Albero di Pasqua detto anche albero della Vita

Da pochi anni anche in Italia è arrivato l’albero di Pasqua, rigorosamente fai da te, simbolo di vita nuova, rinascita e redenzione dell’uomo.

Storia:
L’Albero di Pasqua arriva dal Nord Europa, per l’esattezza è una tradizione scandinava. Una tradizione molto antica: pare risalga addirittura al Medioevo. Ha un significato forte e bello: simboleggia la rinascita e la prosperità. E lo fa tramite dei rami secchi che in qualche modo riprendono vita grazie a una serie di addobbi e decorazioni. In tal senso, l’usanza pagana incontra quella cristiana, che proprio nel periodo pasquale festeggia la resurrezione di Cristo. Il primo albero pasquale moderno – diciamo così – fu realizzato da Volker Kraft, con l’aiuto della moglie, nel 1965. Per la gioia dei suoi bambini, l’uomo decise di decorare con 28 uova di plastica colorate il grande melo presente nel giardino di famiglia a Saalfeld, nel Land della Turingia, in Germania. Da allora, man mano che l’albero è cresciuto, lui ha sempre aggiunto altre uova. Passando a quelle di gallina, però, e dipingendole o decorandole a mano nel modo più disparato. Centinaia, migliaia di uova. Oggi sono oltre diecimila e “l’opera” del signor Kraft è celebre: curiosi arrivano da tutto il mondo per vederla e ammirarla. E a partire dagli anni Novanta questa idea si è concretizzata, naturalmente con le dovute proporzioni, in parecchie case occidentali. Comprese quelle italiane.

Come realizzare un albero di Pasqua?
Sarà semplicemente fantastico lavorare insieme ai vostri bambini, sprigionare fantasia, colori pastello, primavera e cioccolata.
Scegliere un albero in giardino o prendere un vaso abbastanza alto, in cui interrare sette (indicativamente) rami, piuttosto lunghi, anche in fiore (anzi meglio) di melo, pesco, ciliegio, albicocco o altre piante primaverili. Oppure se trovate dei rami secchi potete inserirli in una bottiglia di vetro particolare e pitturarli (come ho fatto io) La domenica delle palme, possiamo aggiungere anche un ramo di olivo. A questo punto, basta giocare un po’ con la fantasia e la creatività il gioco è fatto! Uova decorate, nastri, ovetti, fiorellini… alcuni spunti per voi:

 

 

Vi racconto la nostra Pasqua: da qualche anno un misto di tradizioni di paesi diversi: da Marina di Ragusa a Ragusa a Scicli.

E un MENU’ DI PASQUA STILE A ZUCCHERO ZERO, a base di carne, che ha per protagonisti i PIATTI TIPICI DELLA TRADIZIONE RAGUSANA preparati su misura 🍴 .

Dalle tradizioni alle ricette ↓ :

Scopri qui

Segui Francesca anche su Facebook