8 consigli per crescere figli maschi rispettosi delle donne

CONSIGLI PER CRESCERE FIGLI MASCHI RISPETTOSI DELLE DONNE

Mi sento molto coinvolta in questo discorso: primo perché sono donna, poi perché ho subito violenza, infine perché sono madre di un figlio maschio e per nessun motivo al mondo, MAI, vorrei dover crescere un piccolo despota. Ecco allora in che modo comportarsi contro le insidie che ogni giorno portano una madre (e tutta la famiglia) ad adeguarsi agli stereotipi di genere più o meno consapevolmente.

LEGGI ANCHE: Come affrontare i litigi tra bambini

GLI STEREOTIPI DI GENERE

Quando Matteo aveva 2 anni ho costruito per lui la minicucina di legno, era Ottobre 2009. A Natale chiese cicciobello bua e lo ricevette da Babbo natale. In quell’occasione venni molto criticata dalle persone che avevo intorno poiché non è bene che un bambino giochi con le bambole e con le minicucine. Ecco. Contro questo ho sempre lottato, anche a scuola. I bambini devono poter giocare con tutto quello che desiderano e non esistono giochi da maschio e giochi da femmina a quell’età. No

CONSIGLI PER CRESCERE FIGLI MASCHI RISPETTOSI

Ecco delle cose da non fare o dire mai in presenza dei bambini.

  1. Non dite MAI “questa cosa è da femmina” soprattutto quando sono molto piccoli e vogliono mettere lo smalto, giocare con le barbie oppure a travestirsi e truccarsi.
  2. Attenzione ai papà: non accettate di essere trattate in modo poco rispettoso dai vostri compagni. Questo è il primo modo per insegnare a vostro figlio il rispetto per le donne.
  3. Dietro ad un uomo violento c’è una madre complice. Non dimentichiamolo mai. Cerchiamo di non giustificare azioni che sembrano banali scherzi tra bambini ma siamo intransigenti e pensiamo sempre:”se qualcuno l’avesse fatto a mia figlia o a me come avrei reagito?”
  4. Non permettiamo ai bambini di trattarci male, di risponderci male o di avere atteggiamenti poco rispettosi con noi. Vedo bambini despota all’uscita della scuola che non appena vedono le mamme mollano le cartelle e nemmeno salutano. Non va bene. L’educazione si vede anche dai piccoli gesti.
  5. Non giudicate MAI davanti ai bambini i comportamenti di altre donne con attributi poco graziosi. A volte capita di fare commenti sull’abbigliamento di una o sui modi di un’altra. In questo modo siamo noi le prime a sminuire la categoria.
  6. La forza fisica non è cosa di cui vantarsi: non si picchia e non si offende, quando si litiga coi compagni lo si fa nel massimo rispetto siano essi maschietti o femminucce
  7. Piangere, abbracciarsi e coccolarsi NON è cosa da femmina. Tutti piangono, tutti amano le coccole e tutti si abbracciano.
  8. Insegniamo ai bambini l’ordine e l’autosufficienza. I bambini devono saper fare una serie di cose…che sono quelle che rimproveriamo di non saper fare ai nostri compagni: stirare, riordinare, lavare i piatti e cucinare. Se non glielo insegniamo fin da piccoli con compiti adeguati alla loro età non lo impareranno più.

PER APPROFONDIRE: Chi mena per primo mena due volte

Precedente Dorayaki giapponesi: la ricetta dei dolcetti di Doraemon Successivo Vizi dei bambini: i 10 vizi che ho dato a mio figlio

Un commento su “8 consigli per crescere figli maschi rispettosi delle donne

  1. LIBERI DI GIOCARE
    di Germana Bruno

    C’è un mondo tutto rosa e coi fiocchetti
    dove entrare non possono i maschietti,
    ce n’è un altro più aggressivo e colorato
    dove alle femminucce l’accesso è vietato.
    Vorrei proprio sapere chi l’ha detto
    quel che è da femminuccia o da maschietto,
    perché mi pare strano questo fatto,
    se un gioco è per bambini a tutti è adatto.
    Siam bimbi e siam bambine, mi sta bene,
    però vogliam giocare tutti insieme,
    se Paolo cullerà la bambolina,
    Maria farà un giretto in macchinina.
    C’è poi chi chiama “giochi” le pistole,
    può esser gioco ciò che fa del male?
    È tanto assurdo lasciamelo dire,
    pensar che un maschio questo possa fare.
    Il gioco è proprio bello e fa imparare
    se si è davvero liberi di giocare,
    non c’è gioco da maschi o da bambine,
    la fantasia non ha né genere né confine.

I commenti sono chiusi.