Sogni d’oro, bambini!

SOGNI D’ORO, BAMBINI!”

Il sonno è per tutti gli uomini ciò che la carica è per l’orologio.” (A. Schopenhauer)

Il sonno rappresenta un bisogno primario ed è un momento importantissimo per tutti, in particolare per bambini ragazzi che devono dormire tanto e bene.

A cosa si deve questa importanza?

Al fatto che durante il sonno si verifica un rimodellamento delle connessioni cerebrali a favore dell’apprendimento e della memoria.

Quindi dormendo bene, il nostro corpo si ristora ed ha la carica giusta per ricominciare.

Nel mese di giugno 2016 si è tenuto a Seattle un congresso internazionale, durante il quale gli esperti dell’American Academy of Sleep Medicine (SAMA) hanno discusso i risultati di nuove ricerche, condotte recentemente, sull’importanza del sonno nei bambini e negli adolescenti e su come lo stesso possa influire sulle loro future capacità mentali.

IL SONNO PERMETTE AL CERVELLO DI AUTOPULIRSI.

Un gruppo di scienziati dell’Università di Rochester, in un recente studio sugli animali ha scoperto che durante il sonno il cervello si “autopulisce”, eliminando le cose inutili.

Per effettuare questa operazione utilizza una rete di canali che ricordano un vero e proprio sistema idraulico che si apre proprio durante il sonno.

Gli studiosi dicono che questo processo di pulizia necessita di molte energie e per questo il cervello ha bisogno di “aspettare” fino all’ora della buonanotte per attivare questa rete di canali ed eliminare le sue “scorie”.

Un’altra ricerca recente conferma che il riposo notturno senza interruzioni è di grandissima importanza per i bambini, perché, in particolare dalla mezzanotte alle 6 del mattino viene prodotto l’ormone della crescita, necessario per lo sviluppo dei tessuti e dei muscoli, lo afferma Shalini Paruthi ricercatrice del SAMA.

CORRELAZIONE TRA MANCANZA DI SONNO E DISTURBI DA DEFICIT DI ATTENZIONE, OBESITA’ E PROBLEMI COMPORTAMENTALI

Oltre ai problemi fisici, il mancato riposo può anche causare disturbi comportamentali ed emotivi. Può ridurre la capacità di attenzione dei bambini e anche provocare disturbi analoghi a quelli riscontrati per il Disturbo da deficit di attenzione e iperattività, spiega la ricercatrice Paruthi del SAMA.

Infatti uno studio condotto su quasi 2.500 giovanissimi, dai 6 ai 15 anni, ha confermato che i ragazzi con problemi di sonno hanno maggiori possibilità di essere iperattivi, impulsivi ed avere comportamenti aggressivi.

Altre ricerche, presentate in occasione di questo congresso, si sono inoltre focalizzate sulla correlazione tra la mancanza di sonno e lo sviluppo dell’obesità e del diabete.

Il sonno, infatti, regola il sistema neuroendocrino e la glicolisi (il metabolismo del glucosio), quindi quando i più giovani non dormono a sufficienza, questi processi vitali possono alterarsi.

GLI ADOLESCENTI SONO I SOGGETTI PIU’ A RISCHIO

Per gli adolescenti i problemi del sonno sono in gran parte legati al moderno stile di vita.

Il direttore dello Yale Pediatric Sleep Center, Craig Canepari, cita uno studio recente nel quale si rileva che il 90% dei teenager americani non dorme a sufficienza.

Quali sono le cause?

L’eccessiva mole di impegni e programmi da rispettare e, dulcis in fundo, la tecnologia.

Molti adolescenti dormono con lo smartphone sotto il cuscino e si svegliano per rispondere ai messaggi: la luce blu o bianca dello schermo è simile alla lunghezza d’onda della luce del sole e sveglia il cervello.

IL NUMERO DI ORE DI SONNO RACCOMANDATE

Le linee guida della “National Sleep Foundation” raccomandano quanto segue:

dai 4 mesi ad 1 anno: 12-16 ore, sonnellini compresi

da 1 anno a 2 anni: 11-14 ore, sonnellini compresi

da 3 a 5 anni: 10-13 ore, sonnellini compresi

da 6 a 12 anni: 9-12 ore

adolescenti, 13-18 anni: 8-10 ore

Gli ultimi due gruppi meritano un’attenzione particolare, perchè, come dicono gli esperti, non mantenere i giusti ritmi sonno-veglia può provocare gravi problemi di salute, con scarso rendimento scolastico, sbalzi di umore, disordine alimentare, fino a proprie e vere sindromi psichiatriche.

In questi termini, diventa fondamentale l’impegno dei genitori che si dovrà focalizzare soprattutto sulla qualità e sulla durata del sonno dei bambini e dei ragazzi.

Cosa consigliano gli esperti per un riposo sano e rigenerante?

  1. Eliminare la TV dalla camera da letto: meglio guardare insieme a tutta la famiglia programmi adeguati a seconda dell’età
  2. non permettere di usare smartphone, pc e tablet perchè disturbano l’addormentamento e favoriscono il risveglio notturno
  1. evitare la sera un’alimentazione troppo abbondante
  2. mantenere nel fine settimana o nelle vacanze dei ritmi sonno-veglia simili a quelli della settimana (anche se alcuni cambiamenti sono nella normalità delle cose)

Infine una citazione di W. Shakespeare:

Il sonno è balsamo dell’anima stanca e nutrimento principe del banchetto della vita”.

Elide Olmo sogni d'ora

Precedente “IL NOME DELLA ROSA” di Filippo Dagnino Successivo Retinoblastoma