Risparmiare coi coupon: no. Grazie

RISPARMIARE COI COUPON

Sono iscritta ovunque da mesi. Monitoro la situazione di tutte le offerte di coupon on line, sui gruppi facebook, con le newsletter. Mi sono abbonata ad ogni cosa per cercare di capire se e come sia possibile ottenere un risparmio significativo con i coupon e ho scoperto che sono contrari ad ogni tipo di logica. Vi spiego il perché.

COUPONING MANIA

Complice un noto programma televisivo americano, anche in Italia le grandi aziende stanno immettendo sul mercato, alle loro condizioni, i coupon. Ma attenzione. Non è tutto oro quello che riluce e, guardando meglio le offerte nei negozi e on line, si capisce che il vero risparmio non c’è. Per una serie di motivi:

  1. Grandi marchi poco sostenibili: Il primo motivo, quello più lampante, è che solo le grandi aziende emettono coupon e solo in alcune grandi catene di distribuzione in negozio e on line. Non acquisterò nemmeno uno di quei prodotti perché le grandi aziende utilizzano materie prime poco sostenibili per realizzarli. Le offerte on line sono davvero convenienti: a fronte di tre pezzi acquistati ne ricevi 9 in cambio. Potrebbe sembrare un’offerta favolosa. Se non siete fan dell’autoproduzione come me i prodotti delle note marche costano il triplo degli altri. Per risparmiare basterebbe acquistare detersivi e casalinghi di marchi meno noti.
  2. Acquista 3: di solito le offerte cominciano con “acquista 3 prodotti di…” e riceverai un buono da…poi devi fare la stampa dello scontrino (possibilmente separato dal resto) inviarla, loro ti rimandano il buono, poi devi andare nel negozio dove hai acquistato l’oggetto e spendere il buono negli stessi prodotti che avevi già comprato. Non lo trovate arzigogolato?
  3. Stampa i buoni: almeno 5 sono i siti in cui sono iscritta per stampare buoni sconto. La stampa deve essere a colori, fatta in un certo modo e non modificabile. Un pacco di lievito, ad esempio, mi costa 2,05€ e potrei usufruire di un buono sconto di 0,30. Tra l’elettricità della stampante e l’inchiostro e il recarmi nel punto vendita più vicino (invece che nel mio) ecco che ho azzerato il risparmio.

COME RISPARMIARE SULLA SPESA VERAMENTE –

Dal 21 Ottobre 2009 sono passati 5 anni. Quella è la data del mio primo licenziamento. Da allora ho imparato ad acquistare consapevolmente risparmiando. Scelgo il mercato rionale sempre e poi, siccome usufruisco dei buoni pasto aziendali del mio compagno, ho scelto un piccolo negoziante della zona per quella spesa che non posso fare al mercato. Ecco qui. Autoproduco il più possibile e cerco di non sprecare nulla inventando ricette gustose e sane pure con le bucce delle patate. In questo modo la mia spesa mensile per 3 persone (detersivi, cosmetici, casalinghi e alimentari) si aggira intorno ai 200€…In cinque anni non sono riuscita a fare meglio.

Precedente Lavoretti per bambini sul cielo con schede per il collage da scaricare Successivo Corso Feuerstein PAS Basic: la mediazione e il mediatore