Due pelosi in una famiglia a colori

Torno a casa e il cane mi aspetta davanti alla porta: “Finalmente sei tornata! Quanto mi sei mancata! Ti amo! Ti adoro!

La gatta, sul divano, sbadiglia:”Perché?  Eri uscita?”

Differenze tra cane e gatto? Innumerevoli e meravigliose al tempo stesso.

Famiglia

Oscar, il viziatissimo cane di famiglia, ha 11 anni e l’arrivo della micina, pochi mesi fa, non è stato per lui motivo di grande entusiasmo. Purtroppo non gli è ancora andata giù del tutto questa “invadenza” felina nel suo mondo dorato. E come dargli torto? Fino a poco tempo prima era il principino indiscusso di casa nostra e si è ritrovato, di punto in bianco, a dover condividere i suoi spazi esclusivi con una piccola smorfiosetta rossa.

Io non ho mai avuto gatti, a dire il vero ho sempre tenuto una certa distanza tra me e loro, perché pensavo fossero esseri ambigui, capaci di ingannarti con le fusa, per poi aggredirti di sorpresa. E non credo neppure di aver sbagliato più di tanto nel giudizio, anche se ora ne comprendo il motivo e ne condivido in parte anche il pensiero.

Non potrei mai vivere con un gatto

Due pelosi in una famiglia

Le mie ultime parole famose.

E poi, un giorno lei irrompe prepotentemente nella mia vita, mi strega e mi rende totalmente succube. Lo ammetto: io la amo!

Ho letto da qualche parte che

se salvi un cane dalla strada, lo porti a casa, lo nutri, lo curi e lo coccoli, lui te ne sarà per sempre grato e ti adorerà come un dio.

Se fai la stessa cosa con un gatto, questo si sentirà talmente importante, da credersi, alla fine, lui stesso un dio.

Se ci pensi bene, questa storia offre importanti spunti di riflessione, specialmente per ciò che riguarda la filosofia della vita, insegnando che la prospettiva cambia a seconda del punto da cui la si guarda, generando così più verità, senza che nessuna debba necessariamente escludere le altre.

Forse, ti starai chiedendo quale ruolo possano ricoprire questi due pelosi all’interno della nostra famiglia. Ti rispondo affermando che ne sono parte integrante, a tutti gli effetti.

Io credo fermamente che gli animali siano un valore aggiunto per un nucleo familiare in cui vivono dei bambini. Le esperienze che si possono collezionare nel corso degli anni sono davvero preziose per la crescita emotiva, equilibrata di una persona, nel pieno rispetto delle diversità e della salvaguardia dei più deboli.

 Per tornare alla home clicca QUI

Se vuoi seguirmi su fb e restare sempre informata/o, clicca QUI

Precedente Chi ben comincia... Successivo Il colore della pelle spiegato dai bambini

4 commenti su “Due pelosi in una famiglia a colori

  1. Denise Repetto il said:

    Io da 2 gatte sono passata a 4 ( l’ultimo è un maschio ) + 3 “esterni “, un tribù di 7 pelosetti con caratteri diversi tra loro e che ogni giorno mi insegnano molto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.