Risposte alle domande più comuni delle mamme

– Si possono dare i surgelati ai bambini?

Gli alimenti surgelati rappresentano una buona alternativa ad un pasto da preparare perché comodi e veloci da cuocere.

Con le tecniche di surgelazione ormai avanzate gli alimenti mantengono un gusto ed una consistenza che si avvicina molto ai cibi freschi,inoltre riescono a conservare le caratteristiche nutritive anche meglio di un alimento fresco mal conservato.

Offrono quindi ottime garanzie di gusto, sicurezza e qualità nutritive.

Le verdure surgelate riescono a conservare molte vitamine, non al pari di quelle appena colte, ma comunque una quantità maggiore rispetto a quelle fresche che vengono però consumate dopo alcuni giorni e subiscono quindi una perdita della qualità nutritiva.

Il pesce surgelato è l’alimento che mantiene meglio di tutti le qualità del prodotto fresco. Poiché viene pulito e surgelato direttamente sul peschereccio appena pescato.

Anche igienicamente si ha un ottimo risultato, perché con il processo di surgelazione con la temperatura sottozero si blocca l’attività di enzimi e batteri.

Nonostante la buona qualità dei surgelati è comunque sconsigliato utilizzarli tutti i giorni.

Si consiglia inoltre di fare attenzione alla consistenza dell’alimento, se al tatto è un pezzo unico potrebbe aver subito una surgelazione sbagliata e lo stesso se aprendo la confezione si trova del ghiaccio all’interno, potrebbe essersi scongelato e ricongelato, si consiglia dunque di non utilizzarlo.

– Le merendine confezionate fanno male?

Esistono vari tipi di merendine ma con caratteristiche nutritive differenti.

Per scegliere una buona merendina da integrare nella dieta del bambino bisogna controllare i valori nutrizionali: per quanto riguarda le calorie non bisogna superare le 200 (limite massimo), per quanto riguardi i grassi la quantità massima si aggira intorno ai 10 grammi.

– Le pentole d’alluminio rilasciano sostanze dannose?

Le pentole d’alluminio oltre ad essere leggere sono un buon conduttore di calore, quindi ottime per cucinare!

Bisogna però avere alcune accortezze per evitare che si rovinino.

Come prima cosa si consiglia di prestare molta attenzione a non formare fessure, utilizzare quindi utensili con materiale morbido tipo silicone, si eviterà così di rovinare il fondo delle pentole dove si potrebbero anche annidare sporcizia e microbi.

Poi non bisognerà mai lasciarle a contatto con alimenti acidi e ricchi di sale che potrebbero usurare l’alluminio e quindi rovinarlo, quindi risciacquarle subito e con delicatezza.

– L’intelligenza del bambino è ereditaria?

Sicuramente il patrimonio genetico è il primo fattore che determina le funzioni del cervello del bambino, ma grande importanza ha l’ambiente in cui esso vive.

Un ambiente pieno di stimoli, avvenimenti ed emozioni aiuta il bambino a sviluppare la propria intelligenza.

Grande importanza è il modo di rapportarsi con il bambino stesso, una mamma che gli parla fin dall’inizio spiegandogli anche nel momento del bagnetto o del cambio pannolino le azioni che sta compiendo stimola continuamente i neuroni del neonato.

Leggergli tutte le sere una favola è un’altro input che aiuta a sviluppare il cervello del bambino, che viene stimolato continuamente con la voce ed il suono delle parole.

Tutte le informazioni contenute in quest’articolo non intendono sostituire i consigli di medici, pediatri e dottori specializzati.

Puoi leggere anche L’intelligenza del bambino

Aiutiamo i bambini a parlare

Se ti è piaciuto metti “mi piace” alla mia pagina facebook Mamma e figlio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.