Molto di più di un semplice bagnetto

 

bagnetto al neonato shutterstock_284335529 (1)

Ogni neomamma sa quanto sia importante il momento del bagnetto per il proprio bambino che, molto spesso, segna il passaggio tra le attività giocose del giorno e quelle più calme della sera. Un momento molto intimo che si può trasformare in maniera più incisiva per lo sviluppo cerebrale dei piccoli con qualche accorgimento.

A volte sottovalutiamo l’importanza delle routine per i neonati e per i bambini molto piccoli che hanno bisogno di essere rassicurati, toccati, guardati, ascoltati e hanno l’esigenza di sapere, sempre, cosa verrà dopo per tranquillizzarsi.
Per questo una sana routine giornaliera è importante per i bambini: li aiuta ad avere uno schema in cui ritrovare i propri tempi e la propria serenità.

Il momento del bagnetto si colloca, solitamente, intorno alle 19, orario che segna il passaggio tra il giorno e la sera in cui i neonati sono spesso più irrequieti.

E dunque il bagnetto non è solo un rituale di pulizia ma anche di quiete e relax e di STIMOLAZIONE MULTISENSORIALE. Un momento in cui il cervello del bambino riesce a discriminare gli stimoli piacevoli e a cristallizzarli come tali e a rilassarsi in maniera profonda.

Ne abbiamo parlato a Milano con l’equipe Johnson’s che ha presentato una ricerca appena realizzata sul momento del bagnetto che ha coinvolto più di 3.800 genitori con figli piccoli ed è stata commissionata dal brand Johnson’s e condotta on line da Harris Poll in 8 paesi (Italia, Brasile, Canada, Cina, India, Filippine, Regno Unito e Stati Uniti).

Per aiutare i genitori a capire quanto sia importante il ruolo del bagnetto, JOHNSON’S ha lanciato la sua prima campagna globale: “Molto di Piu’”. La campagna, evidenzia come il momento del bagno sia di più rispetto alla semplice pulizia. E’ un rituale che consente ai genitori di fare emergere il potere dei sensi dei bambini e di trasmettere ai piccoli la capacità di imparare, pensare, amare e crescere. Attraverso la campagna, Johnson’s mostra ricerche che rivelano l’importanza di un’esperienza multi-sensoriale che può portare quindi alla felicità e ad uno sviluppo infantile salutare.

IL BAGNETTO PER I NEO PAPA’

In tutti i nidi in cui ho lavorato come pedagogista, ho sempre consigliato alle neomamme di far fare il bagnetto serale dei bambini ai neo papà. Nella ricerca presentata da johnson’s sul momento del bagnetto emerge che sono ancora solo il 36% i papà che si occupano del bagnetto serale. Di solito lo consiglio sempre poiché, mentre per la mamma che sta insieme al piccolo tutto il giorno e si prende cura di lui con costanza, è più semplice ritagliare dei momenti di intimità, contatto, cura e accudimento, per i papà questo non avviene. Ecco dunque alcuni semplici motivi per cui i papà dovrebbero occuparsene:
• avere 15 minuti di relax alle mamme, per fare una doccia, dedicarsi agli altri figli in maniera esclusiva, preparare la cena e così via
• avere un momento intimo esclusivo del neo papà che, spesso, si sente poco partecipe della diade madre-figlio. Il momento del bagnetto è un ottimo modo per instaurare un rapporto profondo e duraturo, fatto di complicità e relazione tra papà e bambino

Il bagnetto, inoltre, ricorda al neonato l’ambiente in cui è cresciuto, circondato dall’acqua e da suoni ovattati
II rituale quotidiano del bagnetto dovrebbe associarsi a quello del massaggio per sviluppare la corretta stimolazione multisensoriale, allo scopo di favorire lo sviluppo sociale, emotivo, cognitivo e fisico dei bambini.
I bambini guardano il care giver (la persona che si prende cura di loro) beneficiando del contatto visivo, di solito iniziano i primi gorgheggi di risposta ai genitori, il profumo del bagnetto rilassa e genera un ricordo olfattivo di serenità. Per questo possiamo affermare con certezza che fare il bagnetto non è solo pulizia ma un vero e proprio momento costruttivo per lo sviluppo cerebrale.

