Crea sito

Sangue freddo con i figli… questo sconosciuto!

no panic
No Panic

L’espressione “avere sangue freddo” si usa per indicare le persone che riescono a mantenere la calma nei momenti di pericolo. Persone che non si fanno spaventare da una situazione difficile e riescono ad affrontarla senza problemi e, soprattutto, mantenendo la lucidità.

Non esiste un corso per imparare ad avere “sangue freddo”. O ce l’hai o non ce l’hai.

Rapportandolo alla condizione di mamma, io posso dire, in tutta onestà, di non aver sangue freddo. Vorrei averlo, ma proprio non ci riesco.

Vi faccio un esempio. Sabato scorso la mia (scalmanata) bambina di 2 anni è caduta dalla sedia. Ed è scoppiata a piangere perché evidentemente si era fatta male. L’ho presa in braccio per calmarla. E fin qui tutto bene. Poi ho visto che aveva la manina sporca di sangue. E lì il mio sangue freddo è andato a farsi benedire. Panico totale.

Figlie e sangue sono due cose che non vanno d’accorso per me. Due cose che mi mandano totalmente nel pallone.

Guardando meglio ho visto che aveva un taglietto sotto al mento (cadendo aveva sbattuto alla sedia e si era tagliata!). Panico. Ero già pronta a correre al pronto soccorso. Non ci stavo capendo più nulla. Vedevo solo il sangue e quel taglietto che mi sembrava enorme.

Poi per fortuna è arrivato mio marito (che invece il sangue freddo ce l’ha) e ha preso il comando della situazione: ha preso una garza e ha tamponato un po’ il taglietto. Il sangue ha smesso di uscire quasi subito… quindi alla fine il taglietto non era così profondo… ma io ero andata totalmente nel pallone.

Se stanno male… hanno la febbre, il raffreddore o un mal di pancia, riesco a rimanere (abbastanza) tranquilla e a gestire la situazione… ma se vedo il sangue, non ci capisco più nulla. E mi capita solo con loro. Non ho mai avuto paura del sangue. Ma vederlo sulle mie figlie è diverso. Anche se si tratta di un semplice taglietto.

Era già capitato. Stessa figlia. Caduta simile. Piccolo taglietto in testa. Un po’ di sangue (poco ma abbastanza per il mio “non sangue freddo”) e panico totale.

Apprezzo le mamme che non si fanno spaventare da un po’ di sangue. Apprezzo ancora di più le mamme che seguono corsi di disostruzione per saper intervenire in caso di necessità. Apprezzo le mamme che sanno mantenere la lucidità. E vorrei imparare anch’io… chissà se ci riuscirò?!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.