Crea sito

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa

In questi giorni di quarantena molti genitori cercano consigli su come intrattenere i propri bambini. La routine quotidiana, per i bambini, è importante, scandisce il tempo, aiuta noi genitori a preparare un piano di attività da fare insieme a loro per cercare di passare il tempo in serenità, aiutando la crescita in modo armonico. Cerchiamo di scandire la giornata, più o meno come si fa al nido. Una giornata tipo prevede una rotazione di attività:

  1. sveglia e coccole
  2. toilette e cambio (lavare mani, viso, dentini, cambio pannolino) cerchiamo di favorire l’autonomia insegnando al bambino, già dai 6 mesi, a lavare manine, visino e dentini da solo.
  3. colazione
  4. attività (15 minuti) da scegliere tra quelle proposte
  5. lavare mani e viso
  6. Riposino: Se il bambino non riposa più al mattino si può proporre la lettura di un libro in modo da favorire il riposo oppure una breve passeggiata come consentito dalle norme della quarantena
  7. spuntino: favoriamo, laddove il bambino non sia più allattato, la sua autonomia. Mentre gli date la frutta potete mettere una ciotolina con un po’ di frutta e un cucchiaio a sua disposizione. Non abbiate paura che si sporchi. Poi lo laverete! La manipolazione e l’assaggio in autonomia dei cibi è importante a questa età.
  8. toilette e cambio (lavare mani, viso, dentini, cambio pannolino)
  9. attività (15 minuti) da scegliere tra quelle proposte
  10. lavare mani e viso
  11. Preparazione al pasto. Mentre voi cucinate sistemate il bambino accanto a voi e dategli qualche ciotolina e qualche cucchiaio, una manciata di farina (la stessa che utilizzate per preparare il pasto) oppure la pastina in modo che la sua naturale propensione all’imitazione venga invogliata.
  12. Pranzo: così come la colazione e lo spuntino potete mettere una ciotolina con un po’ di pappa e un cucchiaio a sua disposizione
  13. lavare mani e viso
  14. Preparazione alla nanna con lettura storia e canzoncine
  15. Risveglio e coccole
  16. toilette e cambio
  17. merenda (come spuntino)
  18. Attività   (15 minuti) da scegliere tra quelle proposte
  19. lavare mani e viso
  20. Preparazione della cena con pentole e coperchi: mentre voi preparate la cena potete offrire al vostro bimbo una serie di pentole e coperchi con cui sperimentare i suoni, sistematelo a terra, accanto a voi e osservatelo mentre impara a conoscere tutti gli oggetti che gli avete proposto
  21. bagnetto e cambio
  22. cena
  23. lavare mani e viso
  24. attività (15 minuti)
  25. Preparazione alla nanna con lettura storia e canzoncine

Ecco qualche gioco da cui prendere spunto

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – BOTTIGLIE SONORE

Le bottiglie sonore sono un materiale molto stimolante per i bambini piccoli dai 6 mesi in su. Si possono costruire a partire da materiale riciclato e recuperato e sono un gioco intelligente e creativo che va a toccare tutti e 5 i sensi contemporaneamente: il tatto perché è particolare manipolarle, l’udito perché è piacevole ascoltarle, la vista perché sono belle da vedere, il gusto perché se assaggiate non sono tossiche e l’olfatto perché, con l’aggiunta di spezie possono profumare. Puoi provare a costruirle leggendo le istruzioni a questo link: bottiglie sonore

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – il cestino dei tesori

Questo gioco è adatto per i bimbi dai 6 mesi in su ed è stato inventato partendo dall’osservazione del bambino della psicopedagogista inglese Elinor Goldschmied.
Di solito si utilizza un cestino basso di robusta costruzione in vimini, senza maniglie, ma vanno bene anche un cassettino di legno o una scatola di cartone pesante, purché non siano di plastica. La prima volta verrà riempito in base alla fantasia dei genitori e a ciò che si ha a disposizione.
Dopodiché, a seconda degli interessi del bambino, verranno inseriti nel cestino dei tesori, gli oggetti che il piccolo predilige.
Dai 6 agli 8 mesi circa i bambini sono molto attratti dalle scatoline colorate, le osservano, cercano di aprirle, le gustano e poi ripetono le operazioni.
Dagli 8 ai 10 mesi c’è la fase del “controllo qualità”: i bimbi amano afferrare le targhette con le indicazioni per il lavaggio o la composizione dell’oggetto che si trovano sui giocattoli ma anche sugli indumenti. Se mettete nel cestino dei tesori un orsetto o una bambola di pezza da cui fuoriesce la targhetta, vedrete vostro figlio che la osserva, la manipola e cerca in tutti i modi di assaggiarla. È interessato non all’orsetto, ma alla sua etichetta!
Dai 10 ai 12 mesi circa il bimbo è ormai abbastanza padrone dei suoi movimenti, quindi ama aprire e chiudere le scatole, scuotere o battere tra loro gli oggetti per sentirne il rumore, e comincia anche a impilarli o ad allinearli.
Trovate le istruzioni per costruire il cestino dei tesori a questo link: cestino dei tesori

