Come facilitare l’inserimento al nido: consigli per genitori

INSERIMENTO AL NIDO

Come facilitare l’inserimento al nido – In questi giorni, insieme allo staff educativo degli asili nido in cui lavoro, si sta delineando il progetto didattico del prossimo anno, il calendario degli inserimenti di settembre, il regolamento e il calendario delle chiusure.

LEGGI ANCHE: Le 10 canzoncine più belle che i bambini cantano al nido

Una dei nostri punti di forza è il rapporto che le educatrici di sezione instaurano con le famiglie delle bambine e dei bambini che frequentano i nostri nidi. Abbiamo così pensato di segnare alcuni semplici consigli per prepararsi al momento dell’inserimento, per favorire un buon ambientamento in modo da garantire la serenità della frequenza. Ecco alcuni suggerimenti:

COME SCEGLIERE IL NIDO GIUSTO

Visitate l’asilo. Parlate con le educatrici, parlate con le altre mamme, portate il bambino con voi. Avrete la possibilità di valutale la sua reazione e il modo delle maestre di approcciarsi con lui.
Non abbiate timore di sembrare insistenti. I genitori devono sentirsi tranquilli.

COSA FARE UNA SETTIMANA PRIMA DI INIZIARE IL NIDO

  • Parlare con le bambine e i bambini della nuova esperienza con entusiasmo
  • Raccontate quanti giochi troveranno, le canzoncine che canteranno il nome delle educatrici, i bimbi che ci saranno e quanto saranno buoni i pranzetti che preparerà la cuoca
  • Cercate di fare in modo che le bambine e i bambini abbiano un oggetto di transizione in questa fase delicata: un peluche, il ciuccio, il biberon con il succo o la camomilla a seconda delle loro abitudini e cominciate a darglielo se piangono a casa prima ancora di prenderlo in braccio o di consolarlo. La stessa cosa chiedete di fare anche alle educatrici dell’asilo. Sarà un modo per le bambine e i bambini di “autoconsolarsi” nel momento del bisogno.

COSA FARE DURANTE L’INSERIMENTO AL NIDO

  • Salutate la bambina o il bambino con un grande sorriso e poi, con decisione, andate via evitando di continuare a salutarlo. Se continuerete a salutarlo percepirà la vostra indecisione, penserà che qualcosa non va e comincerà a piangere…
  • Salutatelo e sorridete se guarda alla finestra o dall’aula e andate via; sfuggite la tentazione di nascondervi per vedere quello che fa. Potreste correre il rischio di essere scoperti e visti e, come sopra, il bimbo comincerà a piangere nel vedervi ancora lì;
  • Comprendetelo e fategli capire che a volte, quando si sta per superare un momento difficile, si piange;
  • Infondetegli sicurezza… soprattutto comprendete che l’inserimento non è facile e costa tempo e fatica;
  • Evitate di lasciarvi prendere dall’ansia e di mostrarla alle bambine e ai bambini…
  • Inoltre se conosciamo i nostri figli, sapremo di sicuro che ognuno di loro è diverso, ha i suoi ritmi e necessita di un “tot” di tempo per inserirsi a scuola

COMPORTAMENTI DA EVITARE…

  • Entrare a scuola col bimbo in braccio se già cammina: per lui il passaggio dalle braccia della mamma o del papà a quelle dell’educatrice è più difficoltoso…quale bambino ha voglia di lasciare le braccia dei suoi genitori?
  • Non dire bugie al bambino tipo: torno presto, vado a parcheggiare e vengo o cose del genere (potrei scrivere un libro in materia!!!) ma raccontargli sempre la verità
  • Non soffermarsi troppo nell’atrio ma salutare il bambino con un grande sorriso e andare via, in questo modo si trasmetterà sicurezza al piccolo.
  • Se il bambino ha difficoltà ad entrare in classe cerchiamo di capire qual è il motivo del suo disagio: il 99% delle volte il disagio è dentro di noi, se noi ci mostriamo sereni, decisi e coerenti il nostro piccolo si sentirà rassicurato dal nostro atteggiamento

PER APPROFONDIRE: scarica gratuitamente l’ebook sull’inserimento

Precedente Detersivo e ammorbidente fai da te: 5 semplici ricette Successivo Rimedi naturali per capelli rovinati dal mare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.