Qualche giorno fa, mentre ero in macchina, su radio 105 va in onda il programma “105 trap”; dopo un attento ascolto parte questa mia riflessione…chi sarà Edoardo quando diventerà grande, cosa ascolterà, come parlerà, come agirà…e così nasce questa “lettera di una mamma ad un futuro adolescente”.

http://www.123rf.com

Non voglio passare per una mamma, passatemi il termine, “bigotta”; anche perchè come famiglia siamo già a dir poco fuori dagli schemi. Io con i capelli rosa, insieme al mio compagno entrambi con piercing, lui tatuatore…bhè sicuramente abbiamo una visione molto ampia della normalità.

Durante il programma in onda sulla radio, parte l’intervista ad un gruppo trap, la “Dark polo gang”. Quasi sconosciuta alle mie orecchie fino a quel momento, sento parlare questi ragazzi e la sensazione è simile al fastidio delle unghie che scorrono sulla lavagna. Frasi disconnesse, il suono della voce simile a fagioli in bocca, parolacce, sesso e droga; questi sono i contenuti delle loro canzoni (pensare che quando quando ero adolescente io mi vergognavo a cantare ad alta voce “Albachiara”). Non so se queste nuove influenze musicali sono scritte e cantate con una vena di ironia o altro; ma pensare che mio figlio un domani possa atteggiarsi e ascoltare questa musica…questo sì mi spaventa molto.

Cosa possiamo fare noi genitori per far crescere nel modo corretto i nostri figli in questa società che corre troppo in fretta. Tutti nella vita hanno fatto le loro esperienze, per prima parlo io che sono la sua mamma, e forse dalla mia esperienze posso trarre la soluzione.

adolescente

Quindi figlio mio, vivi, prova, cadi e rialzati, corri ma poi fermati, urla ma poi ascolta, sbatti la porta ma poi riaprila, piangi per poi sorridere, ascolta il tuo silenzio per poi raccontarlo a qualcuno. Quando non vorrai parlare con me ti capirò, ma ti consiglio di parlarne con qualcun’ altro, basta parlarne. Io posso dirti quale sarà la meta giusta, ma la strada da fare solo tu la conoscerai davvero.

Spero di darti la possibilità di appassionarti ad uno sport, a uno strumento musicale o ad un arte come quella di papà, sono le passioni che spesso tengono lontane le tentazioni.

Ricordati che la vita non è solo bianco e nero, ma ci sono tantissime altre sfumature.

Per il momento mi godo il miniadolescente che è in te; che già fa vedere il suo carattere ben definito ma almeno non ha ancora gli ormoni impazziti. Che si limita a cantare a squarciagola la sua canzone preferita…”ui uo ui uo cacchiu” (traduzione della celebre canzone “we will rock you – Queen”) nella speranza che possa essere sempre questo il genere di canzoni che ti possa piacere anche da grande; nel dubbio io continuo con questo lavaggio del cervello.

Cuoredimammamanu

cuoredimammamanu