Prima riunione con i genitori alla scuola Feuerstein: le attività

scuola feuerstein3 RIUNIONE GENITORI SCUOLA PRIMARIA – Un turbinio di emozioni ancora fresche, una carica ed un’energia speciale, di quelle che ti fanno capire che sì, la tua scelta è quella giusta. I bambini sono meno di 15 in classe e vengono seguiti in maniera diversa da quella tradizionale. Ci sono 4 insegnanti: la maestra prevalente, la maestra di Inglese (ogni giorno) la maestra di psicomotricità e il maestro di storia e cultura delle religioni.

LEGGI ANCHE: A scuola con i metodo Feuerstein

LA PEDAGOGIA BUONA – Ho ritrovato tutta la pedagogia “buona” nelle presentazioni dell’offerta formativa. C’era Montessori, Gardner, Steiner, Malaguzzi, c’era Piaget e Vigoskji…e poi c’era quel quid in più che mancava e credo che sia proprio quello Feuerstein. Una sorta di trait d’union tra metodi, teorie, competenze.

La maestra di Matteo è una maestra di provenienza Montessoriana  e, credetemi, vedendo il materiale che i bambini utilizzano in classe, soprattutto per lo studio della matematica, ho trattenuto le lacrime a stento. Una matematica così semplice da imparare che potrei farcela anche io, discalculica.

LA VALENZA PEDAGOGICA DEI PIZZINI – La maestra ci ha fatto vedere uno dei quaderni dei bambini e il modo in cui corregge i compiti. Non ci sono voti ma post it attaccati sul quaderno con varie scritte. Matteo mi aveva riportato a casa i post it che io ho ribattezzato i pizzini della maestra. Lontano dalla logica dei voti e dei giudizi ogni bambino è libero di auto correggersi. E questo vuol dire molto per noi che abbiamo un serio problema di grafia.scuola feuerstein7

COME INSEGNARE IL RISPETTO – Una frase mi ha colpito in maniera particolare ed è stata quella che continua a girarmi per la testa. Si può valutare un pesce dalla sua capacità di volare? Questa frase è stata detta in merito al fatto che i bambini vedono le differenze nell’apprendimento degli altri e, spesso, le fanno notare. E la maestra ha messo una pianta in classe e ha fatto notare ai bambini che alcuni fiori sono già sbocciati mentre altri sono ancora chiusi. Ma sbocceranno. Così come i bambini. Non si prendono in giro i compagni!

LA SCUOLA DEL FARE – I bambini stanno lavorando sulle regole e per far capire loro che le regole non sono importanti solo a scuola ma anche nella vita, andranno in gita al museo delle auto della polizia. Vedere le forze dell’ordine come coloro che tutelano il cittadino e non aver paura delle autorità solo perché ti fanno la multa è uno degli scopi della gita. Legare le esperienze scolastiche a quelle della società nella quale sono inseriti aiuterà i bambini a contestualizzare ogni aspetto dell’esperienza scolastica.

LA PEDAGOGIA MEDIATA – I bambini hanno bisogno di conesce i vari concetti legati alle loro esperienze. Per questo la maestra ha preparato per loro del materiale che i bambini hanno curato con lei. Sono tornati all’età della pietra, quando i primitivi non sapevano contare, hanno costruito col das dei sassolini per contare, li mettono in una scatola, divisi in sacchetti rossi a 10 a 10 per simboleggiare le decine in modo che tutti sappiano cosa sono le decine e che colore hanno. E poi la maestra chiede ad ognuno di andare in banca e prendere 35, 53, 28 sassolini. In questo modo loro sanno che devono prendere prima le decine 3 sacchetti, 5 sacchetti, 20 sacchetti e poi i sassolini singoli, 5 sassolini, 3 sassolini, 8 sassolini.

scuola feuerstein4scuola feuerstein2

 

 

 

 

 

 

scuola feuerstein

scuola feuerstein1

 

 

 

 

 

 

 

 

LEGGO E COPIO – Matteo ama in particolare uno strumeto che si chiama “LEGGO E COPIO” in cui la maestra fa leggere e copiare ai bambini dei brani che hanno consegne diverse. Matteo, che adora Caparezza, ha scritto una parte della canzone de La fine di Gaia non arriverà e ha chiesto alla maestra di trasformarla in un leggo e copio. E subito è stato accontentato.

INGLESE OGNI GIORNO – Studiare inglese ogni giorno, avere una maestra madrelingua che ti segue passo passo è una grande opportunità di crescita per tutti i bambini. Matteo è un po’ indietro rispeto agli altri per via del fatto che lo scorso anno non ha frequentato la prima elementare nella stessa scuola ma la maestra dice che recupererà pian piano.scuola feuerstein5

PSICOMOTRICITA’ – La maestra di psicomotricità ci ha spiegato che il programma che lei svolge con i bambini è strettamente legato a quello delle altre materie. Stanno lavorando sulle percezioni sensoriali per affinare la concentrazione e l’ascolto che sono un po’ carenti. Ne parlerò approfonditamentente in un altro articolo.scuola feuerstein6

STORIA DELLE RELIGIONI – Il maestro di storia delle religioni ci ha spiegato che intende toccare vari punti del cristianesimo e poi passare al buddiso e all’ebraismo. Questo per cogliere il meglio di ogni religione, intesa come filosofia di vita, come buone prassi, come valori da seguire e trasmettere.

Precedente Parchi gioco inclusivi: tutti i bambini hanno diritto di giocare Successivo Howard Gardner e le 9 intelligenze multiple

2 commenti su “Prima riunione con i genitori alla scuola Feuerstein: le attività

I commenti sono chiusi.