Crea sito

I romanzi di Candy Candy

candy candy
Candy Candy: i romanzi

Sono cresciuta con la storia di Candy Candy. Ho visto e rivisto tutte le puntate del cartone animato. Avevo (anzi li ho ancora!) anche i 45 giri con la storia raccontata (anche se purtroppo la mia collezione non è completa). Spero che prima o poi le autrici trovino un accordo e che venga pubblicato in Italia in manga. E spero anche che venga pubblicato tutto il cartone animato in dvd.

Quando ho scoperto che erano stati finalmente pubblicati i due romanzi della storia, li ho comprati subito. E così ho potuto rivivere le emozioni provate da bambina mentre guardavo il cartone. Leggevo la storia e ricordavo le scene del cartone. E mi sono emozionata leggendo questi due libri. La storia che avevo tanto amato da bambina (e che ora sto riguardando con la mia bambina perché per fortuna ho tutte le puntate registrate) mi ha fatto emozionare anche attraverso le pagine di un libro.

LEGGI ANCHE: Candy Candy compie 40 anni

E’ stato bello rivivere quelle emozioni e scoprire cose in più, che nel cartone animato non c’erano. Eventi accaduti dopo la fine del cartone. Immaginare una Candy adulta innamorata. Di chi? Non ve lo dico… dovrete leggere il secondo libro per scoprirlo.

Il romanzo di Candy Candy è stato pubblicato in Giappone per la prima volta nel 1975. Ma qui in Italia è arrivato solo nel 2014 (il primo volume) e nel 2015 (il secondo volume), grazie a KappaLab. Tutta la storia di Candy Candy (non solo come la conosciamo noi, ma anche con qualche aggiunta in più!) è suddivisa in due libri:

  1. Candy Candy – Romanzo
  2. Candy Candy – Lettere

Entrambi sono stati scritti da Keiko Nagita, che all’inizio si faceva chiamare Kyoko Mizuki. Nel 1975 la storia è stata illustrata dalla disegnatrice Yumiko Igarashi e il manga è stato poi trasformato nel cartone animato che conosciamo bene. Le controversie tra le due autrici hanno bloccato l’utilizzo e la diffusione dell’opera per molto tempo.

candy candy
Candy Candy

Candy Candy – Romanzo narra la storia di Candy Candy dal suo ritrovamento alla Casa di Pony fino alla Festa di Maggio nel collegio inglese dove Candy viene mandata a studiare dallo zio William dopo la morte di Anthony. In questa prima parte del romanzo ritroverete quindi anche la piccola Annie, Miss Pony e suor Lane (suor Maria nel cartone animato), Eliza (Iriza nel cartone) e Neal, il Principe della Collina, la famiglia Ardlay (Andrew nel cartone), Anthony, Albert, Terence e tutti gli amici di Candy.

Candy Candy – Lettere inizia dove il precedente romanzo è finito e si sviluppa in parte come romanzo classico ed in parte come romanzo epistolare. Attraverso le lettere riusciamo infatti a scoprire cosa è avvenuto ai vari personaggi dopo le vicende raccontate nel cartone. Lettera dopo lettera scopriamo cosa è successo alla Casa di Pony, che fine hanno fatto Archie e Annie, cosa è successo ad Albert e alla famiglia di Neal e Eliza. Tutte cose che nel cartone animato non c’erano. Un modo per immaginare come si sono evolute le vite di questi personaggi.

Keiko Nagita ci regala un grande romanzo epistolare, attraverso il quale una delle maggiori icone del Ventesimo secolo ci narra in prima persona la sua storia, aggiungendo numerosi dettagli – e addirittura un finale inedito – alle sue avventure, seguite e amate da sempre in tutto il mondo.

Non so se lo ricordate… il cartone animato aveva un finale aperto: durante un pranzo con tutti gli amici alla Casa di Pony, Candy scopriva da un giornale che Terence e Susanna si erano lasciati. E tutte noi abbiamo sperato che poi fossero tornati insieme.

Il romanzo ci svelerà questo dubbio? Ve l’ho scritto… Non ve lo dico! Leggetelo per scoprire se, almeno nel romanzo, l’autrice ha previsto un “happy end” per Terence e Candy!

4 Risposte a “I romanzi di Candy Candy”

  1. Io sono in possesso di un volume di una serie di romanzi di Candy , credo che fossero cinque volumi in tutto, del 1984, in Italiano ovviamente. Il mio è il quinto volume e porta il titolo ” Un’avventura ad Hollywood ” , gli altri erano ” Gli anni di Parigi, “Bentornata a Chicago”… e altri che non ricordo. Quindi esisteva anche qui il romanzo di Candy negli ’80, era però un’ edizione per bambini anche se per me è molto bello da leggere anche adesso, e non so se ci sono delle differenze con il tuo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.