Come conservare le bucce degli agrumi | video

COME CONSERVARE LE BUCCE DEGLI AGRUMI

Da quando è nato questo blog, nel 2008, la mia vita ha subito moltissimi cambiamenti. Uno dei più grandi riguarda la mia rivoluzione lavorativa che mi ha portata dall’essere responsabile pedagogico in una catena di asili nido e scuole per l’infanzia all’essere downshifter sulla via del veganesimo.

Oggi lavoro part time, da casa, e ho raggiunto un equilibrio.Ma non so per quanto andrà avanti. Intanto mi godo questo momento di moderazione.

LEGGI ANCHE: Marmellata di mandarini

La rivoluzione della mia vita passa anche dal lato alimentare. La sostenibilità del cibo che mangiamo, a km zero e, possibilmente, autoprodotto, è un sogno che, ormai, ho capito essere quasi irrealizzabile. Non va bene per me. Sono nata e cresciuta nella patria della porchetta di Ariccia. Non potevo essere vegana. Ho provato tante volte ma proprio no. Così come ho imparato a trovare una mediazione tra orto e cibo, tra merendine e dolci fatti in casa tra surgelati e cibi freschi.

Continuo ad autoprodurre le conserve sia di pomodoro che di marmellate durante la stagione estiva ma ho imparato anche ad ad acquistare prodotti surgelati come i pisellini quando non è stagione e quando le mie scorte sono finite.

Ho demonizzato per tanto tempo i prodotti industriali, per tanti versi continuerò sempre a pensare che le coltivazioni intensive e lo sfruttamento massivo e indiscriminato delle risorse siano da condannare. Ma non sono più sicura che le aziende siano tutte uguali. E non sono più convinta che i cibi da me preparati più sani o più nutrienti dei loro.

Soprattutto quando poi si impegnano ad attuare campagne di trasparenza e dialogo in cui posso fare tante domande e loro chiariscono i miei dubbi.

Inoltre, secondo i dati forniti dalla FAO, dal World Resources Institute e dall’UE, un terzo del cibo prodotto nel mondo viene perduto o sprecato.
In UE, nel 2014, questo ha significato 89 milioni di tonnellate di alimenti buttati via.
Gran parte dello spreco avviene tra le mura domestiche. In Italia, una stima dello spreco ammonta a 450€ per famiglia ogni anno.

450€ a famiglia all’anno. Una cifra mostruosa.

(fonte  ricerca Segrè and Falasconi, 2011)

Per saperne di più circa la ricerca potete cliccare qui

Dal mio downshifting ho imparato a non sprecare nulla. Qualunque cibo entri in casa mia non deve uscire dalla pattumiera. Non butto nulla. Ad esempio, ho girato questo piccolo video su come ho imparato a non sprecare le bucce delle arance e dei limoni

E’ un fatto frequente e banale: molto spesso si ragiona per luoghi comuni e per sentito dire, senza consultare le vere fonti.

Questo post nasce da una vera conversazione e collaborazione con Findus su own your conversation

Precedente Quando la mamma è in vacanza...meglio avere un Amyko! Successivo Giochi play-doh per bimbi felici