Il calendario dell’avvento

Come molte delle usanze legate al periodo natalizio, anche questa tradizione sembra arrivare dai freddi paesi del Nord Europa. Un certo signore tedesco, tale Gherard Lang, intorno ai primi anni del 1900, decise di rielaborare una piccola consuetudine casalinga di quando era ancora bambino. La mamma di Gherard, forse stanca di sentire il piccolo che, giorno dopo giorno, chiedeva insistentemente “Quando arriva il Natale?“, “Quanto manca al Natale?“, decise di confezionare 24 piccoli sacchetti con biscotti speziati. Ne avrebbe regalato uno al giorno al bimbo a partire dal primo giorno di dicembre; una volta terminati i sacchetti, allora sarebbe stato Natale. Gherard Lang sviluppò l’idea stampando un cartellone con 24 finestrelle che le mamme avrebbero potuto riempire a loro piacimento…

Ora vediamo come realizzarlo con semplice materiale di recupero e i miei due piccoli aiutanti 👬

Occorrente:
– 25 mollette di legno
– due fogli di cartoncino A4
– due fogli di carta velina
– colla vinilica
– pennarelli
– filo
– biscottini

Ricavate dei triangoli dal cartoncino con una base di 5 cm e altezza 10 cm.
Decorateli a vostro piacimento per poi incollarli sulle mollette, lasciando la punta dell’albero verso la parte opposta all’apertura nella quale poi andrà scritto il giorno (tronco).
Scrivete i giorni con un pennarello sottile sul tronco del vostro alberello.
Impacchettate i biscotti.
Appendere le mollette e ad ogni molletta il suo pacchetto… 🎁
Non è meraviglioso?

 

L’avvento è il periodo che precede il Natale ed è ricco di tradizioni e curiosità.

In veste di food blogger il mio quaderno è già denso di annotazioni su piatti delle feste e dolcetti stile “a zucchero zero” che possano far felici grandi e piccini.

E mentre inizio a realizzarli vi lascio con una sorta di guida di “sopravvivenza alle feste” che, in caso di dieta, può aiutarci a gestire e vivere più serenamente i numerosi momenti di convivialità:

Scopri 👈

Xmas is coming…

Francesca Romano “a zero zucchero” food blogger di giallo zafferano anche su Facebook