L’IMPORTANZA DELLA STIMOLAZIONE MULTISENSORIALE
Dalla ricerca Jonhson’s, che ha coinvolto circa 3800 famiglie in tutto il mondo emerge un altro fattore molto importante: Il bagnetto diventa un modo per stimolare, contemporaneamente tutti e 5 i sensi trasmettendo ai piccoli la capacità di imparare, pensare, amare e crescere.

  • Stimolazione visiva
    Il rituale del bagnetto prima e del massaggio poi offrono l’opportunità per la stimolazione visiva che
    • Favorisce una comunicazione precoce
    • Mostra una potenziale elaborazione neurale
    • Fornisce le basi per lo sviluppo sociale
    Il contatto visivo è il modo migliore per stabilire un legame comunicativo.
    I bambini utilizzano il contatto visivo diretto come forma di comunicazione e mostrano addirittura una migliore elaborazione neurale quando un genitore guarda il neonato con il contatto visivo diretto.
  • Stimolazione uditiva
    Un altro senso importante nella comunicazione e nelle emozioni è quindi l’udito Il rituale del bagnetto è proprio l’opportunità ideale per la stimolazione uditiva attraverso l’introduzione di nuovi suoni, come gli spruzzi d’acqua sui piedi del bambino, e per i genitori che possono parlare o cantare al piccolo.
    La voce di un genitore ha infatti un forte impatto sull’elaborazione linguistica dell’emisfero sinistro del cervello, nonché sulle aree coinvolte nelle emozioni e nella comunicazione. Il rituale del bagnetto e del massaggio offrono l’opportunità per la stimolazione uditiva che
    • Crea la memoria per lo sviluppo del linguaggio
    • Migliora la frequenza cardiaca
    • Favorisce il legame tra il bambino e il genitore
    • Riduce lo stress dei genitori
  • Stimolazione olfattiva
    È stato dimostrato che un odore familiare e delicato può rilassare e calmare un bambino che piange, meglio ancora se associato allo stimolo tattile (vedi copertina di Linus oppure oggetto transizionale)
    La stimolazione olfattiva durante il bagnetto
    • È direttamente collegata e influenza le emozioni e la memoria nel cervello
    • Favorisce il rilassamento e migliora l’umore dei bambini e dei genitori
    • Stimola l’apprendimento quando è associata al contatto pelle a pelle
    È stato dimostrato che un profumo piacevole durante il rituale del bagnetto e del massaggio favorisce il rilassamento sia del bambino che dei genitori.
  • Stimolazione tattile
    Dopo il bagnetto, quando il bambino si trova in uno stato di totale relax, si può cogliere l’occasione per godere dei benefici del massaggio e della stimolazione tattile.
    Il contatto pelle a pelle tra il genitore ed il bambino
    • Riduce lo stress nei bambini e nei genitori
    • Favorisce l’aumento di peso
    • Migliora l’umore materno e diminuisce l’ansia

I BENEFICI DEL MASSAGGIO INFANTILE

Consiglio a tutti i neo genitori di partecipare ad uno dei tanti corsi di massaggio infantile per imparare la tecnica da personalizzare per le esigenze del proprio bambino.
Vantaggi del massaggio infantile
• Il massaggio aiuta il care giver e il bambino a comunicare meglio con un linguaggio del corpo fatto di sguardi, sorrisi, carezze, pressioni, delicatezza e amore.
• Il massaggio aiuta i piccoli a superare i problemi di stipsi o di transito intestinale difficoltoso
• Il massaggio favorisce l’espulsione dell’aria nell’intestino (colichette)
• Il massaggio aiuta ad abbassare i livelli di cortisolo che generano stress sia nel care giver che nel bambino favorendo un sonno migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.