Quello che nessuno vi ha mai detto sulla prova costume

Buongiorno a tutti!

Anche se oggi che diluvia non sembra proprio, pare che sia arrivata la primavera.

Il che, da 5 anni a questa parte, per me significa che devo fare il cambio di stagione (che quest’anno ho miticamente già fatto (https://blog.pianetamamma.it/diariodiunamammabradipa/lo-stramaledettissimo-cambio-stagione/ ), e acquistare abiti nuovi per i bambini.

La maggior parte del resto delle persone invece, per lo più femmine, dai 12 ai 50 anni almeno, comincia a tremare in vista della famigerata PROVA COSTUME.

C’è chi si prepara facendo jogging, sfoggiando le tenute estive che lasciano scoperta la pelle bianca e con la pelle d’oca, correndo verso il traguardo del sedere scultoreo.

C’è chi si allena in palestra, con gli sguardi illuminati dal fuoco sacro della sfilata sulla spiaggia e più sudano e più pensano alla possibilità di eliminare un cm di tessuto del loro costume.

C’è chi si mette a dieta e nei corridoi del supermercati, bypassa gli scaffali di dolci e cioccolate, per soffermarsi in quelli dei prodotti sani e Bio e mentre legge le etichette delle calorie, si può sentire il rumore dei suoi pensieri, anzi, proprio quello che dicono come “non è vero che l’insalata  o le gallette di riso sono poco appetitose!!!!”

Chi ha tanti soldi e poca voglia, fa il pacchetto “Un miracolo per te” nei centri di bellezza e via di massaggi, trattamenti, depilazioni e tutto quello che è possibile fare in un mese.

Ma in definitiva, ‘sta prova costume in che consiste? Cioè è scritta o orale? La commissione da chi è formata? Come si classificano le votazioni?

Poiché una blogger (sì lo so non lo sono, ma fa figo più di “mamma a tempo pieno che si diverte a scrivere idiozie”) deve documentarsi seriamente prima di scrivere qualcosa, ho fatto un’accurata indagine e dopo parecchie difficoltà ho scoperto tutto!

Leggete qua:

La commissione è formata da giudici di fitness e bellezza, severissimi e  magrissimi poiché si nascondono dietro agli ombrelloni vicino alla passerella che porta al mare. La prova è una sfilata e i parametri giudicati sono :

  • Ondeggiamento della chiappa: classificata come “Dura e cattiva”, “Soda come il Didò”, “Molle come la crema”. Eh sì, non c’è niente di più crudele della passerella di legno che amplifica ed evidenzia la consistenza del nostro sedere.
  • Depilazione: classificata come “perfetta”, “lametta ti amo”, “lametta ti amo ma ti avevo scordata fino a stamani ed ora ho tutte le gambe rosse ed irritate”. Non c’è niente da fare, se avete tralasciato il più piccolo pelo, il raggio di sole lo colpirà e lo proietterà decuplicato negli occhi di tutti i passanti.
  • Outfit: classificato come “stavo andando ad un matrimonio, ma non ne avevo voglia e sono venuta in spiaggia”, “anche se vengo al mare mi vesto carina comunque”, “tutta la roba brutta e che non mi dona la uso per andare al mare”. Ed è inutile fare uno sguardo vago alla ho preso la prima cosa che mi è capitata in mano, perché nessuno ci crede.

Note di merito o demerito per lo smalto ed il costume scelti.

In più, sappiate che se quando attraversate la passerella o andate sulla riva del mare e vi sembra che tutti vi guardino e parlino di voi, è proprio così! E la maggior parte delle volte parlano male!

Quello che conta però, è che chi ottiene il punteggio migliore, non ha nessuno sconto sul prezzo dell’ombrellone, non avrà bambini che non faranno bizze, non si abbronzeranno con più facilità e non saranno esonerate dal puzzare di sudore se non si lavano.

Potranno essere sorprese da un attacco di diarrea, cascar loro nella sabbia il contenitore di fragole appena aperto, dimenticarsi il bagagliaio della macchina aperta, diventare viola per gonfiare il canottino del pargoletto.

Macchiarsi i pantaloni per il ciclo inaspettato e svegliarsi con un brufolo gigante in fronte.

 

Quindi donne, la morale della favola è: NON è BELLO CIò CHE è BELLO, MA è BELLO CIò CHE NON FA FATICA!

Buon riposo a tutti!

 

Se l’articolo ti è piaciuto, fammi sapere se ci sono argomenti che vorresti che trattassi e seguimi sui social!
Pagina Facebook Profilo Instagram: mamma_bradipa Canale Youtube

Precedente Festa della Mamma:Perché non chiedere MAI: "E tu quando lo fai un bambino?" Successivo La fine della scuola e le mamme lavoratrici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.