Primo giorno di scuola con il metodo Feuerstein

PRIMO GIORNO SCUOLA METODO FEUERSTEIN – Il primo giorno di scuola Feuerstein comincia con i bambini accanto ai genitori. Tutti sorridono, emozionati e sereni, le maestre si guardano tra loro, complici ed entusiaste di cominciare una nuova avventura. Si entra in classe dove la maestra accoglie i bambini uno ad uno, li saluta e consegna loro una busta con le letterine che compongono il loro nome. “Andate a scegliere il vostro cubotto, è importante, conterrà le vostre cose per tutto l’anno” Genitori e bambini si dirigono verso i cubotti (armadietti aperti) e incollano le letterine (Big shot santa subito!)

LEGGI ANCHE: Come funziona il metodo Feuerstein

Poi i bambini di seconda accolgono i bambini di prima consegnando loro una coccarda con scritto 1 e le maestre consegnano ai bimbi di seconda la coccarda con scritto 2.

LA STORIA DEI PALLONCINI – E poi è l’ora della Storia. La maestra S. è coinvolgente, basta un suo cenno della mano per far ammutolire tutti. La storia è quella dei bambini che vivevano in un mondo in bianco e nero, la LIM proietta figure di luci e ombre senza colori…”Un giorno i bambini videro dei palloncini colorati ed ogni bambino ne afferrò uno. Nessuno voleva lasciarli andare perché i non avevano mai visto nulla di così allegro e colorato. Ma i palloncini volevano volare in alto, così i bambini per paura di lasciarli andare strinsero più forte la cordicella che li teneva legati a loro. Ma i palloncini volevano proprio essere lasciati liberi così, uno ad uno, i bambini decisero di lasciarli andare.

E con grande stupore si accorsero che per ogni palloncino che volava via, il mondo si colorava di un colore fantastico…” (cit. Istituto G. B.)

I genitori vengono invitati ad uscire ed aspettare nel cortile. I bambini escono ad uno ad uno con un palloncino tra le mani. Al “tre” tutti lasciano andare il palloncino e il cielo si colora di rosa, rosso, blu e giallo!

A quel punto i genitori sono invitati ad andare mentre i bimbi corrono nelle classi.

Matteo ha raccontato di aver fatto i biscotti per i bimbi di prima elementare, di aver sistemato le proprie cose nel cubotto e di aver preparato la scatolina.

INSEGNARE IL RISPETTO DELLE COSE E DEGLI ALTRI – La scatolina, una scatola da regalo, con tanto di fiocchetto, contiene 3 oggetti da mettere in comune: una matita (anch’essa infiocchettata) una gomma da cancellare e uno stick di colla. Dentro la scatola c’è scritto il nome ma fuori è anonima.

Ogni mattina i bambini prendono la scatolina e non sanno di chi è. Utilizzano il materiale e poi devono riporlo in ordine, come l’hanno trovato, con la matita temperata, la gomma da cancellare pulita e la colla stick in ottime condizioni. Se non si rispetta il materiale, si lascia la matita senza punta o la colla stick sporca, il giorno successivo un altro bimbo potrebbe trovarla in disordine.

PER APPROFONDIRE: Scuola senza voti, sì grazie

Precedente La torta smarties per un compleanno speciale Successivo Cosa visitare a Londra con i bambini