Fortuna e il suo Kevin: la gioia di diventare mamma dopo tanta attesa

Il racconto di una pianetina, Fortuna, che ci segue da tempo e vuole condividere con voi la gioia di essere diventata mamma dopo tante difficoltà.

LEGGI ANCHE: La nascita difficile di Alice

“Ciao vorrei condividere con voi la mia gravidanza ed il parto. Iniziamo dall’inizio…desideravo con tutto il cuore un bimbo…da un anno e mezzo sposata, ma questa enorme gioia che ho adesso non arrivava. Tutti i mesi speravo che il ciclo non arrivasse, ma questo puntualmente o con ritardo si presentava..ed io piangevo chiedevo a Dio di darmi questa gioia anche a me…Ma niente cosi dopo tanti mesi di controllo decisi di non fare piu niente…Andai a vivere in una casa  nuova con mio marito e nell’ affaticarmi a sistemarla non ci davo piu peso. Cosi un giorno verso la fine di agosto 2009 avevo un tremendo prurito vaginale, così dovetti ricorrere all’aiuto di un ginecologo che mi diede la cura. La feci e tutto andava bene, fino a quando doveva arrivarmi il ciclo il 15 settembre, ma non arrivò. Non ci diedi tanto peso poi furono 13 i giorni di ritardo e feci la beta che automaticamente fu NEGATIVA. E’ stato un brutto colpo al cuore, ma andavo avanti. Ormai ero abituata a queste cose.

LEGGI ANCHE: Come crescono le beta HCG nelle varie settimane di gravidanza

Un giorno andai a trovare mia cugina la quale mi vide molto strana e disse :”Fortu tu 6 incinta”. Io le risposi che avevo gia fatto la beta e che era negativa, ma lei mi consigliò di ripeterla e cosi feci dopo 8 giorni. Finalmente il risultato era POSITIVO. Non immaginate che gioia avevo quando dissi a mio marito: “amore aspettiamo un bebè”. Iniziarono le prime visite, i primi sintomi di nausea e vomito, ma ne ero contenta perchè era una gioia enorme portare dentro di me un bimbo. Ma all’incirca verso il 3°mese si presentò un sintomo fastidioso: LA CANDIDA VAGINALE, che purtroppo mi ha accompagnato per tutto il resto della mia gravidanza. Il 4 febbraio 2010 seppi dalla morfologica che il mio bebè sarebbe stato un maschietto, fui molto contenta anche se dentro di me lo sentivo che sarebbe stato un maschio. Decidemmo il nome e lo chiamammo Kevin. Il 15 giugno ebbi le doglie, che però non erano sufficienti per farlo nascere, così il 16 giugno dopo una stimolazione da dottori bravissimi nacque Kevin: 50 cm  di lunghezza  3,020 kg. Ora ha 3 anni ed è tutta la mia vita”

Photo Credits| Thinkstock. La foto è simbolica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.