La lunga diatriba dei vaccini: come scegliere senza polemiche?

vaccini
Vaccini, sì o no?

Se volete scatenare una polemica sul web, parlate o condividete un articolo sui vaccini. Vaccino esavalente, vaccino trivalente, nuovi vaccini, vaccini ritirati, reazioni allergiche e via dicendo. Uno dei modi più sicuri per suscitare l’insurrezione popolare sui social è senza dubbio quello di affrontare questo argomento tanto dibattuto.

Siamo cresciute senza fare il vaccino per il morbillo. E lo abbiamo preso quasi tutte senza conseguenze. Ora il vaccino esiste e molte si chiedono a cosa serva. Perché adesso si parla del morbillo come di una malattia così temibile? I vaccini servono veramente o sono solo uno spreco di soldi (ai danni nostri)?

Quando nasce un bambino ogni mamma (e papà) ad un certo punto si trova davanti al dubbio: lo vaccino, sì o no? Ci sono mamme che scelgono di vaccinare perché il pediatra ha detto che si deve fare. Mamme che decidono di vaccinare dopo aver valutato i pro ed i contro. E mamme che invece, proprio per aver valutato i contro, decidono di non vaccinare.

Ma sui vaccini si legge veramente di tutto…

Chi è favorevole ai vaccini accusa i contrari di non farli per “moda”. Ora c’è la “moda” di non fare i vaccini. Chi invece è contrario rivendica il proprio diritto di scegliere e di diffondere tutte le storie dei bambini rovinati dal vaccino.

Ma la scelta non è così semplice, perché quando ci si va a confrontare con le altre mamme su questo argomento, la polemica è sempre dietro l’angolo. Mamme pro vaccini che vengono accusate di non essersi informate abbastanza e di mettere a repentaglio la vita dei propri bambini. Mamme contrarie ai vaccini che vengono accusate di mettere a rischio la vita dei propri figli ed anche degli altri.

I vaccini hanno debellato malattie molto serie. I vaccini sono solo un modo delle case farmaceutiche per guadagnare sulla pelle dei nostri figli. Chi vaccina lo fa senza cognizione di causa. Chi non vaccina lo fa perché si è informato bene e sa a quali rischi si va incontro facendo i vaccini. Come se chi invece decide di vaccinare mette a rischio la vita del proprio bambino perché non ha saputo o non ha voluto informarsi.

Ma veramente si può pensare che ci sono mamme che prendono una decisione così delicata sul proprio bambino mettendo a rischio la sua incolumità? Ma perché si deve sempre pensare che chi sceglie di fare i vaccini lo fa solo per far parte della massa senza sapere quello che si sta facendo?

Questa è un’altra di quelle cose che io non sopporto. Decidere che ci sia una sola verità assoluta. Chi è contrario ai vaccini lo fa con cognizione di causa. E chi invece è favorevole non capisce nulla. (o viceversa).

Chi l’ha stabilito che ci sia solo una verità? 

I vaccini possono provocare delle reazioni allergiche. Anche molto gravi. Come per qualsiasi medicina che si prende per la prima volta (e poi magari scopri che sei allergico a quel particolare componente). Ma anche le malattie possono provocare delle conseguenze gravi. 

Ed allora come fare a capire quale è la scelta giusta? Perché ogni mamma deve essere libera di scegliere cosa ritiene sia meglio per il proprio bambino. L’unica soluzione è quella di informarsi. Valutare i pro ed i contro. Valutare i possibili effetti collaterali (e non parlo di una semplice febbre per uno o due giorni) del vaccino e le possibili conseguenze del prendere la stessa malattia per cui esiste il vaccino. E poi decidere di conseguenza: se si pensa che le possibili conseguenze di una malattia siano più gravi dei possibili effetti collaterali, allora è meglio fare il vaccino. Altrimenti no.

Ma basta demonizzare una scelta o l’altra. Ogni mamma sceglie e decide per il bene del suo bambino e non deve essere criticata per questo. Ma forse questa sarebbe una realtà ideale che difficilmente si realizzerà…

Precedente La ricetta delle frappe di Carnevale Successivo La filastrocca delle cinque dita

Lascia un commento