impossibile non litigare mai. Forse voi credete che i bambini non capiscano. Ma i bambini capiscono tutto, proprio tutto. E con che esempio cresceranno? Con l’esempio di persone che anziché vivere la propria vita inseguendo la felicità e la serenità hanno consapevolmente scelto di essere infelici. Senza contare che un giorno potreste accusare i vostri figli della vita che non avete vissuto o avete vissuto male, caricandoli di colpe che non hanno.

2-Gli adolescenti non accettano la separazione dei genitori con facilità e potrebbero non perdonarvela mai oppure accusare ingiustamente se stessi.

Se pensate di non separarvi perché i figli sono piccoli sappiate che dopo sarà molto peggio

Se i bambini piccoli sono dotati di un enorme resilienza e capacità di adattamento ai cambiamenti e alle situazioni, gli adolescenti non lo sono.

E se avete rimandato solo in attesa di avere figli più grandi avete sbagliato tutto.

Gli adolescenti vivono una fase difficile alla ricerca di capire quello che sono. Non sono adulti ma nemmeno bambini e hanno bisogno di molta più stabilità dei bambini stessi.

Gli adolescenti non perdonano nulla ai genitori e danno loro le colpe anche del buco dell’ozono. Figurati se potranno accettare una separazione.

Gli adolescenti non accetteranno mai che il padre e la madre si rifacciano una vita con altre persone dando sempre agli altri le colpe del loro malessere interiore.

I bambini no. I bambini amano a tal punto i genitori da accettare qualsiasi sia la loro decisione. E lo fanno con fiducia, la fiducia che i figli ti danno solo durante la loro infanzia

I bambini desiderano davvero vedere i genitori felici e non hanno problemi ad accettare anche nuove relazioni dei genitori stessi se l’altra persona di dimostra gentile ed empatica con loro.

Gli adolescenti no.

I bambini invece ci mettono l’amore sotto tutte le sue forme. Sono liberi dai condizionamenti e sono capaci di vedere il bello anche nelle famiglie allargate.

Genitori felici crescono figli felici.

Per questo non dimenticate mai di volervi bene. Talmente bene da prendere decisioni difficili.

Tutto quello che è fatto col cuore non è mai sbagliato

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

La gravidanza NON è un momento felice per tutte

La gravidanza NON è un momento felice per tutte

La gravidanza NON è un momento felice per tutte.

Per molte lo è grazie al cielo.

Poi ci sono quelle per cui non lo è.

Ci sono donne che hanno problemi di salute e passano ogni singolo giorno della propria gravidanza a sperare che non sia l’ultimo.

Che non sia l’ultimo di un illusione.

La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi

La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi

Mai citazione fu più adatta a questo particolare momento della mia vita.

E una cosa che ancora forse non ho metabolizzato del tutto. Un evento che nella stragrande maggioranza dei casi è felice, perché deve esserlo. Ma che a me ha colto alla sprovvista, e di cui ancora forse non sono del tutto consapevole.

E barcollo ancora tra momenti di felicità e momenti di depressione.

Sono su una barca in balia del mare che a volte è calmo e a volte è agitato più che mai.

Vogliamo iniziare a pensare al bene dei bambini o no?

Vogliamo iniziare a pensare al bene dei bambini o no?

Vogliamo iniziare a pensare al bene dei bambini o no?

Ora vi dico la mia.

La didattica distanza è inutile.

Vi parlo del mio punto di vista, di mamma di due bambini di cui una in età da scuola primaria.

Ricapitoliamo quello che è successo a questi bambini.

Da un giorno all’altro gli è stato detto che in giro c’era un virus molto pericoloso, allora per proteggersi avrebbero dovuto accettare il famoso “distanziamento sociale”.

Ripetiamo insieme “distanziamento sociale”. Ergo niente più scuola, palestra, parchetto amici.

Corse, merende, risate e giochi con i coetanei.

Si sono trovati da un giorno all’altro reclusi in casa, tra quattro mura.

Poi è iniziata da didattica distanza. Unico contatto sociale attraverso lo schermo di un computer o di un tablet.

Amici visti attraverso lo schermo, senza possibilità di contatto.

Vogliamo iniziare a pensare al bene dei bambini o no?

E noi adulti ci siamo dimenticati che i bambini scoprono il mondo attraverso il contatto.

Compiti a raffica da eseguire senza un premio o una motivazione.

“Perché li devo fare?” “Perché li devi fare punto e basta”

Una situazione che doveva essere provvisoria, di emergenza ma che dal mio punto di vista si sta protraendo da troppo tempo.

Sta diventando la normalità una situazione che di normale non ha nulla.

Sono più di due mesi. Avete presente quanto sono lunghi due mesi nella prospettiva di un bambino?

Poi c’è chi dice che non possono perdere l’anno scolastico e bisogna portare avanti i programmi a tutti i costi.

E come quando una maratoneta sta facendo una maratona, arriva un folle e gli taglia una gamba e gli si dice che non può permettersi di non concludere la maratona la deve concludere lo stesso anche senza una gamba.

Stiamo chiedendo ai nostri bambini di finire la maratona da soli e con solo una gamba.

Facendo poi ricadere la responsabilità di questo sui genitori.

Che nel frattempo hanno la testa piena di pensieri tra chi ha perso il lavoro, chi non può lavorare e chi deve lavorare lo stesso senza aver nessuno a cui affidare i figli.

Viviamo in un dramma.

Chi mi chiede che soluzioni ho da proporre penso che basterebbe guardare al resto d’europa dove le scuole stanno ripartendo.

Si possono usare gli spazi aperti, i giardini.

Sopratutto constatato che i bambini sono i meno soggetti al virus e grazie al cielo non ci sono bambini gravi.

Bisogna ricominciare a far vivere i bambini perché ne hanno bisogno tutti quanti.

Pagheremo i danni di questo distanziamento sociale e di questi mesi che hanno vissuto così, li pagheremo tutti.

Perché non esiste solo la salute fisica ma anche quella mentale che non è di minore importanza.

La didattica a distanza non potrà mai sopperire alla scuola, alla convivialità, ai sorrisi, ai giochi, alla gioia di imparare INSIEME.

Sono bambini non sono macchine vuote da riempire di nozioni.

I bambini imparano attraverso le esperienze, attraverso gli amici.

Governo perché i bambini te li sei dimenticati??

Nessuno si ricorda che sono loro il nostro futuro?

O vogliamo continuare a tutelare solo gli anziani che sono quelli che effettivamente col virus possono stare molto male  mentre i bambini, il nostro futuro, restano chiusi carcerati in casa gli anziano vanno ogni giorno a fare spesa. In fila al supermercato, all’edicola?

Vogliamo pensare ai bambini???

Vogliamo tutelare il nostro bene più prezioso nella maniera più logica possibile?

 

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Sarà una Pasqua diversa dal solito ma sempre piena di dolcezza

Sarà una Pasqua diversa dal solito ma sempre piena di dolcezza

Sarà una Pasqua diversa dal solito ma sempre piena di dolcezza.

Manca solo l’ufficialità, ma lo sappiamo già che sarà una Pasqua in quarantena.

Ognuno nelle proprie case senza la possibilità e la bellezza di riunire tutta la famiglia.

Per me la Pasqua ha sempre significato allegria, colore, primavera, sole e tante gite all’aria aperta. Quest’anno invece mi troverò a casa da sola coi miei bambini.

Ci sono le chat, le videochiamate e i telefoni. Ma nulla potrà mai sostituirsi agli abbracci, alle risate e al valore del tempo condiviso con tutti i familiari.