Il ciuccio, la mia esperienza

Il ciuccio si o no? Io sono favorevole se il bambino lo gradisce, perché il bambino si rilassa e poi a quanto pare, l’uso del ciuccio, previene la SIDS sindrome della morte in culla. Io vi racconto la mia esperienza prima con Emma e ora con Iacopo.

ciuccio

Il ciuccio

Sia Emma che Iacopo appena nati, e fino a che sono stati in ospedale, hanno preso il ciuccio poi una volta arrivati a casa sia l’una che l’altro non lo hanno più voluto.

Ad Emma ho provato diverse volte a darglielo, magari quando piangeva e faceva fatica ad addormentarsi, ma niente non lo voleva proprio. Io l’ho allattata al seno per cinque mesi, poi il mio latte scarseggiava, lei non prendeva peso e sono passata al latte artificiale. A quel punto il mio problema è stato come farla addormentare visto che lei lo faceva stando attaccata al seno. La prima sera, appena ho finito di darle il biberon, ho provato a darle il ciuccio, lo ha subito preso e si è addormentata.
Da allora non lo ha più mollato e dopo il primo anno e poi il secondo, il problema è stato come convincerla a non prenderlo più.
A tre anni lo prendeva solo per addormentarsi o per rilassarsi ma non lo voleva assolutamente mollare, fino a quando un giorno al ritorno dal centro commerciale, le abbiamo detto che lo avevamo dimenticato in un negozio e che saremmo poi andati a riprenderlo nei giorni successivi. Ci è rimasta un po’ male, ogni tanto chiedeva del ciuccio ma poi se n’è fatta una ragione e si è resa presto conto che poteva benissimo vivere senza ciuccio.

Con Iacopo tutt’altra storia, da appena siamo tornati a casa dall’ospedale lui del ciuccio non ne ha mai voluto saperne. Oggi ha 11 mesi e il ciuccio lui non lo ha mai preso, l’ho allattato molto più tempo rispetto ad Emma e forse sarà stato questo il motivo, non lo so, fatto sta che lui il ciuccio proprio non lo vuole.

 

Precedente Lo spannolinamento, la mia esperienza Successivo Schiacciatine di carne e spinaci