REI reddito d’inclusione

REI Reddito d’Inclusione

rei reddito d'inclusione

Per combattere la povertà in Italia è possibile accedere ad un nuovo contributo economico a partire dal 1° Gennaio 2018, il suo nome è REI.

Le domande per il REI potranno essere presentate in comune dal 1° Dicembre 2017 e per essere accolte dovranno presentare i seguenti requisiti:

  • presenza nel nucleo familiare di un minorenne
  • presenza di un disabile con un suo genitore o il suo tutore
  • presenza di una donna in stato di gravidanza (superato il 5° mese e con documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica che lo accerti)
  • presenza di un componente che abbia compiuto 55 anni e con i requisiti di disoccupzione
  • valore ISEE in corso di validità non superiore a 6.000 €
  • valore ISRE (ISR diviso la scala di equivalenze)non superiore a 3.000 €
  • valore di patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 €
  • valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10.000 € (ridotto ad 8.000 € per la coppia e a 6.000 € per la persona sola)

Sono inoltre richiesti altri requisiti per tutti i componenti del nucleo familiare:

  • che nessuno percepisca già prestazioni a sostegno del reddito per disoccupazione
  • che nessuno possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità)
  • che nessuno possieda possieda navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005)

Bisogna inoltre essere:

  • cittadino dell’Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo
  • residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della domanda

Con il REI oltre ad ottenere il beneficio economico, che verrà erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (carta REI), il richiedente dovrà sottoscrivere e seguire un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà. Un piano messo a punto dal Comune e nello specifico dal centro per l’impiego, sevizi sanitari, scuole e soggetti privati.

Nel momento in cui viene a mancare un solo requisito di quelli elencati il bonus verrà immediatamente sospeso, ed i tempi per una successiva domanda saranno ben più lunghi!

Vediamo ora le tabelle del valore economico

Precedente I commenti non richiesti Successivo I bambini sono i veri supereroi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.