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – Tutti a tavola!

Intorno agli 8-12 mesi di vita vengono introdotti nella dieta del bambino quasi tutti gli alimenti.
Sta alla sensibilità delle mamme capire quali sono i gusti dei propri figli, ma ci sono tanti giochi da fare a tavola, divertenti e semplici, per aiutare il bambino ad accettare il cibo serenamente. Perché anche a tavola un po’ di divertimento non guasta mai!
Ad esempio tagliamo la mela a cubetti, le carote a bastoncino e proponiamole al bambino in modo che possa manipolarle e assaggiarle in sicurezza. Inoltre ricordiamo di dargli sempre, in questa fase, una sua ciotolina con un po’ di pappa all’interno e un suo cucchiaio con cui sviluppare la propria autonomia. Ricordiamo che all’asilo nido la maggior parte dei bambini di 12 mesi mangia tutto da sola!

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – CUCU’ SETTETE

Questo gioco può essere di grande aiuto per la crescita del bambino poiché gli insegnerà che le cose che non vede non sono sparite per sempre, bensì riappaiono. Tutto ciò che non è a sua portata non scompare prodigiosamente, ma esiste in qualche altro luogo e presto tornerà.
Intorno ai 7-8 mesi quasi tutti i bimbi soffrono di “ansia da separazione”, cioè hanno paura di essere abbandonati dal genitore quando non lo vedono più. Il gioco del cucù, vecchio come il mondo, aiuta il bambino a capire che un oggetto esiste anche se lui non lo vede. Quindi, anche se la mamma e il papà scompaiono dalla sua vista, non sono andati via per sempre ma riappariranno presto! Si può giocare al cucù in molti modi: quando il bimbo è molto piccolo, basta nascondere il viso tra le mani e poi, sorridendo vistosamente, scoprirlo esclamando: «Cucù: settete!». Tutti i bimbi adorano questo gioco e non si stancherebbero mai di farlo!
Prima c’è, poi non c’è più, poi di nuovo c’è… Che divertente!
Ridere o mostrare sorpresa quando una persona fa sparire e riapparire il viso con le mani è già un inizio di consapevolezza.
Non appena il nostro piccolo è in grado di stare seduto da solo, prendiamo la sua pallina preferita oppure il suo orsetto e la sua copertina. Giochiamo un po’ con lui con questi oggetti e poi facciamogli vedere che li stiamo nascondendo sotto la copertina. Il bimbo deve vedere che la pallina e l’orsetto sono là sotto.
Chiedetegli: «Dov’è? Tu lo vedi? Dove sarà andato? », e poi, se il bimbo non si muove per prendere l’oggetto sotto la copertina, tiratelo fuori dicendo: «Cucù: settete!».
Quando i bimbi cercano un oggetto nascosto sotto i loro occhi o quando cercano di imitare i genitori facendo delle smorfie con il viso e degli strani movimenti con il corpo, stanno acquisendo la consapevolezza delle cose intorno a loro: stanno scoprendo che gli oggetti ci sono anche se al momento non si vedono.
Spesso le cose che i bambini fanno a questa età ci divertono e ci fanno sorridere, ma per loro sono assolutamente serie e importanti! Attraverso il gioco, l’esplorazione dell’ambiente circostante e la relazione con gli “altri”, i bambini così piccoli cominciano a conoscere l’ambiente che li circonda: imparano a dominare le proprie azioni, apprendono la comunicazione alternando le fasi di silenzio-ascolto con quelle di imitazione-ripetizione dei suoni e cominciano a distinguere ciò che è permesso da ciò che non lo è…

