Idea super facile ed economica per una tavola a tema Halloween

Care Mamme,

Non so voi, ma io da quando ho Giacomo che mangia al tavolo con noi, per tutti i giorni ho adottato le tovaglie di plastica. Si puliscono con un cencino umido, non si lavano, non si stirano e quando si sciupano si buttano.

Quando c’era gente a cena però, non ero mai attrezzata.

Un giorno, mi ricordai alle 18 che non avevo tovaglie pulite per mangiare con gli amici che avevo invitato, così in extremis mandai il Marito al supermercato a comprare una tovaglia di carta in rotolo.

Però pensai che fosse infinitamente triste.

Così mi venne in mente di farla decorare ai bambini.

Caso volle che quella cena, fosse a fine ottobre, a tema Halloween.

E così presi i pennarelli neri ed arancioni e ci mettemmo a colorare.

Ecco che la tavola bianca si animò di zucche, ragnetti e pipistrelli fatti da Giacomo e di scarabocchi stregheschi fatti da Aurora.

Io approfittai per scrivere il menù ed il nome dei commensali..

Da quella volta, in casa nostra è diventato un rito farlo per le cene con amici.

Oltre al divertimento in sé, è pure utile:

I bimbi se ne staranno buoni almeno 39 secondi mentre voi finite di sistemare (39 secondi regalati non so se rendo!) e pure 12 secondi in più a cena a tavola (Un successone!).

In più con i nomi già scritti, vi eviterete le classiche domande “io dove mi metto?”, “va bene qui?”, “Qui c’è nessuno?”

Noi l’abbiamo cominciata a fare per gli Europei Francia 2016 e poi ci siamo divertiti anche per San Valentino.

 

Insomma se non avete voglia di fare dei veri e propri lavoretti di bricolage per abbellire la vostra tavola, questa può essere un’idea economica, divertente e che rende partecipi i vostri bambini nella preparazione della tavola, facendoli sentire molto orgogliosi.

Quindi, che aspettate? Via a comprare un bel rotolone di tovaglia!

E buon divertimento a tutti!

 

Precedente Il cervello delle mamme...altro che delfini! Successivo Bambini: omologare per non etichettare??? Meglio la filosofia bradipa

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.