Asilo: quello che le mamme vorrebbero sentirsi dire dalle maestre

Care Mamme,

l’asilo è cominciato ormai da un bel po’ – e con lui, anche il solito trantran porta e riprendi, porta e riprendi.

All’uscita, ci sono quei secondi in cui la maestra vi guarda, in una frazione di secondo collega il genitore al figlio corrispondente e poi, un sorriso ed uno sguardo accompagna il passaggio del bambino dalle sue alle vostre mani.

Ogni volta si conclude tutto con un “a domani”, ma chi di noi non spera che in quel momento la maestra ci dica qualcosa? E ognuna di noi qualcosa di diverso.

A quale mamma somigliate di più?

 

L’asociale: Questa mamma spera che la maestra dica che dal giorno dopo i bambini vengono consegnati a domicilio così non dovrà vedere più nessuna mamma. Anzi, che non le venga detto proprio nulla, ma che venga informata per scritto senza dover colloquiare. In subordine, si accontenta che la maestra non la guardi, non la saluti e non debba comunicarle NIENTE. Prega che i laboratori di Halloween e Pasqua vengano aboliti e le recite di Natale e fine anno, VIETATE.

La sognatrice: Arriva all’asilo volteggiando come nelle pubblicità degli assorbenti con le ali. Attende con impazienza che la maestra incroci i suoi occhi e ogni giorno , indugia quei due-tre secondi nella speranza che l’insegnante la fermi e le dica più o meno questo: “Signora, ma suo figlio è meraviglioso! Ho visto tanti bambini in vita mia, ma mai un ragazzino così sensibile, intelligente e dotato! Pensi che stiamo pensando di promuoverlo direttamente in quinta elementare! E poi ha decorato tutta l’aula incollando micro tessere di mosaico e formando la figura di un ornitorinco! Si vede che ha una mamma straordinaria!” Ogni giorno indugia, ma non succede proprio nulla e così se ne va via spegnendo passo dopo passo il suo sorriso a 45 denti.

La stressata: Di solito è sempre nervosa perché circondata da mamme sognatrici con figli super tranquilli e si sente sempre un po’ fuori luogo ed incompresa. Le sue amiche parlano di come il giorno prima abbiano ricamato a punto croce con i figli, mentre lei pensa che il suo, ha fatto una gara di caccole col fratello. Le dicono di come sia facile essere mamma del loro bambino, così amorevole e quieto e medita di lasciare il suo qualche ora a casa loro per vedere se le ritroverà con i capelli perfettamente in piega o come i suoi, –  che sembrano sempre reduci da un tornado. Così, un po’ incazzata e un po’ depressa, arriva a scuola aspettandosi come al solito di sentirsi dire che suo figlio è << solo un po’ vivace>>, quando per lei, è una pallina salterina impazzita che non si ferma mai e che combina guai ad ogni rimbalzo. Facendo appello a tutti i Santi che conosce, con tutta se stessa si augura un giorno di sentirsi dire: “Signora mi dia il cinque. Stare una mattinata con suo figlio manda in tilt qualsiasi cervello! Dovrebbero farle un monumento per non essere impazzita standoci tutti i giorni! Brava! Mitica!”

La preoccupata: Ha sempre paura che il figlio ne abbia combinata una delle sue ed arriva all’aula con le dita incrociate dietro la schiena. L’anno precedente, un giorno aveva tentato di sradicare un alberello in giardino, l’altro, di nascondere i grembiuli di tutti i compagni, un altro ancora, di allagare il bagno e così via. Controlla che all’entrata non ci siano Carabinieri od ambulanze perché così almeno non è successo niente di grave. In ogni caso, si aspetta con terrore lo sguardo castigante dell’insegnante e mentre arriva con gli occhi puntati a terra, confida che arrivi il giorno in cui si senta dire: “Signora da ormai 10 giorni suo figlio è proprio bravo! Ormai è maturato! Si vede che ha una famiglia alle spalle che lo segue e lo supporta!”

 

E poi ci sono io, che ogni volta spero che mi dicano “Abbiamo istituito l’entrata alle 10.30 per chi ha problemi di sonno”. Ma non succede mai…!

Se vuoi restare aggiornato, seguimi sulla mia Pagina Facebok

Precedente Autunno: una giornata in casa senza impazzire. Successivo Cani e bambini: vi dico la mia

4 commenti su “Asilo: quello che le mamme vorrebbero sentirsi dire dalle maestre

  1. Hai proprio ragione! Io rimango tra le mamme “sognatrici”. Non mi sono mai aspettata che la Maestra lo promuova in quinta, ma mi sarebbe piaciuto sentirmi dire una cosa bella che mio figlio aveva fatto quel giorno tipo “Oggi il bambino ha disegnato un camion dei pompieri” (che era uno scarabocchio ma lui lo vedeva così) oppure “Oggi abbiamo letto una storia, a casa fatevela raccontare”, oppure ancora “Oggi non ha mangiato gli spinaci, ma li ha assaggiati”… cose così, mica la luna! E comunque, prima che Lei abbia il tempo di dire “A domani”, ci infilo la domandina “Come è andata oggi?” … almeno “bene” o “tutto a posto” mi mette il cuore in pace. Un abbraccio Eli

    • diariodiunamammabradipa il said:

      Ciao cara! Anche io quando posso la domanda la faccio sempre!!!! Anche perché fino all’anno scorso mio figlio non raccontava NIENTE! Speriamo questo sia più loquace! 🙂

  2. Lallaura il said:

    Io direi che sono tra l’asociale (e qui si capisce da chi ha preso il nanerottolo) e la stressata, con vari episodi da preoccupata. Sono sempre di corsa e vado in ansia se la maestra mi dice qualcosa, perchè purtroppo so che da dire ce n’è sempre, ma per fortuna sia in negativo che in positivo. Io invidio tantissimo quelle mamme che sembrano uscite dal mulino bianco, che preparano la colazione per tutta la famiglia, che anche se hanno una piccola squadra da calcetto sono sempre serene e sorridenti. Voglio conoscere anche io il loro pusher!

    • diariodiunamammabradipa il said:

      Gestire una famiglia è difficile…quelle del mulino bianco non esistono…sono attrici pagate per farci rosicareeee. Non c’è altra spiegazione!!! 🙂

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.