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – le costruzioni

Le costruzioni sono un gioco molto stimolante per i bimbi di ogni età. Possiamo cominciare a proporle intorno ai 6 mesi. Infatti, dai 6 ai 12 mesi, solitamente, i bimbi hanno imparato l’arte della prensione e sono in grado di stare seduti da soli e di incuriosirsi davanti alle costruzioni.
In commercio ne esistono molte varianti per i bimbi così piccini. Quelle di cui parlerò qui sono morbide, coloratissime, leggermente profumate, insapori e atossiche.
Essendo di gomma morbida, uniscono tutte le caratteristiche percettive adatte a stimolare correttamente i sensi del bambino: sono colorate (vista), sono di gomma (tatto) sono morbide (gusto) sono profumate (olfatto).
Non appena i bimbi apriranno la scatola con le costruzioni rimarranno senza fiato per la bellezza dei colori; poi vorranno prenderle, assaggiarle, e pian piano cominceranno anche a impilarle una sull’altra. è bene che il gioco delle costruzioni non sia guidato dall’adulto, ma che il bimbo sia lasciato a sperimentare l’utilizzo dei pezzi senza intervento.
Le “costruzioni” si chiamano così perché in effetti servono a costruire, ma
per i bimbi non è così. I piccolini devono ancora dare una valenza agli oggetti, hanno bisogno di capire a cosa servono e perché si usano.E potranno capirlo solo se si avrà la pazienza di stare a guardare, senza intromettersi nel gioco del piccolo architetto in erba. I bimbi hanno bisogno di sperimentare ogni singolo oggetto per capire a cosa può servirgli. E non sempre l’utilizzo che ne fanno corrisponde allo scopo per cui è stato costruito!

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – pentole e coperchi

Per i bambini tra gli 8 e i 10 mesi non c’è gioco più bello che aprire gli sportelli della cucina, trovare pentole e coperchi, svuotare completamente gli scaffali e mettersi a sbattere, scuotere, riempire e svuotare. Se volete cucinare in serenità tenendo sott’occhio il vostro piccolo, provate ad allestire un cassetto di pentole e coperchi a sua portata, tutto per lui.
Metteteci dentro

  • due o tre tegami di diverse dimensioni
  • due o tre pentoline
  • una pentola grande
  • due o tre coperchi di diverse dimensioni
  • arnesi da cucina sempre in metallo (mestolo, cucchiaio…)

Nei negozi di giocattoli si trovano pentole, coperchi e arnesi da cucina in acciaio, che sono assolutamente identici a quelli veri ma formato bambino. Il piccolo potrà incastrare, infilare, togliere, mettere, confrontare, scuotere, suonare mentre voi, lì accanto, potrete preparare tranquillamente la vostra cena!

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – la pasta di sale

La pasta di sale è facilissima da preparare, si presta a tutti i tipi di decorazione e può essere colorata con ogni tipo di soluzione e, soprattutto, si può scegliere la forma che più ci piace dando spazio alla fantasia e all’originalità. Trovate le istruzioni per farla a questo link: pasta di sale

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – le sensory boxes

Le sensory boxes sono un gioco molto apprezzato al nido che viene riproposto ogni volta che ci sono situazioni da scoprire sotto tanti punti di vista, si può preparare una sensory box per ogni occasione: natale e le festività, le 4 stagioni, i colori e così via.

A questo link le istruzioni per realizzare la sensory box sui colori

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – i travasi

Uno dei giochi preferiti dai bimbi dell’asilo nido è quello di manipolare e travasare le varie farine messe loro a disposizione. Anche a casa si può riproporre la stessa modalità di gioco, soprattutto se avete bambini di età diverse ma comunque piccoli tra 10 mesi e 5 anni. A questo link 3 opzioni per giocare ai travasi con la farina

10 giochi per bambini da 6 mesi a 1 anno da fare in casa – all’aperto

I bimbi che sono nati lo scorso anno non conoscono la primavera. Molto probabilmente non sono mai stati in un parco e non hanno avuto la possibilità di giocare con l’erba. La primavera è tempo di pic nic e scampagnate, di fiori sui prati e sugli alberi, di profumi e insetti che ronzano tutti da scoprire. Anche se non avete un giardino in casa e in questo momento non si può andare in un parco, basta un vaso, un po’ di terra e fantasia! A questo link qualche spunto per i giochi da fare all’aperto

pER TROVARE NUOVI SPUNTI E CONDIVIDERE ATTIVITA’ ISCRIVITI AL MIO GRUPPO FB 101 GIOCHI INTELLIGENTI E CREATIVI DA FARE COL TUO BAMBINO DA ZERO A 5 ANNI

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.