Crea sito

Festa del papà abolita alla scuola materna

papà
Papà

Ogni anno esce fuori una notizia del genere che fa discutere.

Quest’anno è toccato ad una scuola materna di Milano, dove si è deciso di non festeggiare la festa del papà, ma di organizzare, in alternativa, una sorta di lezione sulle diverse etnie. Quindi quest’anno i bambini non porteranno a casa il classico lavoretto per i papà, ma un elaborato sulle diverse etnie del mondo.

Capita sempre più spesso che le classi siano multietniche e quindi parlare delle diverse etnie, fin dalla scuola materna, può essere utile a favorire l’integrazione dei bambini stranieri. Ma perché abolire la festa del papà? A volte capita che venga proposto di non celebrare queste feste, per rispetto ai bambini che magari non hanno un papà.

Pare che dalla scuola non abbiano rilasciato dichiarazioni in merito. Invitando chi ha chiesto spiegazioni a rivolgersi all’Ufficio Scolastico. Però alcuni genitori, come riportato dal quotidiano Il giorno, avrebbero insinuato che questa decisione è stata presa per “non urtare la sensibilità di alcuni bambini che avrebbero due mamme o due papà“. Ed ovviamente scoppiano le polemiche con dichiarazioni di ogni tipo sulla mancanza di rispetto nei confronti della famiglia tradizionale.

Francesco Cappelli, assessore all’Educazione del Comune di Milano, ha dichiarato all’Ansa che è stata una scelta delle maestre, non legata alla presunta presenza di bambini con due mamme o due papà:

Il collegio insegnanti ha deciso quest’anno di non fare il tradizionale lavoretto per la festa del papà ma di far realizzare ai bambini un biglietto per l’occasione, con una missiva. Gli insegnanti hanno piena autonomia nell’interpretare determinate ricorrenze. La scelta è maturata perché si vuole sottolineare la spontaneità dei bambini in questa occasione. Tutto il resto è solo una montatura.

Chissà se la festa della mamma verrà festeggiata o se organizzeranno anche per quella occasione una lezione alternativa senza far preparare ai bambini un lavoretto per le mamme…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.