Il valore educativo del gioco al centro delle relazioni socio-familiari

G COME GIOCARE 2015

Per il secondo anno consecutivo ho avuto la possibilità di partecipare a g come giocare, la manifestazione più attesa per gli amanti del gioco e del giocattolo. Con me ho portato anche Matteo che ha potuto provare tutte le novità del mercato ludico-ricreativo in vista del Natale.

LEGGI ANCHE: Mamma e papà i migliori giocattoli per bambini

IL GIOCO E LA TECNOLOGIA

Assogiocattoli, l’associazione italiana fabbricanti di giocattoli, ha preparato una conferenza dal titolo:”gioco cibo per la mente” e in accordo con il Cremit, condotto una ricerca dal 2009 ad oggi su come sono cambiati gli stili ludici con l’avvento della tecnologia. Quello che emerge è un quadro in cui i piccoli vengono posti in relazione con i giochi tecnologici e con i primi smartphone molto precocemente, soprattutto riguardo al possesso di questi ultimi si abbassa la soglia di età intorno ai 7 anni.

IL GIOCO E LE RELAZIONI SOCIALI

Il gioco quindi al centro delle relazioni sociali: poco strutturato con i piccolissimi attraverso l’utilizzo di materiali di uso comune da far esplorare alle bambine e ai bambini sull’esempio del cestino dei tesori e del gioco euristico.


IL GIOCO E LA RICERCA CREMIT

Il dato che più mi ha colpito è stato quello che ha riguardato il rapporto ludico genitori-figli in cui si evidenzia che i papà sono quelli che giocano di più con i bambini. Inoltre il fatto che già a 7 anni la maggior parte dei piccoli abbia un cellulare mi disturba non poco. A cosa occorre un cellulare a 7 anni?

G COME GIOCARE

Matteo ed io siamo partiti da casa al mattino, molto presto. Lui era eccitatissimo all’idea di andare a Milano da solo con me ed io ero fiera di averlo accanto. All’andata abbiamo chiacchierato tanto, al ritorno ha dormito per tutto il tempo!

La manifestazione è stata molto interessante, come ogni anno e, in occasione dell’uscita dell’ultimo film della saga, lo stand di star wars era favoloso!

Inoltre abbiamo molto apprezzato i lego e i giochi da tavolo. Matteo è un patito di krosmasters e abbiamo acquistato tanti personaggi che ci mancavano per rendere le nostre sfide più entusiasmanti.

Vi lascio con millemila foto della nostra giornata

 

Precedente Calendario dell'avvento con tecnica scrapbooking Successivo Preparato per cioccolata calda in barattolo: delizioso!