USTIONI: I PERICOLI DOVUTI AD ACQUA E FUOCO

USTIONI: I PERICOLI DOVUTI AD ACQUA E FUOCO

Attenzione ai piccoli incidenti domestici

La casa, da sempre, considerata il rifugio sicuro,, spesso può nascondere grandi pericoli per i nostri bimbi. Tra le principali insidie: le ustioni dovute al fuoco e all’acqua.

Acqua

Spesso la fretta e l’abitudine ci portano ad abbassare la guardia, per cui ci troviamo facilmente a traspore  contemporaneamente il bambino e bevande bollenti, come tazzine di caffè o acqua calda per tisane o té. Facilmente il piccolo potrebbe muoversi o afferrare bicchieri o tazzine, ribaltandole su di sé o su di noi.Talora piccole quantità di liquidi bollenti possono provocare gravi ustioni.

Consigli

Ogni bambino si sa è molto attirato dall’acqua ma non ne conosce i pericoli, anche in ambiente domestico e per modeste quantità, pertanto è bene:

  • svuotare sempre tutti i recipienti ;
  • tenere sempre chiusa la porta del bagno;
  • non lasciare mai il bambino da solo nella vasca del bagno, nemmeno per pochi istanti: ogni nostra distrazione anche breve può rappresentare un grave pericolo;
  • regolare la temperatura dello scaldabagno al massimo a 55° C;
  • non lasciare mai accesi gli elettrodomestici (asciugacapelli, in particolare !) in prossimità della vasca da bagno;
  • all’aperto, non far giocare mai il bambino in prossimità di pozzi, rivi o canali di irrigazione

Fuoco

Parimenti, un bimbo nel momento in cui inizia a gattonare, può raggiungere lo sportello del forno o il radiatore o altri elettrodomestici da cucina ed ustionarsi.

Consigli

Quando si cucina o siamo indaffarati, occorre mettere il bambino in un luogo sicuro, come ad esempio il box,  finché non siamo nuovamente in grado di dedicargli tutta l’attenzione che merita.

Un bambino non conosce cosa sia pericoloso pertanto è portato a toccare per esplorare quanto lo circonda.

Alcuni accorgimenti:

  •  utilizzare in cucina una barriera protettiva dei fornelli; tenendo per presente che la cucina è il vano della casa più pericoloso;
  • quando si cucina, occorre fare in modo che i manici delle pentole siano sempre rivolti verso il muro;
  • regolare la temperatura dello scaldabagno al massimo a 55° C. Possono essere utili i rilevatori di fumo e controllatene periodicamente il funzionamento.

Se, nonostante le precauzioni adottate, il bambino dovesse ustionarsi, occorre immergere la parte colpita in acqua fredda finché il piccolo non si sarà tranquillizzato (probabilmente fraspavento e dolore potrebbe piangere a lungo); coprire quindi la parte colpita con una fasciatura morbida e pulita, ed avvisare il pediatra o il Pronto Soccorso Pediatrico più vicino. 

Precedente IL 112 DA OGGI NUMERO UNICO PER LE EMERGENZE Successivo IL TRAUMA CRANICO