Chi si fa gli affari suoi campa cent’anni! Specie se è una mamma

Chi si fa gli affari suoi campa cent’anni! Specie se è una mamma.

Io non le sopporto, non le reggo non le tollero. Chi? Le mamme che non si fanno gli affari propri.

Onestamente sono già abbastanza ansiosa e bastano le mie personali di ansie.

Non ho bisogno di aggiungere quelle delle altre mamme sui MIEI figli!

Sei fuori a cena, tuo figlio preso dal gioco non mangia. E allora arriva lei, la mamma che non si fa gli affari suoi, quella che mentre suo figlio si è mangiato tre porzioni di maccheroni guarda il tuo e con lo sguardo tra il dispiaciuto e il compiaciuto afferma: “Oh come mai non mangia?”

Non è che magari si sta ammalando?”

Forse non sta bene

Ed ecco che tu oltre a sentirti una madre degenere perché non ti stavi preoccupando, inizi a toccare nervosamente la fronte di tuo figlio per carpirne quanto prima i primi segnali di febbre.

Poi arriva l’altra mamma: “come mai tuo figlio beve cosi tanto?!”

Poi arriva quella che lo vede pallido. Nonostante tuo figlio sia evidentemente di carnagione chiara lei lo vede pallido, più del solito. E te lo dice!

Ma sapete qual’è la cosa peggiore che una mamma si può sentire dire?

” Oh ma come è dimagrito!”

Questo per una mamma ansiosa è la peggiore tra le osservazioni/critiche che può ricevere da un’altra mamma.

Perché te lo inculcano dal giorno stesso in cui fai il test di gravidanza.

Tuo figlio DEVE crescere. La crescita è monitorata costantemente.

Allatti, pesi, conti biberon perché tuo tuo figlio DEVE crescere e se non cresce c’è qualcosa che non va.

Ma allora tu che sei mamma perché fai questa osservazione a un’altra mamma?

Lo sai se sei una mamma anche tu provi le stesse paure.

E allora perché fare venire paure inutili ad altre mamme?

Ma sopratutto è così difficile capire che chi si fa i fatti propri campa cent’anni?

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica

Precedente Fratelli agli antipodi ma i genitori sono gli stessi Successivo La recita di Natale e quella lacrima pronta a fare capolino

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.