“I NO”: istruzioni per l’uso

Uno dei punti più spinosi dell’educazione infantile, è il tema del NO.

Parliamoci chiaro una volta era più semplice.

I genitori erano SEVERI o PERMISSIVI.

I primi, urlavano, picchiavano e punivano ogni qual volta i figli facevano qualcosa di confusionario/rumoroso/maleducato.

I secondi, lasciavano i figli a razzolare come galline non curanti di ciò che facevano.

Oggi, si sa che i bambini sono persone e come tali meritano rispetto fin dalla nascita.

Quindi vi è molta più attenzione verso le emozioni, la non violenza, l’ascolto, ma se siamo genitori alle prime armi, arriva un momento in cui, sembra che all’improvviso, veniamo catapultati in un mondo alla rovescia.

Il famoso giorno in cui il nostro frugoletto paffuto e ridente, si trasforma in un piccolo diavoletto della Tasmania che non vuole fare niente di ciò che gli chiediamo e nemmeno l’opposto.

Ci troviamo persi.

Proviamo a fargli fare ciò che vuole, ma la sue richieste non si esauriscono mai e diventano sempre più assurde.
Proviamo a dire NO, ma le reazioni sono esplosioni simili a quando mettiamo una Mentos dentro alla Coca-Cola.

Quindi? Quello che succede più frequentemente (fatto con le migliori intenzioni), è di dire NO finché riusciamo, per poi capitolare sfiniti e acconsentire.

Ecco. Facendo così, vi rovinerete. Ve lo dico da amica. Perché vostro figlio saprà che insistendo, fosse anche fino all’infinito e ritorno (i bambini sanno avere una determinazione ed una tenacia inesauribili), prima o poi vi arrenderete. 

La fai facile, direte voi. Prova tu ad essere irremovibile in mezzo ad un ristorante con bambino che è un fascio di muscoli urlanti, che ci scivola tra le mani come un serpente e pesa come un dinosauro.

No, non è per niente facile. Ma se terrete duro una volta, la volta dopo sarà più facile e più facile ancora, fino a che il bimbo capirà che il vostro NO è NO e quindi è inutile provare a convincervi.

  • Ovviamente non potete dire no a tutto, dovrete cercare compromessi, tra il vostro pensiero e l’energia vitale e sprizzante dei bambini e soprattutto mettete in conto di poter cambiare idea nel corso del tempo perché acquisite maggiori informazioni che non sapevate o vi rendete conto di stare esagerando. Non ci sono problemi, è importante che i nostri figli sappiano che non siamo infallibili, che possiamo sbagliare, cambiare idea e soprattutto che teniamo conto di ciò che ci dicono.

Ammettiamo che siate a cena fuori con amici e vostro figlio voglia il gelato, ma voi dite NO perché ne ha già mangiato uno super cioccolatoso e grande a merenda e avete paura possa fargli male. Il bimbo protesta, si mette a piangere e voi non cedete. Poi una vostra amica vi dice che il gelato in questione è solo una pallina al fior di latte che una terza amica offre a tutti i bimbi con un cucchiaino che si trasforma in matita colorata, per festeggiare l’inizio dell’estate. Pensate che in fondo potete anche darglielo. Siete VOI che cambiate idea.
Ok, ma come dirlo a vostro figlio? Con LA VERITA’. Fatelo calmare e poi ditegli:

“Ascolta, la mamma di Mirko mi ha detto che il gelato è molto piccolo e al fiordilatte quindi non ti farà male al pancino, così ho deciso che puoi prenderlo anche tu.”

  • Un altro importante accorgimento sono le ECCEZIONI. Le eccezioni sono l’asso nella manica di un giocatore di carte, la VAR di un arbitro, il Patronus di un mago. Ci sono occasioni in cui si possono fare cose che di solito non si possono fare. Facciamo un esempio pratico:

Di solito a casa vostra non si mangia sul divano alla tv, ma al tavolo chiacchierando tra di voi.
Ammettiamo però che il papà debba andare ad una cena ed i bambini siano tristi, oppure che sia saltata una festa per un’influenza. Ecco che potete giocarvi il Jolly e inventarvi la “super serata mattacchiona” in cui si cena sul divano con i cartoni. Magari con pizza e pop corn!
In questo modo i bambini non vi sfiniranno ogni sera perché sapranno che c’è stata un’occasione speciale!

Quindi cari genitori forza! Crescere un figlio è difficile, difficilissimo, ma dentro di noi abbiamo tutto di cui abbiamo bisogno!

P.s. Quando parlo di tenere duro di fronte ad una richiesta che non potete esaudire, intendo che rimaniate fermi sulla vostra decisione, ma siate calmi e accoglienti nel sostenere vostro figlio nella frustrazione di non poter ottenere ciò che vuole.

Vi lascio anche il link di un altro mio articolo correlato:
https://blog.pianetamamma.it/diariodiunamammabradipa/tre-terribili-trappole/

Precedente Perchè festeggiare "l'ultimo giorno di scuola" Successivo Bambini e coronavirus: le difficoltá delle fasi 2 e 3

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.