Crea sito

Essere mamma di un figlio maschio

Essere mamma di un figlio maschio

Essere mamma di un figlio maschio è una grandissima responsabilità e, per una mamma, un grande impegno.

Essere mamma di un maschio significa imparare a conoscere tutti quei giocattoli che per una vita hai ignorato. Macchinine, trattori, supereroi e supercattivi che fanno anche un po senso.

Essere mamma di un maschio significa dare fondo a tutta la tua creatività nello scegliere pantaloni e magliette che sembrano tutti uguali per creare outfit diversi. E alla fine non essere mai soddisfatta del tutto perché diciamolo, per i maschi a livello di abbigliamento la scelta è limitata. Sempre solo un angolino, in fondo al negozio.

Essere mamma di un figlio maschio

Essere mamma di un figlio maschio è anche chiedere alla pediatra come mettere il pisellino nel pannolino. E ridere nel vederlo fare pipì in piedi.

Ma essere mamma di un maschio è molto più.

E’ insegnargli a rispettare ogni singola  donna come se fosse la sua mamma, la sua nonna o la sorella.

E’ insegnarli a rapportarsi al  mondo femminile usando il cervello e non l’istinto.

E’ spiegargli che una donna va conosciuta ed apprezzata per quella che è. Che dietro a un fisico statuario non sempre si nasconde la donna dei sogni, la vera bellezza è quella interiore. Eh si caro figlio, la bellezza esterna è destinata piano piano ad andarsene e quello che resterà sarà la vera donna che hai scelto.

E’ fargli capire che noi donne siamo soggette all’influenza degli ormoni, della luna e delle stelle e quindi non dovrà spaventarsi se la sua compagna ogni tanto si arrabbierà o piangerà per nulla. Ma lui dovrà essere pronto a porgere la sua mano.

Essere mamma di un maschio significa ricordagli che quando sarà padre, nonostante la parte difficile l’abbia fatta la moglie, i figli saranno suoi in parti uguali, nel piacere e nei doveri. Che alzarsi di notte per aiutare la moglie non lo renderà impotente. Che tutto ciò che la donna farà non deve essere scontato. Perché la famiglia è fatta di due adulti che hanno il dovere di ripartirsi i compiti in parti eguali.

Ed è proprio nei momenti più difficili che dovrà tirare fuori il meglio di se continuando a corteggiare sua moglie. Perché noi donne amiamo essere corteggiate e non vogliamo mai sentirci scontate.

E’ raccontargli che l’amore potrà  ferirlo, e anche se si sentirà toccato profondamente nell’orgoglio dovrà sempre rispettare quella donna e quell’amore che non ha funzionato. Perché ogni storia che finisce ha portato qualcosa di buono, ed è quel buono da conservare nel cassetto dei ricordi più belli.

E’ spronarlo a piangere quando ne sente il bisogno. Perché un uomo non è meno uomo se esprime quello che sente. Piangere è liberatorio, fingersi forte e tenersi tutto dentro, invece,  è nocivo.

E indirizzarlo a usare la sua forza fisica a fin di bene.

E essere una madre talmente brava da renderlo cosi indipendente da non avere bisogno di me. Da non paragonare mai me alla sua donna. Perché siamo diverse, e lui deve amare entrambe allo stesso modo.

E sperare di essere cosi brava da crescere un piccolo principe. Un uomo forte, deciso, compassionevole. Che sappia amare come pochi e ogni giorno far innamorare di più la sua donna e i suoi figli.

E’ questo e molto altro…

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi su Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica,

Ti può interessare anche la versione al femminile Essere mamma di una figlia femmina



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.