Crea sito

Mese: Agosto 2017

Su quanto un figlio riesca a fatti sentire una pessima madre

Su quanto un figlio riesca a fatti sentire una pessima madre

La vita va avanti, ogni giorno c’è una nuova sfida da affrontare, e così un giorno decidi di affrontare quella sfida che ti cambierà la vita per sempre.

Quella sfida che non lo sai ma cambierà davvero tutto.

Ti dicono che sarà stupendo, immagini che sarà così senza ombra di dubbio.

Immagini il tuo bambino, dolce che ti abbraccia e ti riempie la vita ed il cuore.

Ed è effettivamente è cosi.

Ma ogni medaglia ha il suo rovescio, i giorni passeranno. Ci saranno giorni felici e giorni un po meno felici.

Sei una mamma se … ti rispecchi in almeno una di queste cose

Sei una mamma se … ti rispecchi in almeno una di queste cose

Sei una mamma se la mattina ti svegli con un pannolino in faccia e una vocina che urla “mamma mamma!!”;

Sei una mamma se ogni tanto accarezzi la pancia dimenticandoti che è vuota;

Sei una mamma se in macchina canticchi le canzoncine di Masha e Orso, e in Orso ti rispecchi parecchio a partire dai peli delle gambe che non hai potuto togliere;

L’estate sta finendo, il tempo se ne va

L’estate sta finendo, il tempo se ne va

“L’estate sta finendo,

il tempo se ne va,

sei diventata grande e questo non mi va”

Uno dei miei ricordi di infanzia, è mio padre che intona questa canzone mentre, dopo mesi di soggiorno al mare (perché quando noi eravamo bambini ci si poteva permettere di trascorrere molto più tempo al mare) carica la macchina, mi fa sedere e mi lega alla cintura.

E il mare resta alle spalle, ma i piedi sono ancora sporchi di sabbia e il viso ancora rigato dalle lacrime dopo aver salutato le amiche con cui ho trascorso l’estate. Ognuna riprenderà la sua vita, nella sua città, a Natale ci manderemo le cartoline di auguri e ci si rivedrà di nuovo al giungere della nuova estate, tutte più grandi e diverse da come ci eravamo lasciate.

Un anno se ne va.

Settembre è l’inizio di un anno nuovo. Settembre odora di libri nuovi, di quaderni da riempire e matite da consumare.

Settembre è un nuovo inizio, molto più di Gennaio secondo me.

Settembre è tempo di cambiamenti, di bilanci e di nuove avventure.

Settembre mi ricorda che un anno è passato davvero e la frase “sei diventata grande e questo non mi va” mi riecheggia nella mente mentre guardo i miei due piccoli cuccioli, che così piccoli, in fondo non lo sono più.

Si ritorna alla routine, alle corse mattutine e ai momenti di separazione dopo un’estate passata in simbiosi.

Il 30 giugno dicevo che non vedevo l’ora che arrivasse settembre, ma ora a conti fatti, da un certo punto di vista mi rattristo.

Vedo due bambini sempre più indipendenti, mentre io nel cuore sono sempre più dipendente dai loro baci, dal loro profumo e perché no anche dai loro capricci che li rendono cosi bambini a tutti gli effetti.

Siete diventati grandi, le scarpette chiuse non vanno più e ne compreremo di nuove, e avrò altri abiti piccoli da riporre nel cassetto dei ricordi.

Settembre è anche malinconia.

Settembre mi ricorda ogni volta che non si torna indietro e che ogni momento va vissuto in pieno senza farsi troppe domande e senza avere troppe paure.

A settembre l’estate sta finendo, i bambini varcheranno le soglie delle scuole nelle loro nuove classi. Li accompagneremo mano nella mano e la lacrima che farà capolino dagli occhi, la nasconderemo prima che si sciolga il mascara.

Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi su Facebook Mammansia, Instagram Mammansia_chica