DAD 2.0: forse ce la possiamo fare… O no?

DAD 2.0
DAD 2.0

DAD 2.0

Eccoci alla DAD 2.0. Il secondo anno con la DAD. Lo scorso anno la DAD è stata un fallimento su tutti i fronti. Non è servita a niente. Di certo non è servita a finire i programmi scolastici (d’altronde era così poca che veramente è stata solo un contentino per non farsi dire che non era stata attivata). E non è servita a far sentire meglio i bambini (spesso non si sentivano motivati o abbastanza apprezzati durante le lezioni). Non do la colpa alle maestre, che si sono trovate ad affrontare una situazione che non si aspettavano lo scorso anno. E comunque il loro è un tipo di lavoro da fare in presenza. Purtroppo attraverso la freddezza di uno schermo, soprattutto con bambini della scuola materna o della scuola primaria, perde molto. Riuscire a mantenere l’attenzione non è facile. La lontananza fisica non aiuta.

Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra, Maestra…

Maestra, non sento. Maestra, non mi funziona la telecamera. Maestra, ho perso il quaderno. Maestra, non ho il libro. Maestra, che dobbiamo scrivere? Maestra, puoi ripetere? Maestra, che pagina è? Maestra che hai detto? Maestra, io non ho ancora parlato! Maestra, voglio rispondere io. Maestra, non voglio leggere. Maestra, posso andare in bagno? Maestra, posso andare a bere? Maestra, ma quando finiamo? Maestra, ho sonno. Maestra, ho fame. Maestra, io non ho ancora finito. Maestra, io sono rimasto indietro. Maestra, ma che dobbiamo scrivere? Maestra, io non ho studiato la poesia.

Maestra, ci possiamo sbrigare che io sto morendo di fame! Maestra, ma la mia penna blu è scarica. Maestra, il mio iPad sta a 8, non so quanto reggerà. Maestra, la mia telecamera si disattiva da sola. Maestra, io non so come cambiare il nome quando mi collego. Maestra, anch’io voglio cambiare lo sfondo come ha fatto lui!

Regole prima di iniziare le lezioni:

  1. prendere libri, quaderni e astuccio
  2. andare in bagno
  3. bere (oppure tenere una bottiglietta vicino al computer)

E’ così difficile? Bambini che chiedono in continuazione di andare in bagno, o di andare a bere, bambini che non hanno pronto il libro della materia… Non ce la possiamo fare così!

Per non parlare di bambini che si fanno interrogare, spengono la telecamera e leggono paro paro dal libro. La maestra non se ne accorge e gli fa anche i complimenti per come hanno studiato bene. Bambini che magari a scuola non hanno mai studiato ed ora a casa diventano dei geni. Bambini che un attimo prima chiedono alla maestra se può non interrogarli e un attimo dopo ripetono la lezione perfettamente. O genitori che fanno i compiti ai figli…

Di certo non ci si annoia con queste lezioni online. Stando tutti insieme, tra smartworking e lavoro, non si riesce a non sentire quello che avviene durante le lezioni di didattica a distanza. Ovviamente io non mi permetto di intervenire, perché le lezioni sono qualcosa tra le maestre ed i bambini. Ma sentire certe cose ti fa venire veramente rabbia.

E poi ci sono maestre che dicono che per noi genitori la scuola è un parcheggio. Io vi prenderei a schiaffi. La scuola non è un parcheggio. E io non voglio le scuole aperte perché così posso liberarmi delle mie figlie per 8 ore. Voglio la scuola aperta perché con la didattica a distanza non si conclude nulla. In 2 settimane di didattica a distanza non siamo andati avanti per niente col programma. Hanno dato qualche compito, che in mezz’ora al massimo si faceva. Questa non è scuola. Vedo la differenza tra come e quanto studiano quando fanno lezione in presenza e come e quanto (non) hanno studiato con le lezioni a distanza.

Non venite a dirmi che è la stessa cosa. Oppure che non mi interessa la salute delle mie figlie. Ho visto in queste 2 settimane certe scene al parco che veramente mi fanno inorridire. A scuola le regole vengono rispettate. Fuori c’è l’anarchia più assoluta.

Per fortuna per ora è finita. Speriamo di non averne più bisogno! E che si possa fare lezione in presenza il più possibile.

Image by mmi9 from Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.