Crea sito

Coronavirus, quali sono i negozi aperti

Quali sono i negozi aperti
Quali sono i negozi aperti

Coronavirus: quali sono i negozi aperti

Tutto chiuso? Scopriamo quali sono i negozi aperti. L’11 marzo il Ministro Conte ha firmato un nuovo decreto che prevede la chiusura di tutte le attività commerciali che vendono ed offrono servizi non considerati indispensabili. Ma non sono soltanto i negozi di alimentari e le farmacie che restano aperti. Sono infatti varie le tipologie di attività commerciali che possono ancora restare aperte, garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro tra le persone che vi accedono.

Questo nuovo decreto sancisce più che altro la chiusura di bar, gelaterie, pasticcerie, negozi di abbigliamento, librerie, parrucchieri e estetica.

Possono invece rimanere aperte le seguenti tipologie di negozi:

  • Ipermercati
  • Supermercati
  • Discount di alimentari
  • Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
  • Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
  • Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
  • Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
  • Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
  • Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione
  • Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
  • Farmacie
  • Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
  • Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
  • Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale
  • Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
  • Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
  • Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
  • Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
  • Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
  • Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici
  • Mense e del catering continuativo su base contrattuale
  • Ristorazione con consegna a domicilio
  • Esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali
  • Servizi bancari, finanziari, assicurativi
  • Attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi
  • Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
  • Attività delle lavanderie industriali
  • Altre lavanderie, tintorie
  • Servizi di pompe funebri e attività connesse

Sono invece chiusi:

  • Tutte le altre attività commerciali al dettaglio
  • I mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari
  • Attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie)
  • Attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti)

Quanti di voi hanno una delle attività commerciali per le quali è stata decisa da chiusura? Raccontatemi le vostre storie in questo periodo e le difficoltà che state avendo. Al momento la chiusura è fino al 25 marzo, ma non è escluso che possa essere prolungata ulteriormente.

Image by 024-657-834 from Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.