Resilienza come rendere i bambini più forti

Resilienza è un termine metallurgico che sta ad indicare la capacità di un materiale di resistere agli urti senza spezzarsi.

In psicologia la resilienza è definita come la capacità delle persone di resistere o di adattarsi ad un cambiamento, la capacità di reagire dinnanzi le difficoltà e gli eventi drammatici e la capacità di affrontare la vita in maniera positiva.

resilienza

Lo psichiatra e psicanalista Boris Cyrulnik definisce la resilienza così:

“è l’arte di navigare sui torrenti. Un trauma sconvolge il soggetto trascinandolo in una direzione che non avrebbe seguito. Ma una volta risucchiato dai gorghi del torrente che lo portano verso una cascata, il soggetto resiliente deve ricorrere alle risorse interne impresse nella sua memoria, deve lottare contro le rapide che lo sballottano incessantemente. A un certo punto, potrà trovare una mano tesa che gli offrirà una risorsa esterna, una relazione affettiva, un’istituzione sociale o culturale che gli permetteranno di salvarsi”

Cyrulnik cercava risposte alle domande che i bambini sofferenti si ponevano “come posso fare per essere felice?”, “perché devo soffrire tanto?”, domande di bambini che avevano subito traumi, dalla violenza sessuale, all’abbandono o ad un lutto.

Naturalmente per questi bambini c’è bisogno, oltre che di una forza interiore e di tanto amore, di persone professionali e specializzate per aiutarli ad affrontare gli eventi drammatici che hanno subìto e vissuto. E c’è bisogno di credere in una nuova vita, in una vera e peorpia rinascita.

Ma come possiamo invece noi genitori aiutare i nostri figli a formare la loro armatura o meglio la loro resilienza?

Probabilmente per alcuni bambini la resilienza è già parte della propria personalità, ma un genitore può contribuire ad accrescerla attraverso delle accortezze.

Un rapporto ad alto contatto tra genitore e figlio può aiutare a trasmettere sicurezza al bambino che si sente amato e protetto. Un abbraccio in un momento di rabbia o capriccio viene considerato spesso la miglior cura per un bambino. Un’infanzia vissuta con amore, un’insegnamento a prendersi le proprie responsabilità, ad essere autonomi ed attivi, ad essere indipendenti nelle scelte ma sempre nel rispetto degli altri, ad avere stima di se stessi senza essere superbi, lo stimolo a reagire in modo tempestivo ad un disagio aiuterà il bambino a formare la sua corazza e di conseguenza la sua resilienza.

Se hai trovato l’articolo interessante metti “Mi piace” alla mia pagina facebbok Mamma e figlio e leggi anche

Soffermarsi a guardare con gli occhi di un bambino

Coccole ai neonati

 

 

.

 

Precedente Pasqua in agriturismo con tutta la famiglia Successivo Bonus bebè cos'è e come richiederlo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.