Natale a Montepulciano, la terza edizione

natale a montepulciano
Natale a Montepulciano

Natale a Montepulciano, la terza edizione

Sabato 18 novembre ha aperto ufficialmente la terza edizione di Natale a Montepulciano, l’evento di Natale della cittadina in provincia di Siena. Lo scorso anno eravamo stati alla casa di Babbo Natale di Montepulciano e, visto che le mie bimbe si erano divertite tanto, abbiamo deciso di tornare anche quest’anno. Per evitare la folla di dicembre, abbiamo preferito visitare Natale a Montepulciano all’apertura, in modo da poterci godere meglio sia la casa di Babbo Natale che il mercatino natalizio.

E devo dire che è stata una giornata magica. Da quando sono mamma mi piace ancora di più il Natale e la sua magia. Inoltre trovo che la cittadina di Montepulciano sia veramente molto bella e girare per il paese addobbato a festa, tra i vari chioschi del mercatino, ti permette di immergerti veramente nella magia del Natale.

decorazioni albero natale
Decorazioni sull’albero

Prima di tutto siamo stati alla casa di Babbo Natale, nel castello di Montepulciano. Ed ha sempre il suo fascino. Alla fine le varie stanze della casa si visitano in poco tempo. Quest’anno hanno cambiato la disposizione delle stanze, rispetto allo scorso anno. Qualche cambiamento, ma il risultato non cambia. Prima si arriva nella cucina, dove i bambini possono divertirsi a preparare i biscotti con le “elfe“. Poi si continua e si visita la camera da letto di Babbo Natale, dove c’è anche la scrivania con tutte le letterine già arrivate.

La visita procede con la camera da letto degli elfi (e prima si passa in una sorta di corridoio/armadio, dove si possono vedere gli abiti degli elfi). All’entrata della stanza degli elfi ci sono 2 metri sulla parete, per far misurare i bambini “aspiranti” elfi. E arriva il momento di andare a scrivere la letterina per Babbo Natale. Simpatiche elfe erano lì pronte a distribuire i fogli delle letterine. E c’erano tanti piccoli banchetti con le sedie a cui appoggiarsi per scrivere la lettera. Una volta finita, si torna dalle “elfe” a mettere il timbro per poi spedire la lettera.

giacche babbo natale
Giacche di Babbo Natale

A questo punto si arriva finalmente nella sala del trono di Babbo Natale, che è amabilmente seduto sulla sua sedia ed aspetta i bambini per salutarli. I bambini possono così fare una foto con Babbo Natale (che poi si potrà acquistare prima di uscire). Per le bimbe è sempre un’emozione. Mia figlia aveva portato un disegno per Babbo Natale, ma non è riuscita a dirgli che era per lui, per quanto grande era l’emozione. Un bel signore dalla barba bianca pronto a dispensare belle parole e sorrisi ai bambini.

ufficio postale
Ufficio Postale

L’ultima tappa è l’ufficio postale, dove i bambini possono imbucare le lettere, che poi saranno consegnate a Babbo Natale in persona. Un giro veramente molto carino, che i bambini apprezzeranno molto.

Finito il giro si può continuare a rimanere nel castello, perché le attività da fare con i bambini sono numerose. La mattina abbiamo partecipato ai laboratori (per creare decorazioni con carta, cartone e lana con il primo; ed una saponetta decorativa con il secondo). Poi le bambine si sono fatte truccare (e devo dire che le ragazze sono state bravissime con trucca bimbi… hanno realizzato dei trucchi bellissimi). Io sono rimasta incantata da un artigiano del legno, che davanti ai nostri occhi creava oggetti stupendi col torchio. Il pomeriggio poi abbiamo visitato la mostra di giocattoli ed abbiamo assistito allo spettacolo di magia, che ha conquistato tutti i bambini presenti nella sala.

cambi degli elfi
Cambi degli elfi

Per concludere la nostra visita al Natale di Montepulciano abbiamo fatto un giro nel mercatino di Natale nel corso e nella piazza principale di Montepulciano. Tantissime le casette di artigiani e le casette con prodotti tipici (dolci e salati). Io in questi mercatini comprerei tutto.

Ci siamo fermati nella casetta di una artigiana di Montepulciano, la Michi creativa, dove le mie figlie avrebbero voluto prendere tutto. Poi abbiamo preso qualche dolcetto al cioccolato. Ed abbiamo acquistato qualche prodotto alla Norcineria di un simpatico signore (da cui eravamo stati anche lo scorso anno), che ci ha raccontato dei danni subiti a causa del terremoto. E per finire in bellezza (e soprattutto in dolcezza) negli stand gastronomici nella prima terrazza (arrivando dal corso) abbiamo mangiato delle deliziose crepes alla Nutella (buonissime… da provare!).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.