Nome: Franca De Padova
Lavoro: Tempo Pieno
segno zodiacale: ARIETE
Mamma Special di: Angelo e Chiara
Sogno nel cassetto: Realizzare i Sogni dei Miei Figli
MOTTO: Amare per Vivere!

Franca una donna molto attiva nel sociale, lotta al fianco della figlia e tutte le famiglie che spesso si arrendono di fronte ostacoli insormontabili come quelli di una società di paese, quel tipo di società che ostacola il vivere sereno, una donna e una mamma altruista, solare e piena di energie sempre pronta ad aiutare.

Adesso ti trovi una strada spianata e insieme a Chiara hai raccolto molti frutti, alberi coltivati con gli anni passati, spesso lentamente, tra mille difficoltà. Come sono stati i primi anni di vita con Chiara? Quali le difficoltà che ancora oggi incontri?
Difficili
Intensi
Ma Belli pieni di Emozioni e Amore.

Quali le difficoltà che ancora oggi incontri?
Solo istituzionali!

Oggi Chiara ha 16 anni e una carriera sportiva importante da fantina corre vincendo medaglie su medaglie assieme a Leone com’è nata questa passione?
È nata strada facendo provando e riprovando molte strade…
Non ho mai considerato mia figlia in quella fascia sociale che brutalmente e Ignorantemente l’ha chiamata handicappata
Durante il percorso della nostra vita mi sono resa conto che le difficoltà non erano di mia figlia ma bensì di chi copriva ruoli senza avere competenze e passione, ma io, non mi sono mai arresa, anzi ho sempre cercato professionisti che riuscissero a trasmettere Passione e Amore.


NON È STATO FACILE E NON LO SARÀ. Chiara non fa Equitazione e Judo tanto per, assolutamente, lei ama e svolge con passione le due discipline sportive grazie alle bravura dei suoi istruttori: Claudia Antonelli e Alessandro Falchi.

Chiara è una ragazza molto intelligente, dolce e piena di vita, come ogni adolescente sta vivendo una fase di cambiamento e crescita, da mamma come pensi stia vivendo questa fase, con un cromosoma in più?
Stiamo crescendo tutti insieme.. Lei conosce il suo cromosoma e sa che ognuno di noi ha il suo numero di cromosomi e che dalla vita lei ne ha avuto uno in più, dice di amarlo e se lo è fatto amico. Ribadisco che nulla è stato facile e mai lo sarà ma se con grande semplicità ognuno di noi si accetta per quello che è il problema non esiste. Questo ho insegnato e insegno a mia figlia.


Chiara per diversi anni ha usufruito della delfino terapia, CONOSCIUTA anche come Dolphin Assisted Therapy, la delfinoterapia è l’ultima frontiera della pet teraphy, la terapia riabilitativa che si basa sugli effetti benefici che deriverebbero dalla relazione tra il paziente e gli animali.
Dove nasce la delfinoterapia.
Teorizzata e applicata per la prima volta da David Nathanson e Betsy Smith, docenti presso la Florida International University di Miami, la delfinoterapia ha visto la luce negli anni ’70. A introdurre questo nuovo approccio terapeutico in Italia è stata l’Associazione Arion, che ha sperimentato la terapia con i delfini al Delfinario di Rimini nel 1993. 
Perché proprio i delfini? 
Si tratta di mammiferi dotati di un’intelligenza addirittura superiore a quella degli scimpanzé. Sono infatti provvisti di intelligenza sociale, capacità di utilizzare strumenti, risolvere problemi particolari e trasmettere i caratteri culturali acquisiti. Non solo. Alcuni studi confermano persino la possibilità che i delfini abbiano una coscienza e una autocoscienza (a quanto pare si riconoscono allo specchio) e sono dotati di un tasso di encefalizzazione (ovvero il rapporto tra il peso del cervello e il peso del corpo) secondo solo a quello umano. Inoltre i delfini hanno una neocorteccia  –  sede delle capacità cognitive superiori – molto complessa e sviluppata.
Come funziona. Con l’aiuto dei delfini i pazienti svilupperebbero meglio la parte del cervello deputata alla comunicazione all’area affettiva. In particolare la delfinoterapia ha avuto alcuni riscontri positivi in casi di bambini affetti da disturbi dell’infanzia e dell’adolescenza, da autismo, sindrome di Down, problemi di concentrazione o apprendimento. Ma non solo. Questa particolare branca terapeutica è ritenuta utile anche nei casi di riabilitazione motoria: i pazienti che nuotano con i delfini paiono risolvere più velocemente problemi di deambulazione, problemi di coordinazione e armonia del movimento, casi di disagio motorio post operatorio. 
Nonostante sono stati certificati e documentati numerosi benefici non sono mancate le polemiche e azioni degli attivisti al punto che da qualche mese una sentenza del TAR del Lazio ha bloccato questo progetto riabilitativo. Tu insieme a Chiara e tutti coloro che lavorano ma soprattutto credono dell’importanza di questa terapia avete aperto una petizione (Clicca e firma la petizione) per fare in modo che venga ripristinata. 

 

Come si svolgeva questa terapia e quali sensazioni riusciva a trasmettere?
I Delfini Sono Anime che trasmettono energia positiva e interagiscono con noi in un modo meraviglioso.. La Terapia è una crescita davvero fuori dai Limiti.. È una, carica positiva sia psicologica che fisica é uno scambio d’Amore é tutto.. Per comprendere si deve provare… I LORO INCONTRI VALGONO
ANNI DI TERAPIA E
DESCRIVERLI È DIFFICILE.. SONO EMOZIONI CHE ATTRAVERSANO ANIMA CUORE CORPO.

Progetti?
Non posso farli, ogni giorno va vissuto con passione, forza e determinazione sono i pilastri del risultato di ore di Sport e medaglie vinte con orgoglio che costruiscono il nostro futuro.

Quale messaggio vuoi lasciare alle famiglie dei disabili?
NON SENTIRSI M AI INFERIORI.. VIVERE CON GRANDE ORGOGLIO.. E AMARE SENZA LIMITI.

Segui Franca e Chiara su Facebook