Howard Gardner e le 9 intelligenze multiple

howard gardnerLE NOVE INTELLIGENZE MULTIPLE DI GARDNER – La teoria delle intelligenze multiple di Gardner è stata uno dei miei esami migliori all’università. Studiare la teoria delle intelligenze multiple mi ha permesso di formare la consapevolezza che ogni bambino ha un modo diverso di comprendere il mondo che lo circonda e bisogna solo trovare la chiave giusta affinché impari i concetti nel modo che gli è più congeniale.

LEGGI ANCHE: Metodo Feuerstein e apprendimento mediato

INTELLIGENZA E MEMORIA – Ecco come riconoscere il tipo di intelligenza dei bambini e adattarlo per spiegare loro le cose. In uno dei corsi di aggiornamento per insegnanti che ho tenuto negli anni passati, mi sono tanto battuta per spiegare la teoria delle intelligenze multiple di H. Gardner.

La nostra cultura tende a dare una spiegazione logica alle cose basandosi su vista e udito senza tenere conto che ci sono più tipi di intelligenze, più tipi di memorie, che la memoria visiva non è la sola alla quale possiamo fare ricorso. Il presupposto dal quale sono partita è che se riusciamo a capire che tipo di intelligenza abbiamo davanti, come genitori prima e come educatori poi, sarà anche più facile spiegare ai bambini i concetti che vogliamo insegnare.

APPRENDIMENTO FRONTALE – Già alla scuola dell’infanzia gli educatori si trovano di fronte a bambini con presunti “ritardi cognitivi” che vanno da difficoltà nell’attenzione e/o nella concentrazione, a difficoltà di linguaggio e di espressione. Il tradizionale metodo “io spiego e tu ascolti” deve assolutamente decadere.
E allora: chi era Gardner?

VITA DI GARDNER – Howard Gardner, psicologo americano nato nel 1943, è considerato il principale rappresentante della teoria delle intelligenze multiple. Entrò all’Università di Harvard nel 1961, conseguendo il dottorato, specializzandosi successivamente in psicologia dell’età evolutiva e in neuropsicologia.
Nel 1986 ha cominciato ad insegnare alla Facoltà di Scienze a Harvard, collaborando contemporaneamente al Progetto Zero, un gruppo di ricerca sulla formazione della conoscenza, che riconosce grande importanza alle arti.
Nel corso degli anni, Gardner, oltre ad elaborare la teoria delle intelligenze multiple, si è occupato dello sviluppo delle capacità artistiche nei bambini e dell’ideazione di strumenti per migliorare l’apprendimento e la creatività attraverso forme di insegnamento e di valutazione maggiormente personalizzati.
Gardner ha ricevuto molti riconoscimenti, tra i quali alcune lauree ad honorem, tra cui quella dell’Università di Tel Aviv. Nel 1990, per le sue ricerche, è stato insignito del prestigioso premio Grawemayer dell’Università di Louisville.

LE NOVE INTELLIGENZE MULTIPLE – Il punto di partenza della concezione di Gardner è la convinzione che la teoria classica dell’intelligenza, basata sul presupposto che esista un fattore unitario, misurabile tramite il QI, sia errata. Dopo aver effettuato indagini sull’intelligenza dei bambini e su adulti colpiti da ictus, egli giunse alla conclusione che gli esseri umani non sono dotati di un determinato grado di intelligenza generale, che si esprime in certe forme piuttosto che in altre, quanto piuttosto che esiste un numero variabile di facoltà relativamente indipendente tra loro, Gardner arriva a identificare almeno sette differenti tipologie di intelligenza:

1. Intelligenza logico-matematica, abilità implicata nel confronto e nella valutazione di oggetti concreti o astratti, nell’individuare relazioni e principi. I bambini che utilizzano prevalentemente questo tipo di intelligenza vanno stimolati nell’apprendimento attraverso l’utilizzo di oggetti concreti per spiegare concetti astratti. Spiegare loro ogni concetto con una logica di causa-effetto, di numeri e relazioni.

  • riconoscimento di modelli astratti
  • ragionamento induttivo
  • ragionamento deduttivo
  • saper discernere relazioni e connessioni
  • saper svolgere calcoli complessi
  • pensiero scientifico e amore per l’investigazione

2. Intelligenza linguistica, è la più comune di tutte ed è l’abilità che si esprime nell’uso del linguaggio e delle parole, nella padronanza dei termini linguistici e nella capacità di adattarli alla natura del compito.

  • facilità di parola
  • saper spiegare, insegnare e apprendere verbalmente
  • saper convincere altri (linguaggio e scrittura persuasiva)
  • analisi meta-linguistica
  • humour basato sulla lingua
  • memoria verbale

3. Intelligenza visivo spaziale, abilità nel percepire e rappresentare gli oggetti visivi, manipolandoli idealmente, anche in loro assenza.

