Crea sito

Mila e Shiro compiono 30 anni

mila e shiro
Mila e Shiro

Mila e Shiro hanno compiuto 30 anni. Uno dei principali cartoni della nostra infanzia legati alla pallavolo. E sono passati già 30 anni dalla prima volta in cui il cartone animato è stato mandato in onda. Praticamente una vita…

Mila e Shiro è la serie animata (anime) tratta dal manga giapponese Attacker YOU! di Jun Makimura e Shizou Koizumi. Il manga è stato pubblicato in Giappone nel 1984. E l’anime, prodotto dalla Knack Productions, è stato trasmesso in Giappone su TV Tokyo dal 1984 al 1985. Da noi la serie animata è arrivata il 25 febbraio 1986 (all’interno di Bim Bum Bam) ed è stata trasmessa su Italia col titolo “Mila e Shiro due cuori nella pallavolo“.

Chi non ricorda Mila e Shiro? Mila era la cugina di Mimì (altra grande protagonista di una storia legata alla pallavolo). Ed ovviamente (i geni della famiglia erano gli stessi) anche Mila diventerà una campionessa di pallavolo!

Io lo guardavo sempre. Penso di non essermi persa nemmeno una puntata. Vi ricordate la storia di Mila e Shiro?

Mila Hazuki è una ragazza di campagna, che, insieme al padre fotografo, si trasferisce a Tokyo per frequentare le scuole medie. Mila ha sempre saputo che la madre è morta quando era molto piccola, in realtà la donna, è una ex campionessa di pallavolo ed aveva abbandonato la famiglia per continuare la sua carriera.

A scuola Mila si avvicina alla pallavolo ed inizia ad intraprendere questo sport con un notevole successo. Mila così inizia a sognare di riuscire ad entrare nella nazionale giapponese femminile e di partecipare alle Olimpiadi di Seul 1988. Mila inizia a giocare nella squadra della scuola, l’Hikawa, e viene allenata dal manesco Daimon, che spesso preferisce a lei la capitana e ricevitrice Nami Hayase. Mila e Nami diventano amiche, anche se sono rivali sia sul campo da gioco che in amore: entrambe infatti si innamorano di Shiro Tachiki, capitano della squadra maschile di pallavolo.

Dopo le scuole medie, Mila entra nella squadra professionistica delle Seven Fighters. Con questa squadra Mila vince sia il campionato che il torneo open. E grazie alla sua esperienza riesce ad essere convocata in Nazionale. A questo punto la madre, Kyushi Tajima, che ha seguito i suoi progressi, le racconta la verità e di come l’ha abbandonata da piccola per dedicarsi alla pallavolo.

In un primo momento Mila decide di abbandonare la pallavolo, ma Shiro la convince a tornare indietro, a partecipare al ritiro della nazionale e a riallacciare i rapporti con la madre. L’allenatore della nazionale decide di dividere le ragazze in 2 squadre, la Nazionale A e la Nazionale B, per capire quali sono le giocatrici migliori da portare alle Olimpiadi. Mila fa parte della Nazionale B. Ed alla fine Mila riesce a realizzare il suo sogno.

 

La serie animata ha un po’ di differenze rispetto al manga.

Prima di tutto la stessa figura di Shiro, nella serie è più sviluppata ed ha più importanza, mentre nell’anime è un personaggio secondario. Ed anche la trama nella serie animata è più complessa. Ad esempio nel manga, la madre di Mila è veramente morta; solo nella serie animata si è deciso di inserirla come personaggio in vita e di modificare il motivo per cui Mila non l’ha mai vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.