Crea sito

Tu che ne sai

Tu che ne sai

tu che ne sai

Questa poesia a me piace moltissimo, e come dice l’autore Genny Caiazzo , rappresenta un grido di dolore che ognuno rende suo.

Tutti noi abbiamo sofferto o soffriamo per qualcosa e nessuno sa veramente cosa abbiamo dentro.

Io la prima volta che ho letto “Tu che ne sai” ho pensato ad una mamma che stesse soffrendo per la perdita del proprio figlio e per questo ho deciso di inserirla nel mio blog dedicato ai bambini, rendendola il grido di dolore di tutte le mamme che hanno il loro angioletto in cielo!

“Che ne sai…..

Di quei dolori tatuati

che non si cancelleranno mai,

di quelle lacrime nascoste

di quelle domande senza risposte,

di un destino prepotente

dove non puoi fare niente,

delle notti dove non si dorme mai

tu…… che ne sai,

di un sorriso recitato

quando il cuore è lacerato,

della paura costante

dell’ansia asfissiante,

dell’incertezza del domani

di quando tremano le mani,

della vita che non accetto

di un cuore che scoppia nel petto,

di quello che non dimenticherai

tu……. che ne sai,

di tutte le volte che mi sento morire

di chi grida ma non riesce a capire,

di un silenzio pieno di spine

di quegli occhi che vedono la fine,

di quei giorni tutti uguali

nell’essere un angelo senza le ali,

sorrido per non annegare in quel mare di guai

e tu parli…… parli…… ma che ne sai.”

E come ogni volta che la leggo ho le lacrime agli occhi ed il magone alla gola.

La sofferenza che una persona può provare è ben interpretata tra le righe di questa meravigliosa poesia!

Complimenti e grazie a Genny Caiazzo per avermi autorizzata a pubblicarla.

Se ti è piaciuta e vuoi rimanere aggiornato sui miei nuovi post metti “Mi piace” alla mia pagina facebook

Mamma e figlio

Puoi trovare interessante anche tu quel desiderio in fondo al cuore

oppure Io vorrei per te

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.