  • immaginazione attiva
  • saper trovare la propria strada nello spazio (forte senso dell’orientamento)
  • formare immagini mentali (visualizzare)
  • rappresentare graficamente (pittura, disegno, scultura, ecc)
  • riconoscere relazioni di oggetti nello spazio
  • manipolazione mentale degli oggetti
  • accurata percezione da angoli diversi
  • memoria visiva

4. Intelligenza musicale, abilità che si rivela nella composizione e nell’analisi di brani musicali, nonché nella capacità di discriminare con precisione altezza dei suoni, timbri e ritmi.

  • apprezzamento per la struttura della musica e del ritmo
  • sensibilità verso i suoni e i modelli vibratori
  • riconoscimento, creazione e riproduzione di suono, ritmo, musica, toni e vibrazioni
  • apprezzamento delle caratteristiche qualità dei toni e dei ritmi

5. Intelligenza cinestetica, abilità che si rivela nel controllo e nel coordinamento dei movimenti del corpo e nella manipolazione degli oggetti per fini funzionali o espressivi.

  • controllo dei movimenti del corpo “volontari”
  • movimenti del corpo “pre-programmati”
  • esternazione della consapevolezza attraverso il corpo
  • connessione mente-corpo
  • abilità mimetiche
  • perfezionamento delle funzioni del corpo

6. Intelligenza interpersonale, abilità di interpretare le emozioni, le motivazioni e gli stati d’animo degli altri. Intelligenza intrapersonale.

  • comunicazione verbale/non verbale efficace
  • sensibilità verso gli stati d’animo, i sentimenti, i temperamenti altrui
  • saper creare e mantenere la “sinergia”
  • profondo ascolto e profonda comprensione delle prospettive altrui
  • empatia
  • lavorare in gruppo in modo cooperativo

7. Intelligenza intrapersonale, abilità di comprendere le proprie emozioni e di incanalarle in forme socialmente accettabili.

concentrazione mentale

  • saper essere memore e attento
  • metacognizione
  • coscienza e discriminazione della gamma delle proprie emozioni
  • coscienza delle aspettative e delle motivazioni personali
  • senso del sé
  • coscienza spirituale

A questi tipi di intelligenza, Gardner ha aggiunto successivamente un’ottava intelligenza, quella naturalistica, relativa al riconoscimento e la classificazione di oggetti naturali; ipotizzando inoltre la possibilità dell’esistenza di una nona intelligenza, l’intelligenza esistenziale, che riguarderebbe la capacità di riflettere sulle questioni fondamentali concernenti l’esistenza e più in generale nell’attitudine al ragionamento astratto per categorie concettuali universali.
La teoria delle intelligenze multiple comporta che i diversi tipi di intelligenza siano presenti in tutti gli esseri umani e che la differenza tra le relative caratteristiche intellettive e prestazioni vada ricercata unicamente nelle rispettive combinazioni.
Per quanto l’intelligenza sia stata a lungo studiata da una moltitudine di ricercatori, si è ancora lontani dall’aver raggiunto un consenso unanime su una definizione capace di fissarne le caratteristiche di maggior rilievo.
Senza pretendere di dire l’ultima parola in merito, si può comunque affermare che l’intelligenza, in un’ottica evoluzionistica, intesa come strumento che migliora l’adattamento all’ambiente, è in primo luogo la capacità di risolvere nuovi problemi, oppure di risolvere vecchi problemi in maniera innovativa.

Precedente Prima riunione con i genitori alla scuola Feuerstein: le attività Successivo Halloween: decorare magliette per bambini

5 commenti su “Howard Gardner e le 9 intelligenze multiple

  1. Interessantissimo il pensiero di Gardner, in effetti avere un’inclinazione piuttosto che un’altra non significa essere meno o più intelligenti rispetto ad altri
    Solitamente si assoccia l’eccellente memoria o il ragionamento logico matematico a persone intelligenti, ma anche la sensibilità verso il prossimo è intelligenza
    Tutto stà nel capire quale attitudine si ha da piccoli e cercare di valorizzarla il più possibile…ed è qui purtroppo che viene la parte difficile per noi genitori che magari abbiano inclinazioni diverse dai nostri figli e non riusciamo a captare quali siano le loro

  2. ciao, volevo ringraziarti per la partecipazione al mio giveaway. p.s: ho letto un pò di tuoi post precedenti; anch’io sono mancina, come te, e anch’io ho tante difficoltà nell’imparare le cose perchè nessuno riesce a spiegarmele dal verso giusto! mia nonna mi aveva insegnato la maglia, ma ora chi se la ricorda+, spero di rimediare presto! ciao

  3. Avevo già sentito parlare di Gardner però devo davvero farti i complimenti. Mi piace moltissimo leggere i tuoi post che trattano argomeni seri perchè sai esporli con semplicità e diventano proprio piacevoli da leggere oltre che facili da capire! Claudia

I commenti sono chiusi.