Acquisti di stagione: c’è sempre una mamma avanti a te.

Ansia da cambio di stagione ne abbiamo?

Io molta. Mi sembra ieri che facevo la figa perché avevo fatto il cambio di vestiti, che tra poco già dovrò rifarlo.

Odio il freddo e sto cominciando ad andare in depressione autunnale. Sommato a questo sono una persona programmatrice ed ansiosa che se non si desse una regolata, avrebbe già fatto un foglio di Excel con vestiti, quantità e taglie necessarie.

E quindi immaginate l’angoscia quando tu sei lì, che ti stai levando la sabbia dai polpacci e qualche mamma ti chiama e ti dice:

“Ah sai il nostro negozio preferito? Ha già messo fuori tutto e tante taglie non si trovano già più!” Più???? Io vado ancora in giro in infradito e TU negozio, hai già finito alcune taglie di felpe??? Naaaaaa.

Oppure:

“Tu hai finito di fare acquisti?” Finito???? Non ho neanche cominciato! L’estate è corta e la mia mente vuole gustarsela fino in fondo!

O altrimenti:

“Hai comprato i grembiuli, lo zainetto e pure la cornice per mettere la foto dell’ultimo giorno di scuola del 2020?” Hai voglia! Ho anche già comprato il completo da mettermi per festeggiare la terza media di Giacomo. Ma per favore!

Per me è ancora estate e voglio parlare solo di caldo, mare, abbronzatura e caldo. Infradito, costumi, caldo, sudore e caldo. Ah, caldo l’ho già detto?

E invece c’è sempre una mamma avanti a te che ha già comprato anche i paraorecchie col pelo.

Che ha già comprato, lavato e stirato i vestiti per il giorno di Natale.

Che ha acquistato i calzini corti per fine agosto, medi per settembre, lunghi per ottobre e caldo cotone per novembre.

E quando tu, un anno, complice una vacanza in montagna a settembre, fai la splendida perché hai comprato le magliette termiche, rassegnati.

Ci sarà sempre una mamma avanti a te, che avrà comprato anche i pantaloni!

 

Precedente Mamme non colpevolizziamoci! Successivo Una volta ero puntuale. Gli orari dopo i figli.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.