Addio lampadine

Da domani le lampadine a incandescenza non verranno più prodotte e vendute, non solo per lampadari ma anche per frigoriferi e apparecchi elettronici.

Via libera, invece alle lampadine a basso consumo e ai led che permettono un grandissimo risparmi dal punto di vista economico e da quello dell’impatto ambientale in termini di minore emissione di CO2

Secondo la Commissione Ue, queste misure dovrebbero portare entro il 2020 a un risparmio energetico pari al consumo di 11 milioni di famiglie all’anno e a una riduzione delle emissioni di anidride carbonica di 15 milioni di tonnellate all’anno.

Inoltre, secondo una stima elaborata dall’Enel, le lampadine fluorescenti durano in media 8/10 volte in più rispetto alle tradizionali e arrivano a consumare fino all’80% in meno. In pratica, per una lampadina a risparmio energetico accesa 5 ore al giorno, si consumano 99 Kwh all’anno per una spesa complessiva di soli 16 euro. Si risparmieranno, dunque, 65 euro all’anno e se si considerano almeno 3 lampadine, il portafogli degli italiani guadagnà a fine anno ben 195 euro. (il fatto quotidiano)

Sul sito topten si possono vedere confronti tra varie marche e modeli di elettrodomestici per comprendere quale sia il migliore in termini di sostenibilità economica ed ambientale.

Resta da vedere in quale modo dovremmo smaltire le nuove lampadine.

Precedente Il costumino della bambola fai da te Successivo Organizzarsi per la merenda ecosostenibile a scuola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.