Crea sito

Seggiolini auto: cambiano le regole

seggiolini auto
Seggiolini auto

Seggiolini auto per bambini: nuove regole

Con il nuovo anno arrivano nuove regole per i seggiolini auto ed il trasporto dei bambini. Attualmente l’articolo 172 del Codice della Strada, che regolamenta l’utilizzo delle cinture di sicurezza ed il trasporto in auto dei bambini, dice:

  • I bambini di statura inferiore a 1,50 m devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, conformemente ai regolamenti della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite o alle equivalenti direttive comunitarie.
  • Sui veicoli delle categorie M1, N1, N2 ed N3 sprovvisti di sistemi di ritenuta: i bambini di età fino a tre anni non possono viaggiare; i bambini di età superiore ai tre anni possono occupare un sedile anteriore solo se la loro statura supera 1,50 m.
  • I bambini non possono essere trasportati utilizzando un seggiolino di sicurezza rivolto all’indietro su un sedile passeggeri protetto da airbag frontale, a meno che l’airbag medesimo non sia stato disattivato anche in maniera automatica adeguata.

L’articolo 172 stabilisce anche le sanzione per chi non “fa uso dei dispositivi di ritenuta, cioè delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini“: una multa che può variare da 80 euro a 323 euro. Se si fa uso dei dispositivi di ritenuta, alterandone, però, o ostacolandone il normale funzionamento, la multa va da 40 euro a 162 euro. Se si è recidivi, si rischia la sospensione della patente per un periodo da 15 giorni a 2 mesi.

La sicurezza dei bambini in auto

Dal 1° gennaio 2017 cambieranno alcune cose. Saranno infatti introdotte alcune novità nell’articolo 172 per aumentare la sicurezza dei bambini in auto. La prima grande novità riguarda i rialzi, ovvero i seggiolini senza schienale che si possono utilizzare per i bambini un po’ più grandi.

Attualmente la legge stabilisce che i bambini fino a 1,50 m (quindi circa 12 anni) e 36 kg devono essere trasportati con un seggiolino omologato. Fino a 18 kg il bambino deve essere portato obbligatoriamente in un seggiolino dotato di schienale. Dopo i 18 kg si può portare con il booster, chiamato anche alzatina o rialzo. Una sorta di cuscino con i braccioli, ma senza schienale, che alza il bambino di circa 10/15 cm, permettendo di mettergli la cintura di sicurezza.

Dal 1° gennaio 2017, invece, entrerà in vigore un aggiornamento della ECE R44-04, in base alla quale i bambini non potranno più essere trasportati con un rialzo senza schienale se sono alti meno di 1,25 m. E sarà obbligatorio avere un seggiolino (o rialzo) con schienale, che permette una migliore disposizione della cintura di sicurezza. Questo perché i bambini che vengono trasportati con l’alzatina hanno una minore protezione in caso di urto laterale. Inoltre la cintura viene messa troppo alta e troppo vicino al collo e se si addormentano assumono una posizione che potrebbe essere pericolosa in caso di incidente.

Fino all’estate 2017 potranno essere ancora venduti rialzi senza schienale, ma con l’estate dovrebbe entrare in vigore un nuovo aggiornamento della normativa ECE R129, in base al quale le alzatine non potranno più essere vendute senza lo schienale.

Pare che inizialmente i rialzi senza schienale potranno ancora essere utilizzati finché non verrà definita la data precisa (che comunque dovrebbe essere per l’estate 2017) dopo la quale saranno considerati non omologati. Quindi, se avete un bambino sotto i 1,25 m che attualmente utilizza il rialzo senza schienale, informatevi bene, perché probabilmente avrete bisogno di un seggiolino nuovo.

Una risposta a “Seggiolini auto: cambiano le regole”

  1. Non ci capisco niente in queste normative che continuano a cambiare, nel frattempo sto confrontando vari modelli per cercare di capirne di più e scegliere il modello giusto, adatto alle nostre esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.