Crea sito

La giusta temperatura dell’acqua (da bere) per i bambini

bambino beve acqua
Bambino beve acqua

Con il caldo bisogna far bere molto i bambini. E’ uno dei principali consigli degli esperti. In questo periodo le mie bimbe mi chiedono l’acqua “fresca fresca“. Hanno caldo anche loro e bevono spesso durante la giornata. La grande, quando me la chiede, si assicura che sia “fresca fresca“. La piccola, quando le passo il bicchiere d’acqua, mi guarda e mi fa: “Fresca?“. Probabilmente bevendo l’acqua fresca hanno una maggiore sensazione di benessere.

Ovviamente a loro non do assolutamente l’acqua fredda del frigorifero. In genere la prendo dal rubinetto, facendola scorrere solo per un po’. Ma preferisco dar loro l’acqua così, piuttosto che dare l’acqua dal frigorifero, che potrebbe essere troppo fredda e causare problemi alla pancia.

In questi giorni ho ricevuto un comunicato stampa proprio su questo argomento: “Per i nostri bambini meglio acqua a temperatura ambiente oppure fresca?“. E trovo che la spiegazione del Dottor Alessandro Zanasi, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e docente all’Università di Bologna, sia molto interessante e utile per tutti quei genitori che magari si sono fatti la stessa domanda.

I nostri bambini sono molto sensibili alla temperatura dell’acqua che bevono. Bere acqua fredda può provocare in loro disturbi gastrici come la congestione. Per questo motivo bisognerebbe offrire loro acqua a temperatura ambiente, il più simile possibile alla temperatura corporea, preferibilmente a piccoli sorsi e in più riprese. Così come non si devono immergere in acqua troppo fredda subito dopo aver mangiato, allo stesso modo i bambini non devono bere dell’acqua molto fredda durante la digestione. Quando una grande quantità del loro sangue è interessata in questo processo, un’alterazione repentina della temperatura dell’organismo, causata dall’acqua fredda ingerita, può portare ad uno squilibrio nella circolazione, con conseguente scarso afflusso al cervello e blocco della digestione. Nei bambini gli effetti della congestione da acqua fredda possono rivelarsi dannosi quanto quelli legati alla disidratazione.

 

Quindi niente acqua fredda dal frigorifero o altre bevande tenute al fresco. E’ bene farli bere per “reintegrare i liquidi e i sali minerali necessari al loro organismo e alla loro crescita“, ma bisogna comunque fare attenzione a cosa dare ed in che modo.

Nel comunicato si dà anche qualche utile informazione su quanto dovrebbero bere i bambini nel corso della giornata:

In condizioni ambientali normali, viene calcolato che il fabbisogno idrico di un piccolo tra i quattro e gli otto anni si aggira attorno ai 1.600 ml al giorno, una quantità che va aumentata del 15-20% se fa molto caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.