Crea sito

Amo mio marito più dei miei figli: parole che fanno discutere

moglie e marito
Moglie e marito

Da alcuni giorni circolano sul web le parole di una donna, Amber Doty, che ammette, senza farsi troppi problemi, di amare il marito più dei figli. Parole che colpiscono. Forse per la loro schiettezza. Forse perché nessuno si aspetta di sentire da una mamma parole simili.

Partiamo dal presupposto che, sicuramente, si tratta di due tipi di amore diversi. Amore che probabilmente non ha molto senso confrontare. Ma se proprio si deve scegliere tra i due amori, ci si aspetta che una mamma scelga i propri figli. Questo non vuol dire che dopo la maternità la donna si debba annullare nei figli. O che debba dimenticare il suo essere donna, moglie, compagna. Questo non significa che la coppia non abbia più significato dopo la maternità. Anzi.

Il rapporto di coppia cambia con il passare del tempo. Si evolve. E cambia anche con la maternità. Si continua ad essere donne e compagne per i propri mariti/conviventi. Ma si è anche madri. E ad una madre viene spontaneo scegliere i figli. Quei bambini che ha tenuto per 9 mesi dentro di sé. Quei bambini che sono cresciuti dentro di lei. Di cui ha percepito i primi movimenti. Che ha sentito crescere e poi ha partorito.

Una volta a cena il mio neomarito, parlando con alcuni amici, disse che i bambini si amano, ma tanto prima o poi se ne vanno. Quindi bisogna mettere in primo piano la coppia. Forse è quello che dice questa donna. Ancora non eravamo genitori (o forse ero incinta… non ricordo), ma io gli risposi che non la pensavo così. L’amore per un figlio è qualcosa di eterno. Qualcosa che rimane per sempre. E’ sangue del tuo sangue. E questo stretto rapporto tra madre e figlio è qualcosa di insuperabile. Ma questo non significa che non ami mio marito. Si spera che anche l’amore per il proprio compagno sia per sempre. Non per tutti è così.

Non voglio confrontare l’amore che provo per mio marito per quello che provo per le mie figlie. Mio marito l’ho scelto. Ci siamo scelti. Le nostre figlie le abbiamo create. E’ qualcosa di profondo. Sono amori diversi, ma non mi verrebbe mai da dire che le mie figlie sono meno importanti di mio marito. Le ho messe al mondo. Sono una parte di me. Una parte di noi.

Eppure, a quanto pare, ci sono donne che non la pensano così. Ed allora ecco che le parole di Amber Doty colpiscono e fanno discutere.

Mio marito deve sempre venire prima dei nostri figli. Non fraintendetemi, amo i miei figli e farei qualsiasi cosa per loro, ma amo di più mio marito. Ogni volta che lo dico provoco shock e sdegno. Dopo tutto, questo va contro la regola d’oro della maternità, quella che ci dice che essere un buon genitore significa sacrificare tutto per la felicità e il benessere dei figli.

Io non sento di sacrificare tutto per la felicità ed il benessere dei figli. Loro sono la mia felicità. Quello che faccio con loro lo faccio perché fa piacere anche a me. Chi l’ha detto che non si possa essere mamme felici e mogli felici allo stesso tempo? Chi lo dice che se ci si occupa dei figli poi si debba trascurare il rapporto di coppia?

Ritengo che l’impegno nella relazione con mio marito possa essere un beneficio per l’intera famiglia. Mettere al primo posto le sue necessità farà diminuire le possibilità di divorzio, facendo in modo che i nostri bambini crescano con entrambi i genitori.

Le mie figlie vengono prima di tutto. Sempre e comunque. Ma ciò non vuol dire che io, allo stesso tempo, non faccia di tutto per mantenere vivo anche il rapporto di coppia. O che lo trascuri solo perché metto la primo posto le figlie. E’ vero, spesso la sera ci si addormenta appena si poggia la testa sul cuscino. Ma non significa che non si faccia di tutto anche per la coppia. Ci sono altri momenti.

L’amore di mamma è un qualcosa di totale, naturale, istintivo. Qualcosa che ti ritrovi dentro, all’improvviso. Qualcosa che magari non sapevi di avere finché non lo provi. Ma può benissimo convivere con l’amore per il proprio marito. Senza trascurare nulla o nessuno. Senza ritrovarsi spaesati, con uno “sconosciuto” dentro casa una volta che i figli avranno deciso di farsi una propria vita.

Le rispetto perché è la sua opinione, e in quanto tale va rispettata. Ma non le riesco proprio a capire.

Una risposta a “Amo mio marito più dei miei figli: parole che fanno discutere”

  1. Per come la vedo io l’amore di una madre verso i figli è un istinto e la cosa alle volte porta a fare delle scelte discutibili sotto il profilo etico. Per questa ragione sarebbe buona regola sospendere il giudizio e cercare di organizzare il proprio pensiero intorno ad una regola che può essere un ideale politico e/o religioso da portare avanti con coerenza. Confidare sulla nostra capacità di distinguere il bene dal male, tante volte, significa peccare di presunzione e abituarsi all’idea di dover convivere con laceranti sensi di colpa. Il marito lo ami se si fa amare… certo lo puoi stimare come stimi un amico che non senti con una certa frequenza ma il bene che ti lega a lui, per fortuna, non è legato all’istinto. Accade così che ci si perde… molte amicizie finiscono per una dimenticanza. Non c’è niente di personale… progressivamente quella persona non ti dice niente più e di lei resta un vago ricordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.