Come preparare un cestino dei tesori perfetto

cestino dei tesori
Credits: Imagination tree

Come realizzare un cestino dei tesori? Quali oggetti scegliere? Sentiamo spesso parlare del cestino dei tesori come primo gioco spontaneo nei bambini piccoli. Molti asili nido lo propongono come programma per lo sviluppo sensoriale del bambino. Si tratta di un semplice contenitore in cui vengono riposti oggetti di vario tipo per stimolare l’esperienza sensoriale.

Il bambino viene stimolato dalla varietà di oggetti proposti e può farne esperienza sensoriale agitandoli, percuotendoli, toccandoli, provando a vedere come si muovono sul pavimento, ecc.

Troviamo spunti che incentivano l’utilizzo del centino dei tesori nella pedagogia Montessori, scegliendo oggetti di uso comune che il bambino impara ad usare, negli scritti di Bruno Munari, designer che si è distinto per la ricerca di stimoli creativi per i bambini e anche nella pedagogia steineriana che attraverso il gioco euristico stimola il bambino a sviluppare la fantasia.

In linea teorica non esiste un cestino dei tesori migliore di un altro, possiamo invece tenere presente alcuni consigli per inserire gli oggetti più interessanti in modo che il bambino si appassioni e sfrutti al massimo questa opportunità.

Quale contenitore scegliere?

Il contenitore da usare il cestino dei tesori può essere un cesto in vimini come quello del pane, meglio se con maniglie laterali in modo che il bambino può provare a spostarlo in autonomia. Possiamo usare anche una scatola, di dimensione non eccessiva come la scatola delle scarpe o una vaschetta trasparente.

Quali oggetti inserire nel cestino?

Se i bambini hanno già iniziato a esplorare casa, possiamo riporre nel cestino gli oggetti che li interessano maggiormente e che possono sperimentare in autonomia e sicurezza. Alcune idee sono:

  • anelli di legno (tipo tende)
  • coperchi di latta (tipo conserve)
  • avanzi di stoffe diverse (dimensioni ridotte o strisce): raso, velluto, pannolenci
  • nastrini colorati in raso
  • mestoli di legno
  • bottigliette in plastica contenenti sabbia o sassolini (ben sigillate)
  • piume finte
  • pigna
  • cucchiaino di metallo
  • conchiglie (integre)
  • anelli di cartone (tipo anima del nastro isolante)
  • rotoli di carta esauriti (tipo carta da cucina)
  • rocchetti di filo esauriti
  • tappi di sughero
  • spugne naturali
  • mollette da bucato (attenzione alle molle)
  • scatoline di cartone o di metallo

 

Norme di sicurezza

E’ meglio non lasciare il bambino da solo con oggetti di piccole dimensioni. Controllarlo sempre. Nel valutare quali oggetti mettere nel cestino dei tesori assicurarsi che non siano rotti, non abbiano parti taglienti, siano puliti e sicuri.

Adeguate il cestino in base all’età del bambino, evitando ad esempio oggetti di carta nel periodo della dentizione.

 

 

 

Image credits: Imagination tree

Precedente Sapevate che Winnie the Pooh è femmina? Successivo Giochi creativi da Tiger per Natale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.